20 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



27 luglio 2006

La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

INTERVISTA
Per il poeta Guzzi «la "Deus caritas est" indica come superare le contrapposizioni della modernità per far emergere le forme di relazione guidate dall’amore»

Dall'agape nasce l'uomo nuovo

«Abbandonare i confini conosciuti è un processo doloroso, ma il cristianesimo è proprio questo: l'annuncio di un'umanità non bellica, che ama il nemico. Ancora dopo duemila anni, è un'idea difficile da accettare»

Epoca del cambiamento, modernità liquida, società del rischio… quante espressioni sono state forgiate per tentare di definire questi nostri anni di trasformazioni radicali, in cui l'insicurezza sul presente rende difficile guardare al futuro. E se questo fosse in realtà il tempo in cui il guscio si rompe per lasciare uscire un uomo nuovo? E se il fondamento di questa nuova umanità fosse quell'amore a cui Papa Benedetto XVI ha dedicato la sua prima enciclica, e la cultura di pace che da quell'amore discende?
«Certamente partire dal cuore della fede cristiana è un ottimo punto per ricominciare, e l'amore è altrettanto sicuramente il cuore di quella nuova umanità, che trova la sua forza non nella contrapposizione, ma nella coniugazione, quindi nella relazione d'amore ai vari livelli. Ma per rilanciare il tema centrale dell'amore, dobbiamo "confessare" con chiarezza le forme storiche, ingombranti e oppressive in cui per secoli l'amore, sia quello coniugale, sia quello sociale, è stato controtestimoniato».
Marco Guzzi, nel suo La nuova umanità(Paoline, pagine 232, euro 12,00), sostiene appunto che, se è vero che molte identità si stanno consumando, è vero anche che si tratta di un processo doloroso di trasformazione che sta facendo emergere il nuovo. Non a caso il libro appartiene alla collana Crocevia, nata con l'ambizione di leggere il nostro tempo proprio in questa chiave. Ciò che si sta liquefacendo, per dirla con Bauman, è chiaro: «Delle varie figure identitarie, a partire da quelle di genere fino alle identità nazionali, religiose, storico-culturali, si sta consumando la natura bellica. La storia, a partire dalla nascita della scrittura, è interamente una storia di guerre, cioè di identità fondate sulla contrapposizione, l'esclusione, l'uccisione dell'altro. E questo a partire appunto dalla relazione maschio-femmina: abbiamo creato identità maschili e femminili fondate sulla separazione netta e rigida; poi il maschio fa la guerra e scarica contro altri maschi amati e odiati, camerati e nemici, un fuoco erotico che, siccome è incapace di dare vita coniugandosi, dà la morte al proprio genere».

Se è questo che stiamo perdendo, abbiamo pochi rimpianti. Resta il fatto che si tratta di un processo doloroso. «Certo, perché tutti noi umani siamo profondamente attaccati alle nostre prigioni. Ci identifichiamo con i limiti, con le cose che ci mutilano. Perciò anche il processo di liberazione in senso cristiano (il mio è un discorso cristologico: il cristianesimo è l'annuncio della nascita di una umanità non bellica, che ama il nemico), provoca forti resistenze».
Quando è iniziato il processo di trasformazione? «Duemila anni fa, ma si è concentrato negli ultimi cinque secoli, drammaticamente ambigui: hanno portato libertà inedite (la democrazia, l'emancipazione della donna, l'affermazione del valore di ogni singola persona, la contestazione del sistema dei valori di casta e di classe), però quale dolore ha implicato, quali controfigurazioni, quali estremismi ha generato il processo della modernità, e quali stermini di popolazioni (americane, africane), quali sfruttamenti abominevoli della Terra! Ma nonostante questo tutta la modernità va letta come segno di una nuova umanità nascente, già a partire dalla rivoluzione copernicana, che segna la fine del geocentrismo lanciando l'umanità verso una infinita apertura cosmica».
Poi è arrivato il Novecento, che ha demolito tutte le certezze. Lasciando cosa? «Nel Novecento è saltata per aria la pretesa di dominio sulla natura, è andata in crisi la pretesa scientista, il concetto di probabilità ha sostituito quello di necessità prevedibile nello sviluppo delle cose. La poesia è diventata ascolto dell'altro dentro di me; la psicoanalisi si è imposta come ascolto di ciò che sono ma non so di essere. Nel secondo Novecento ha fatto irruzione il tema della pace in modo inedito. Mai prima le culture avevano pensato di basarsi sulla pace. Ma costruire una civiltà della pace vuol dire avere un nuovo progetto antropologico. Cristo non ha difeso nessuna identità, nemmeno il proprio corpo: questa è la nuova identità; il resto è chiacchiera o escremento della storia, che comunque seguirà il suo destino».
Però non è facile riconoscere i segni dell'identità nuova, e men che meno assumerla. «L'identità bellica si rafforzava attraverso la contrapposizione: io sono tanto più romano quanto più posso dire che tu sei barbaro… La nuova identità si rafforza nel crogiolo delle relazioni: oggi come posso io essere cristiano senza contrappormi a te, senza escludere te? Non ne siamo ancora capaci, anche se la più profonda identità cristiana, cioè quella che il Vangelo illustra, è una identità di trasformazione nella relazione: il cristiano è colui che esce dai propri possedimenti, che cammina come Abramo verso una terra che non conosce, che si spossessa di sé e quindi anche delle proprie pretese di verità, e si mette in ascolto. L'identità cristiana è cioè di per sé liquida, "metanoica"».
Questo è un invito alle singole persone perché si mettano in cammino, o è anche un progetto sociale? «I due livelli, quello della liberazione personale e quello della progettazione storica, culturale e addirittura planetaria, non sono più separabili. Non è più concepibile un progetto politico, per esempio di pace, che non tragga le proprie energie da quel lavoro quotidiano di purificazione interiore che dà alla persona la forza di costruire la pace reale. Né possiamo illuderci di raggiungere una pace interiore senza fare i conti con le strutture del reale, senza renderci conto che io non mi posso curare soltanto nel gabinetto psicoanalitico e nemmeno soltanto nel confessionale, perché l'anima sta anche nel traffico, sta anche negli orari di lavoro».
Coniugare dimensione spirituale e politica non può portare all'integralismo, tanto più che i cambiamenti fanno paura? «In una grande fase di trasformazione, possiamo cadere in due tentazioni: la prima è quella del configurato, della regressione nel fondamentalismo che cerca sicurezza in identità del passato; la seconda è quella dello sfigurante, è la deriva nichilista, cioè l'illusione che il progresso tecnologico e del mercato possano di per sé rappresentare la liberazione, per cui più mi libero di ogni appartenenza, di ogni orizzonte di significato, più sarò libero. Tra questi due scogli c'è una linea siderale, difficile da scoprire, che è quella del "transfigurante", dell'umanità nuova che trasforma le figure, non le distrugge, le purifica semmai, nel senso cristologico: Cristo non viene a distruggere le figure della storia, ma a portarle a compimento».



Intervista di Paola Springhetti a MG, pubblicata sul quotidiano Avvenire giovedì 2 marzo 2006.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri