24 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



19 maggio 2006

Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

1. Come si sa Emily Dickinson non aveva nessun interesse per la vita letteraria, tanto che non desiderava neanche pubblicare le sue poesie. Eppure possedeva una coscienza piena della propria vocazione, che le faceva esclamare, già a 21 anni: “Noi che ci dilettiamo ad immaginare di essere gli unici poeti mentre tutti gli altri sono prosa”. Ed inoltre aveva una considerazione addirittura suprema dell’essere poeti: “Valuto – quando faccio il conto/ al primo posto – i poeti – poi il Sole -/ poi l’estate – poi il cielo di Dio -/ e poi – la lista è finita “ (569).
Per lei fare poesia significa infatti penetrare nel mistero della vita per trasformarla da dentro. Fare poesia significa essenzialmente esercitare una inesausta pratica conoscitiva della propria anima, al fine di guadagnare un punto di vista nuovo e, direi, felice sulle cose, sull’esistenza terrena e sul mondo: uno sguardo che finalmente veda. Che cosa? Emily dice con chiarezza: “le cose/ che nessun orecchio ha udito,/nessun occhio scrutato”(160). Ma questo Mistero Invisibile ci si rivela contemplando in trasparenza le cose più ordinarie: un uccellino, un albero fuori della finestra, un ragno. Non è lontano da noi, è solo velato. In tal senso Emily scrive in una lettera del febbraio del 1863: “Il soprannaturale è soltanto il naturale rivelato. Non è la rivelazione che attende/ ma i nostri occhi non ancora pronti”. E’ la nostra anima che deve imparare a vedere, a divenire poetica, e quindi veggente, per scoprire nelle cose più ordinarie il Significato più sorprendente: “amazing sense/ From ordinary Meanings”(448).

2. Imparare a vedere è qualcosa che ha a che fare con il mistero della morte. Ordinariamente, con i nostri occhi di carne, noi vediamo infatti che le persone e tutte le cose nascono, crescono, e muoiono, svanendo nel nulla. Emily è ossessionata dal pensiero della morte, più di 500 poesie sono infatti incentrate sul morire. Ella osserva e descrive con precisione a volte raggelante le ultime espressioni facciali del morente, quasi a volergli strappare l’ultimo segreto. La morte è sempre con lei, pronta a rubarle le persone più care: “Ah, Morte troppo esigente! Ah democratica Morte! Che ha ghermito la più altera zinia del mio giardino – e poi ha stretto forte al suo petto la bambina del servo! Ditemi, è dappertutto? Dove nasconderò i miei tesori? Chi è vivo?”(Lettera del 6.11.1858).
E’ dunque tutto qui? Non c’è altro da dire? Possiamo solo temere e sfuggire la morte, rinviare una condanna capitale che annienta il senso di tutta la vita? Oppure qualcos’altro è possibile? Oppure c’è dell’Altro da scoprire? Su questa seconda ipotesi si gioca la scommessa di tutta la vita di Emily: “Le sole notizie che conosco/ sono bollettini tutto il giorno/ dall’Immortalità.// I soli spettacoli che vedo/ domani e oggi/ forse l’Eternità// l’Unico che incontro/ è Dio”(827).

3. Ma come conquistare quest’intimità con l’Eterno, questa nuova chiaro-veggenza? E poi che cosa realmente riusciamo a intravedere da lì, da quello stato?
Potremmo dire così, seguendo la lezione di Emily: per toccare almeno in minima parte il mistero della (nostra) eternità, e cioè della vita come esperienza eterna, dobbiamo reiteratamente morire a quel punto di vista mortale, che ordinariamente ci imprigiona. Anticipando la morte, scopro in me qualcosa che non è mortale, un’adesione all’essere da cui scaturisce un nuovo dire, oltre che un nuovo vedere, come precisa molto bene Yves Bonnefoy a proposito di Baudelaire: “Morto, già morto, già colui che è morto in un qui e in un adesso, Baudelaire non ha più bisogno di descrivere un qui e un adesso. E’ in loro e la sua parola li reca”. Questo morire coincide con il crollo di ogni nostro orientamento “naturale”: “Sentivo un funerale nel cervello”(280). Per vedere l’Eterno la nostra mente spazio-temporalizzata dev’essere cioè letteralmente liquidata, insieme alla visione del mondo che su di essa si fonda: “il tempo qui non aveva più base,/ era svanita ogni misura “(1159).

4. In questi istanti supremi (cfr. The Soul’s Superior instants, 306) l’Anima concepisce l’Eterno come una dimensione del tutto familiare: l’Eternità non è altrove o dopo la morte; ma si rivela come il risvolto, la custodia d’amore del tempo mortale (1684). Ed è proprio l’Anima umana quell’essere bifronte, la “finita infinità”(1695), che coniuga l’Eterno (il Cielo) al tempo de-finito (la Terra), che cioè li tiene insieme, consustanziale ad entrambi (370). L’Anima umana, se resta fedele all’Eternità cui appartiene, se adesso se ne ricorda (cfr. Forever is composed of nows, 624), concepisce appunto l’Eterno (pro-creandolo) nelle sue forme temporali, e allora questi momenti passeggeri, questi corpi transitori, questi fiori che amiamo non sono destinati al nulla (che non è), ma sono tutti figure dell’Eterno, che provengono dall’Eterno, sono anche ora nell’Eterno, e torneranno nell’Eterno, da cui mai si separarono. E’ solo l’Anima che deve imparare a concepire le cose così, a svegliarsi, e quindi a concepire anche se stessa come figlia e insieme come madre dell’Eterno, riconoscendo la propria sovrana dignità: “Il Paradiso dipende da noi./Chiunque voglia/Vive nell’Eden, nonostante/Adamo e la cacciata”(1069). Qui Emily tocca il mistero centrale del cristianesimo: l’Anima-Maria, ri-coniugata con l’Eterno (“Bride of the Father and the Son/Bride of the Holy Ghost”, 817), concepisce l’Eterno come Figura Umana de-finita, come Figlio, che è insieme figura finita ed immagine eterna: figura che la morte non può quindi distruggere, ma anzi riconsegna allo splendore eterno da cui proviene. L’Anima Umana concepisce quindi l’Eterno non con una semplice comprensione intellettuale, ma con la fatica tutta carnale di una reiterata gravidanza: la concezione dell’Eterno, in altri termini, non è un concetto ma un concepimento.
Vedendo e concependo la vita così, possiamo davvero cantarne la lode, celebrarne la bellezza eterna e passeggera, ed impegnarci in essa con tutto il cuore.


Testo pubblicato nel catalogo della manifestazione Concepire l'infinito, organizzata a Roma dal Comune e dall'Istituzione Biblioteche.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri