20 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



12 agosto 2006

Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

1. La grande poesia, dalla metà dell’800 in poi, diviene oscura, astratta, inquietante. Hugo Friedrich, nella sua trattazione fondamentale su “La struttura della lirica moderna”, dice giustamente che i versi di un Rimbaud o di un Mallarmé non sono stati ancora assimilati dal grande pubblico, nonostante le infinite edizioni e traduzioni. La poesia di un Trakl o di un Dylan Thomas risulta ancora ostica, difficilmente comprensibile, ci parla di cose oscure in modo oscuro, ermetico, e bizzarro, altro aggettivo che diventa positivo da Baudelaire in poi. Emerge e si privilegia inoltre l’orrido, il laido, lo smembrato, la scissione, l’angoscia, la distruzione, la dissonanza, la nausea, la putrefazione, e poi ancora lo spaesamento, lo shock, l’informe, l’eccesso e l’eccessivo comunque. E’ da un’accensione bruciante e lacerante del linguaggio che si attende l’irruzione di un senso ancora comunicabile, e non da una sua sapiente articolazione. Tra Goethe o Leopardi da una parte, e Rilke o Campana dall’altra non passano soltanto alcuni decenni, ma si apre una frattura eonica, una cesura cosmico-storica che è ben lungi dall’essere stata compresa adeguatamente.


2.

Che cosa succede in Europa tra 8 e 900? Che cosa si annuncia nelle esperienze psico-poetiche degli artisti e dei pensatori di questa fase cruciale del destino dell’Occidente?
Potremmo dire molto in sintesi così:
la coscienza ego-centrata dell’io cristiano-occidentale giunge al compimento delle proprie possibilità evolutive, e si sfalda. La grande poesia segnala il collasso psichico dell’egoità (come figura dell’io perfezionatasi lungo il processo di razionalizzazione della modernità), e al contempo l’irruzione dentro l’orizzonte di questa coscienza sfilacciata di contenuti che non a caso la psicoanalisi, nascente proprio in quel periodo, avrebbe definito “inconsci”.
Allentandosi le recinzioni psichiche costruite a difesa e ad edificazione dell’io ego-centrato, l’uomo entra in contatto con zone, con emozioni, con energie e con esperienze che non sa più di dove provengano né quale natura posseggano. Ci si identifica col cosmo (da Whitman a Ungaretti), con animali feroci (da Rimbaud a Nietzsche), con i morti (Rilke), con entità spirituali superiori, o addirittura con Dio. Si raggiungono stati di ebbrezza e di illuminazione, di sconvolgimento interiore e di gioia estatica, in cui lo stesso limite della morte sembra superato: “O resurrezione, resurrezione di quel che è - pensa/ nel suo pensiero dove la morte manca”(Luzi).
Nell’ordine “allucinato” del poeta-veggente sembra dilatarsi addirittura uno sguardo trans-mortale: “Bisogna andare attraverso la morte per emergere davanti alla vita, nello stato di modestia sovrana”(Char).


3.

Gli studi sul mistero abissale della nostra psiche sono andati molto avanti negli ultimi decenni, e probabilmente le più recenti ricerche sugli stati alterati di coscienza possono aiutarci a comprendere la traiettoria poetica del nostro secolo. Lo psichiatra Stanislav Grof, ad esempio, dopo più di trent’anni di sperimentazioni e di studi sistematici sulla psicologia trans-personale, è giunto alla convinzione che la coscienza non sia affatto un prodotto accidentale dei processi neurofisiologici del cervello, quanto piuttosto il “campo energetico” intelligente, presente e operante nella vita di tutto l’universo. Per cui in stati di coscienza non ordinari l’uomo potrebbe “trascendere tempo e spazio, attraversare i confini che ci separano dalle varie specie animali, sentire come propri i processi del regno vegetale o del mondo inorganico e addirittura esplorare realtà differenti, per esempio, quelle mitologiche, che prima non sapevamo neppure esistessero”.
Alcuni poeti, come abbiamo visto, hanno effettivamente sperimentato proprio questo tipo di alterazioni trans-egoiche, queste sfasature dell’identità, questi affondamenti nel grande sogno cosmico (Nerval). Carl Gustav Jung, d’altronde, già negli anni ‘30 distingueva una poesia “psicologica”, elaborata all’interno di ciò che ci è immediatamante comprensibile, da una poesia “visionaria”: “ Qui tutto si capovolge: il tema o gli eventi che formano il contenuto della rappresentazione artistica non sono più materia conosciuta; la loro essenza ci è estranea e sembra provenire da un remotissimo sfondo di epoche preumane o da sovrumani mondi di luce o di tenebra”.
La grande poesia, in realtà, è divenuta tutta “visionaria” lungo il Novecento, tutta trans-egoica, e quindi cosmica, mistica, spirituale, tutta protesa alla sperimentazione di stati della coscienza (e quindi dell’essere) che oltrepassino la datità empirica della rappresentazione ego-razionale (e spazio-temporale) della realtà. Scriveva a tal proposito Ungaretti nel 1926: “Abbiamo dell’innocenza, non più come nell’Ottocento, un desiderio filosofico, ma un’esperienza diretta; possediamo una conoscenza mistica della realtà”.


4.

Il fatto che esperienze trans-egoiche, visionarie e/o caotiche, diventino l’unica sorgente poetica di un’epoca intera significa che quest’epoca sta attraversando, nel mistero del senso complessivo (antropo-cosmico) della sua temporalità, una iniziazione trans-egoica. Perciò ormai possiede potenza poetica, e quindi propellenza storico-spirituale, solo ciò che promani da orizzonti psichici dilatati rispetto alla coscienza ego-centrica. L’Occidente scende, come già Stevenson e Dostoevskij avevano profetato, nelle profondità dei propri inferi rimossi, deve confrontarsi faccia a faccia con tutti quegli aspetti oscuri e demonici che la ragione moderna credeva di avere superato solo perché li aveva occultati nelle segrete del proprio inconscio. Lungo tutto il Novecento siamo stati chiamati ad incontrare il nostro Hyde, il nostro Nascosto scimmione (alter-ego del razionalissimo e moralissimo Dottor Jekill), e a tentare di integrarlo in una figurazione più ampia e più matura di noi stessi. Il più delle volte però queste integrazioni non sono state neppure avviate, per cui le energie caotiche primarie (liberate dall’esplosione “nucleare” dell’egoità e non integrate) hanno semplicemente sconvolto menti e nazioni incendiando come Furie il pianeta. L’estremo pericolo di queste irruzioni demoniche ci spinge adesso, all’inizio del nuovo millennio, a rinvenire al di là dell’io ego-centrico, e oltre il caos degli elementi lasciati a loro stessi, un nuovo principio ordinatore, un Nuovo Io cui affidare il compito di sintetizzare una nuova figurazione psichica dell’uomo e una (conseguente)nuova organizzazione del mondo, più giusta e più armoniosa.


5.

L’esperienza poetica da Rimbaud in poi, ma a partire in realtà dalle primissime intuizioni di Novalis e frammentazioni linguistiche di Hoelderlin, non fa dunque più parte della storia della letteratura occidentale, ma realmente di una nuova storia, di un’era incipiente che non è altro che la temporalità di una inedita figurazione dell’identità umana. Tutto questo si chiarirà sempre di più, quanto più ci inoltreremo nella nuova età abbandonando i gusti, la letteratura, e la stessa forma psichica della nostra vecchia identità ego-centrata. Anche il pensiero di Nietzsche o di Heidegger non appartiene più alla storia della filosofia occidentale, cosa che, d’altronde, era per loro del tutto evidente, e costituiva anzi proprio la questione centrale di tutto il loro sforzo creativo. Purtroppo ciò che è evidente nella luce del pensiero resta spesso obliterato nelle tenebre dell’erudizione accademica, e le biblioteche universitarie continuano a riempirsi di ricerche “scientifiche” sulla fine della filosofia e su altre amenità del genere... Così come la frattura eonica insita nell’esperienza poetica del ‘900, così evidente e drammaticamente vissuta da un Campana o da Celan, resta del tutto ignota o comunque non adeguatamente focalizzata (perché non sperimentata ) per moltissimi altri autori “da antologia”, e per la quasi totalità della critica letteraria contemporanea che, non a caso, è oggi quanto mai incapace di indicare un qualsivoglia principio teoricamente fondato per le sue scelte di (pessimo) gusto.. Si procede così in pieno sonnambulismo teorico, utilizzando strumenti e concetti ottocenteschi, privi di qualsiasi residuale significato, come se la fisica teorica continuasse a discettare della natura in termini newtoniani dopo le scoperte di Heisenberg o di Bohr. In questo scenario di anemia culturale, prossima al coma profondo, i vari e sempre più numerosi e frettolosi tentativi di sistematizzazione critica del Novecento (o peggio del secondo Novecento o peggio ancora dei sempre più “nuovi” o più “giovani” autori, di 40, 30, 20, 10 anni…) risultano spesso del tutto arbitrari e inconsistenti, e a volte addirittura comici, in quanto ormai ognuno eleva a paradigma storico praticamente i propri amici, se non direttamente i poeti che pubblica nella propria collana o nella propria rivistina di provincia…
E’ tempo che si comprenda meglio e più seriamente la portata eonica della frattura rivoluzionaria che, annunciatasi alla fine del ‘700, mostrò la sua dirompenza psico-storica apocalittica lungo il XX secolo, per giungere proprio adesso ad una soglia per molti aspetti definitiva. Ed è tempo che in questo sforzo interpretativo la poesia davvero contemporanea comprenda il proprio ruolo, anche politico e sociale, nella transizione antropologica in atto.


6.

In questa fase trans-figurativa potremmo dire che l’esperienza poetica divenga una specie di segnaletica dei passaggi della nostra iniziazione alla nuova figura di uomo (planetario) che si sta configurando.
Una poesia perciò è riuscita, è bella, se in essa si incarna perfettamente, e cioè in una risonanza fisico-linguistica perfetta, uno stadio preciso della trans-figurazione di quel poeta. L’estrema particolarità esistenziale e biografica coincide in questo caso con la maggiore universalità del discorso, in quanto il nuovo io scopre e rivela la cosmicità e la storicità collettiva intrinseche della propria più intima identità. Più la mia coscienza si dilata, in altri termini, alla misura del mio nuovo io, e cioè si trans-figura, e più io sono la terra, i morti, le stelle, gli amici, il mondo nel suo attuale moto trasformativo, in quanto l’io sono che ci sta assimilando a sé è cosmico di per sé, collettivo, comunitario, planetario, è l’Uomo che riunifica l’intera umanità nell’unità dell’Unico Genere di cui già parlava Trakl (ein Geschlecht), e che costituisce d’altronde l’orizzonte di tutta la speranza messianica ebraico-cristiana.
Superata la prima fase novecentesca, caotica e destrutturante, del passaggio trans-figurativo, possiamo oggi tentare come poeti, e insieme agli psicologi, ai pensatori, ai fisici, ai biologi, ai cosmologi e ai medici dell’era nuova che avanza, una prima mappatura degli stati trans-egoici che continuamente attraversiamo nell’itinerario iniziatico della nostra trans-figurazione. La poesia, infatti, anticipa le tappe dell’iniziazione, le “immagina”, e cioè configura (incorpora) in immagini quei sottilissimi stati psichici ed emotivi, e così ci consente di esperire, sia pure nella fulmineità dell’istante contemplativo, quelle stazioni trasmutative che poi dovremo percorrere e ripercorrere faticosamente con tutta la pesantezza dei nostri corpi. L’intuizione istantanea, però, l’Atemwende celaniano, il fulmineo retour àmont di Char, ci donano intanto l’ossigeno indispensabile lungo la via, rinfrescando a tratti il ricordo del suo compimento già occultamente (ed eternamente) presente.


7.

Una primissima mappatura molto schematica degli stati trans-egoici che la poesia ci ripropone in infiniti testi e che corrisponde in buona parte alle analisi di alcuni stati non ordinari di coscienza, elaborate, ad esempio, da Tart e da Wilber, può essere questa:

A)
coscienza ordinaria: identificazione egoica
linguaggio logico-discorsivo
B)
collasso e morte dell’egoità
crisi del discorso e della coerenza egoico-logici
C)
irruzioni caotiche:
smembramento del tessuto semantico ordinario del linguaggio
onirismo, veggenze confuse, demonismo, surrealismo
D)
coscienza cosmica, oceanica
esperienze estatiche di identificazione col Tutto
decantazione e semplificazione progressive del linguaggio
E)
coscienza spirituale di un nuovo io
che incontra un Tu come referente di una relazione dialogica
più originaria dello stesso mondo creato:
la realtà cosmica si rivela come un gioco creativo
operato tra persone (divino-umane)
che parlano tra loro, che si “scambiano la parola”

La successione degli stati naturalmente non è mai un processo cronologico (né nei testi né nella vita) lineare. Ciascuno di noi vive contemporaneamente su diverse lunghezze d’onda, anche se propendiamo poi a stabilizzarci ad un certo livello iniziatico.
L’intera civiltà occidentale, ad esempio, “vibra” lungo il Novecento tra una coscienza egoica sempre più collassata (e proprio per questo spesso irrigidita in resistenze estreme), e irruzioni caotiche sempre più devastanti e incontrollabili. In tal senso il suo baricentro è proprio il rovesciamento dell’identificazione egoica, e noi non troveremo mai pace né sensatezza se non superemo questo punto critico e non arriveremo a creare almeno gli embrioni di una civiltà irrorata dalla coscienza cosmica e spirituale che ci attende dopo la cata-strophè dell’Ego.


8.

Ogni grande poeta ha dato corpo nella sua opera ad un momento particolare della transizione psico-cosmica in atto. In Leopardi, ad esempio, già si annuncia la crisi teorica ed esistenziale dell’io egoico, che però resta sostanzialmente il soggetto del suo (triste) discorso, mentre in Rimbaud lo sfaldamento dell’ego-centratura va molto oltre, fino al punto che l’ego è propriamente “tolto di mezzo”, per cui si può passare a volte dalle sue lamentazioni e dalle sue disperazioni infernali alle prime Illuminazioni della nuova coscienza che preme per irrompere in noi e nella storia.
Ecco perché i poeti che dopo Rimbaud si stanziano sul livello egoico della coscienza , anche se per modulare le tonalità tragiche o ironiche del suo esaurimento (nervoso), restano comunque poeti “minori”: da Pascoli all’ultimo Montale. I poeti più significativi sono, al contrario, quelli che hanno saputo percorrere il più ampio spettro della trasmutazione iniziatica, senza bloccarsi in nessuno stadio intermedio, ma compiendo perfettamente ogni passaggio. Perciò è più importante Char di Valery, Trakl di Rilke, e, venendo a noi, Luzi di Zanzotto. Ci sono poi alcuni poeti che hanno raggiunto vertici iniziatici altissimi, ma solo in rarissimi momenti e al prezzo di una caotizzazione assoluta di tutto il resto della loro lingua, della loro mente, e della loro vita, come, per esempio, Dylan Thomas o Artaud, per non parlare dei modelli supremi di queste iniziazioni squilibrate: Hoelderlin e Nietzsche. Dobbiamo comprendere da questi esempi psichiatrici che il processo iniziatico verso la coscienza spirituale del nuovo io è un metabolismo esistenziale complessivo. Detto in altri termini: la poesia non basta. All’istante illuminativo deve seguire la fatica dell’incarnazione, in tutti gli ambiti della nostra vita, di quella luce. Il nuovo livello di coscienza, poeticamente raggiunto, deve poi trasformare la nostra coscienza ordinaria, deve anzi piano piano divenire proprio la nostra ordinaria visione (percezione emotiva) delle cose: questa è la svolta dei tempi in atto.
E questa fatica dell’incarnazione feriale della nuova veggenza darà una misura “umana”, terrena e politica, alla nostra poetica, evitando gli squilibri e le scissioni novecentesche. E’ tempo che la parola profetica, in cui riprende a parlare il principio (Blanchot), torni a plasmare la terra, e umiliandosi scendendo nelle durezze della nostra carne, si sottragga alle tentazioni luci-ferine di chi pretendendo di rimanere pura luce, conquista alla fine soltanto le tenebre.


9.

Stiamo elaborando i presupposti di una nuova cultura in senso antropologico.
Questa cultura viene elaborata da ciò che in noi è “coscienza cosmica” e “coscienza spirituale dell’io”.
Che l’uomo possa espandersi fino a sperimentare il livello cosmico della propria coscienza non è più soltanto l’intuizione folle di un Blake, ma è ormai anche una considerazione scientifica fondata sulle ricerche più avanzate della fisica. Erwin Schroedinger, ad esempio, premio Nobel e coideatore della meccanica quantistica, scrive: “Per quanto possa sembrare inconcepibile al senso comune voi, e tutti gli altri esseri senzienti, costituite un tutto indivisibile. Quindi la vita che state vivendo non è semplicemente una parte di tutta l’esistenza, in un certo senso essa è il tutto... Così potete gettarvi sulla terra e abbracciarla sicuri di essere una cosa sola con essa, ed essa con voi. Siete forti e invulnerabili come la terra, anzi mille volte più forti e invulnerabili. Domani essa vi inghiottirà, e il giorno dopo vi trascinerà verso nuove lotte e nuove sofferenze. E ciò non avverrà soltanto ‘un giorno’:
Adesso, oggi, ogni giorno essa vi dà alla luce, non una sola volta, ma migliaia e migliaia di volte, proprio come ogni giorno migliaia di volte essa vi inghiotte”.
Siamo esseri cosmici e siamo esseri spirituali in un senso ben lungi dall’esserci chiaro.
Capiremo veramente chi siamo soltanto lungo il processo del nostro diventarlo. E lo diventeremo soltanto imparando a dialogare con quell’Altro (Celan) che è prima del mondo, e cioè proprio adesso, che è questo Essere Presente che proprio ora mi dà la parola, prima del mondo e del tempo, ma dentro di essi, nel loro principio, affinché io li ridica, li benedica, e mi salvi così con tutte le cose trans-figurandole, manifestandole nella loro eterna gloria.
La più grande poesia del 900, nelle sue scalate vertiginose e nei suoi abissamenti, ha conosciuto a vari livelli questo TU, e lo ha anche lasciato parlare a volte.
Quest’altra voce (Bonnefoy) chiama, infatti, risucchia, convoca, indirizza.
La poesia del prossimo millennio sarà soltanto un servizio pubblico della sua rivelazione.
Finita la storia della letteratura, e chiusi finalmente tutti i musei dell’Occidente, la parola poetica diverrà una delle forme conoscitive e delle prassi iniziatiche trans-figurative dell’Uomo Nascente.
Niente di meno e niente di più.
Quanto tempo ci vorrà perché tutto questo possa diventare cultura comune? Questo non ha molta importanza. Il tempo è già maturo, ma i tempi della manifestazione "pubblica" di ciò che è maturo sono spesso lunghi e comunque imprevedibili. A ognuno di noi però è chiesto ora di scegliere da che parte stare, con il Morente o con il Nascente. Dobbiamo decidere personalmente se stagnare tra le sicurezze di un livello di coscienza e di un assetto di mondo che continuano certamente a dominare, ma che sono intrinsecamente e irrimediabilmente esauriti, o più propriamente estinti, oppure se aprirci risolutamente all’avventura psichica e storica della Nuova Umanità, con i suoi inevitabili pericoli. Io credo che sia meglio naufragare alla ricerca dell’Isola del Tesoro piuttosto che marcire con tutti gli onori nella schiavitù dell’Egitto. La mèta, infatti, la promessa, è qualcosa cui è giusto offrire tutto.
Il resto sarà dato in sovrappiù.

Quando sono giunto fuori,
assolutamente fuori di tutto,
al di là di ogni vestigia, allora
sono risorto, ponendo il piede
su un altro mondo,
risorto, compiendo una resurrezione,
risorto, non rinato, ma risorto,
con lo stesso corpo di prima,
nuovo al di là della conoscenza
di ciò che è nuovo,
vivo al di là della vita,
orgoglioso al di là di qualsiasi
idea di orgoglio, vivendo
dove la vita non era immaginabile,
qui, nell’altro mondo, ancora
terrestre
io stesso, lo stesso di prima
eppure indicibilmente nuovo”
.

D.H.Lawrence



Articolo pubblicato sul n.5 della rivista Atelier, marzo 1997.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri