20 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



3 aprile 2006

Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

Vorrei riflettere con voi con molta umiltà intorno a questioni davvero grandi. Mi sembra che oggi la vera umiltà, che è fedeltà alla terra (humus) e alla nostra umanità, ci costringa a pensare in grande, ad arrischiarci in visioni sintetiche, ad allargare lo sguardo su panorami millenari. Molti autori viceversa, che oggi sembrerebbero percorrere vie più modeste, privilegiando l’osservazione di una quotidianità sempre più piatta, volando basso, e spegnendo ogni ardore visionario, mi pare che il più delle volte nascondano una sorta di infantile presunzione, quella cioè di chi appunto presume di non avere più nulla di grande da imparare, e pretende per di più di imporre la propria miopia come visione universale insuperabile. La psicologia del profondo ci ha insegnato che questi atteggiamenti sono in realtà delle semplici difese. Questi autori, questi registi, questi artisti, questi filosofi hanno solo una paura tremenda di esporsi all’ignoto e alla propria trasformazione. E purtroppo, in questi ultimi decenni, come già diceva Oscar Wilde, proprio chi non è più in grado di imparare, si è messo ad insegnare.

Questa piccola riflessione che vi propongo si terrà prossima alla mia esperienza poetica personale, ma vorrebbe essere anche un omaggio alla memoria di Martin Heidegger, a trenta anni dalla sua morte, e al contempo una specie di lettera di augurio a tutti i miei amici e a tutte le mie amiche che scrivono versi. Ci sono dapprima però alcune coincidenze temporali che vorrei indicarvi. Il mio primo scritto su Hoelderlin è del 1976, anno di morte di Heidegger, mentre la mia prima conferenza per il Centro Montale la tenni nel 1986 proprio su La Svolta di Heidegger, per i dieci anni dalla sua morte. E oggi nel 2006 torno con Maria Luisa Spaziani, in un nuovo esordio delle nostre attività seminariali, a parlare proprio di un’interpretazione di Hoelderlin fatta da Heidegger, per il trentesimo anniversario della sua morte. Ma la catena continua ampiamente all’indietro. Heidegger tenne la famosa conferenza “Perché i poeti” nel 1946, esattamente 60 anni fa, in occasione dei 20 anni dalla morte di Rilke (1926). D’altronde Hoelderlin, autore del verso “Perché i poeti nel tempo di carenza”, che ispirò il discorso di Heidegger, fu ricoverato nel 1806, proprio 200 anni fa, mentre la sua prima raccolta uscì nel 1826 (cento anni prima della morte di Rilke), seguita dalla più completa edizione Schwab nel 1846 (a cento anni esatti dalla conferenza di Heidegger). Nel 1936 infine, esattamente 70 anni fa, Heidegger tenne proprio qui a Roma la sua prima conferenza su Hoelderlin e l’essenza della poesia.
Dico questo perché io credo che non esista alcuna casualità degli eventi e che la maturazione segreta del destino lanci sempre segnali per chi osa credervi. All’inizio della sua conferenza Heidegger, riferendosi appunto al verso “..e perché i poeti nel tempo della povertà?”, diceva: “Oggi comprendiamo a stento la domanda. Come potremo intendere la risposta che Hoelderlin dà?”. Già Hoelderlin ci aveva d’altronde avvertito: “Lungo è il tempo, ma avviene/ Il Vero”. Forse oggi possiamo comprendere qualcosa di più di ciò che le intuizioni di Hoelderlin intravidero e le visioni di Heidegger incominciarono a descrivere.

Mi soffermerò solo su 2 punti cruciali impliciti nel titolo stesso della nostra conferenza: innanzitutto vorrei dire qualcosa sulla singolarità del nostro momento storico, qualificato addirittura come “fine di un mondo”, e poi vorrei indagare su che cosa significhi essere poeti in questa fase.
“L’epoca a cui manca il fondamento pende nell’abisso. Posto che, in genere, a questa epoca sia ancora riservata una svolta, questa potrà aver luogo solo se il mondo si capovolge da capo a fondo, cioè se si capovolge a partire dall’abisso.” Così Heidegger descrive questa fase della storia, e questa frase così apodittica e severa posi a fondamento del mio primo libro teorico La Svolta – La fine della storia e la via del ritorno (Jaca Book 1987). Ora ciò che vorrei sottolineare è l’estrema ambiguità del tempo che ci è toccato da vivere. Da una parte stiamo attraversando una sorta di liquidazione universale dei significati, in cui tutto sembra con-fondersi o disgregarsi, perdendosi in una notte caotica e senza vie di uscita. Dall’altra, proprio in questo calderone planetario in cui tutto si mescola, sembra emergere e farsi strada qualcos’altro. E’ come se stessimo sopportando in presa diretta, anzi negli stessi metabolismi fisici del nostro corpo, l’alternanza tra due mondi e quindi tra due figurazioni del nostro stesso essere uomini, una morente appunto e un’altra appena nascente. Questo spiega, tra l'altro, perché tutta la mia poesia sia strutturalmente dialogica e a due voci: è infatti proprio nella notte del mio più penoso tramonto che irrompe l’Altra Voce, come scrivevo nella Nota al mio primo libro di poesie Il Giorno (Scheiwiller 1988): “Quando la Voce del Giorno, la Chiamata, irrompe nell’atmosfera plumbea della coscienza ordinaria ego-centrata (…) allora rispondere davvero significa aprirsi, spalancare le vetrate dell’ascolto”.

Il problema che si apre è: Chi parla dentro il mio annottamento? Chi risponde alle mie domande sempre più inquiete? E’ su questo punto che si concentra e si infiamma l’esperienza poetica davvero contemporanea: Qualcuno parla in me e tramite le mie parole, ed è proprio questa scoperta l’inizio di una nuova era antropologica. I poeti non sono altro cioè che i precursori di una modalità inedita di sperimentare la propria umanità come soggettività in relazione: Io sono solo in quanto sono in dialogo con Te. Ricordate Rimbaud: “E’ falso dire: Io penso: si dovrebbe dire io sono pensato. – Scusi il gioco di parole. IO è un altro. Tanto peggio per il pezzo di legno che si ritrova violino.” L’io umano è solo uno strumento, sia pure libero e cosciente, di una trasmissione di pensiero. Non è il lettore CD a creare la musica. Non è il cervello a produrre la nostra parola. Noi siamo semplici recettori, la fonte dell’armonia è ben altra. E questa rivelazione segna propriamente la fine del mondo dell’io monologante, e il primissimo mattino di un mondo in cui l’io umano scopre (ad un nuovo e inedito livello di profondità) di essere abitato, ispirato, e guidato in un dialogo pieno di amore con la fonte stessa del proprio essere.

E qui arriviamo al secondo punto della nostra riflessione: che cosa significa essere poeti oggi, alla fine del mondo dell’io ego-centrato? Torniamo alla conferenza di Heidegger del 1946: “L’essenza del poeta che in tale tempo è veramente poeta richiede che in lui poeticità e vocazione alla poesia divengano questioni poetiche a partire dalla povertà del tempo. Perciò i poeti del tempo della povertà debbono espressamente poetare l’essenza stessa della poesia. Quando questo succede è da presumersi l’esistenza di un mondo poetico conveniente al destino dell’epoca. Noi dobbiamo imparare a udire ciò che dicono questi poeti, se non vogliamo vivere superficialmente e inconsapevolmente”. I poeti contemporanei non possono che poetare l’essenza dialogica del proprio dire, non possono che sperimentare il miracolo continuo di un’Altra Voce che parla in me e mi fa vedere in altro modo ciò che sto vivendo, ciò che sta succedendo sulla terra. Non possiamo che farci porta-voce di questa Voce, in quanto è la sua emersione liberatoria ciò che sta accadendo, e i poeti non possono che testimoniare e cantare il Presente Accadere. Perché i poeti alla fine di un mondo, dunque? Per far risuonare la Voce del Giorno dentro l’avanzatissimo annottamento, per essere umilissimi strumenti dell’attuale passaggio di umanità, al servizio del Nascente.

Farci canali sempre più servizievoli di quest’Altra Voce è un compito arduo e pericoloso sotto molteplici punti di vista. A livello di società letteraria non verremo facilmente capiti né accettati. La maggior parte della produzione editoriale infatti è restata “monologante” non solo dopo Hoelderlin, ma anche dopo Rimbaud, o dopo Celan o Luzi, e anche i più giovani sembrano quasi tutti ancora incapaci di un vero ascolto dell’Altra Voce. Rimbaud colpiva perciò nel segno quando diceva: “tanti egoisti si proclamano autori”, ci sono tanti “funzionari, scrittori”, ma “autore, creatore, poeta, quest’uomo non è mai esistito”. Ma forse Rimbaud esagerava anche un po’, forse è solo una questione di proporzioni. Proviamo ad essere solo un po’ meno egoisti, proviamo a metterci un po’ più in silenzio, proviamo a fare domande e a porci in ascolto di risposte inaudite non nostre. Vorrei veramente che tanti amici e amiche che scrivono versi potessero uscire dalla chiusura claustrofobica del nostro io morente, che continua il suo secolare e inutile piagnisteo, e potessero sperimentare di persona la verità inebriante di queste parole di Paul Celan: “Quaggiù/ filtra donata da notti/ una voce/ dalla quale attingi la bevanda”. Perché non vogliamo bere e dissetarci? Perché continuiamo a credere che esista solo il nostro deserto? Perché non ci slanciamo nel processo della nostra liberazione? Perché continuiamo ad inquinare l’aria e i cuori con i fumi mefitici delle nostre presunzioni infantili? Perché ci accontentiamo come poeti di questa spaventosa irrilevanza sociale, determinata dal fatto che le nostre parole non trasmettono la forza sorgiva di ciò che sta nascendo nel cuore di tutti?

Abbiamo bisogno di poeti che siano canali umilissimi di Colui che sta venendo in noi, e che può avvenire solo nel nostro diventarlo. Ma questo richiede l’abbandono di molte istituzioni letterarie che appartengono al mondo del passato, e quindi una grande propensione alla povertà e una sconfinata fiducia nella gioia della vita vera: “La sventura della parola, la crisi di identità che essa manifesta in chi la esperimenta, è ciò che accade allorché ci si rifiuta – e certamente per orgoglio, perché esso deriva dai sogni di sovranità della persona – di lasciarsi invadere e trasformare da un’identità superiore: quella che unisce a se stessa, nell’immediato, il tutto dell’universo come tale; quella che fa di noi una delle sue parti, semplicemente, ma ci ricolma in questo modo di una evidenza, di una musica”(Y. Bonnefoy). Slanciamoci, fratelli e sorelle, nel turbine salvifico della nostra trasformazione, impariamo ad ascoltare le lezioni che l’Altra Voce, la Voce del Nascente, continua a darci, se la ascoltiamo con tutto il nostro cuore svuotato, povero, e devoto. Queste lezioni sono parole davvero nutrienti, sono energie potenti, contengono i ricostituenti della nostra umanità e le direttrici del disegno divino che guida i destini del mondo.

Permettetemi di chiudere questo splendido incontro con voi con una piccola poesia che si intitola appunto Dal parlatoio, e che si trova nella mia ultima raccolta Nella mia storia Dio (Passigli 2005). All’inizio sono citate queste parole tratte dal Vangelo di Matteo: “quello che ascoltate all’orecchio predicatelo sui tetti”(10,27):

Dal parlatoio dell’altro mondo
Io sento il tuo respiro
Di visitatore.
Dalle grate
Che sfumano io avverto
Venire le parole, e la legione
Virale dissiparsi.

Non c’è più odio.

Credimi!
E’ forte la parola che ti mando.
La guarigione
Passa per gocce
Medicamentose, per idee.
Scrivile
Tu.
E’ il ricostituente
Planetario.
Non c’è armamentario
Che ti serve. Va’ come sei.
Spargi il mio contagio
”.


Conferenza tenuta presso la Biblioteca della Camera dei Deputati in Roma il 14 marzo 2006.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri