24 Aug 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



14 settembre 2006

Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

Nella nostra riflessione sulla situazione del matrimonio oggi, in questo nostro tempo, dobbiamo innanzitutto partire dal riconoscimento della crisi che è in atto, per poi tentare di vedere se questa crisi porti con sé delle opportunità evolutive. Per intuire queste opportunità dobbiamo cioè chiederci prima quale tipo di matrimonio sia in crisi, e perché ci sia questa crisi, e da quanto tempo, e così via.
Per comprendere tutti i fenomeni contemporanei, in altri termini, senza cadere in giudizi superficiali e in semplici slogans (tipo: difendiamo la famiglia, oppure: basta con la famiglia patriarcale) è necessario un lavoro di profonda lettura e interpretazione dei segni dei tempi, che sono quasi sempre ambigui, né solo positivi né solo negativi, per cui ci convocano ad un attento e spesso sottile discernimento.
Dunque procederemo così:
1)prima esamineremo molto in breve alcuni dati recenti sulla crisi dell’istituto matrimoniale nei paesi dell’Unione Europea;
2)poi tenteremo di comprendere la genesi e le motivazioni storiche di questa crisi;
3)ed infine proveremo a delineare alcune direzioni possibili di uscita da questa crisi, a vedere cioè come sia possibile uscirne in avanti, dando vita ad un matrimonio che sia davvero un’opera d’arte.


La crisi del matrimonio come opportunità di purificazione

1. Sulla crisi del matrimonio come dato sociologico non c’è molto da dire, è qualcosa che riscontriamo un po’ tutti nella nostra vita quotidiana. Ma alcuni dati possono darci la misura di questa crisi.
L’Istituto di politica familiare, che ha sede a Madrid, ha elaborato di recente un Rapporto sul matrimonio nei paesi dell’UE, in cui veniamo a sapere che dal 1980 al 2004 i matrimoni sono diminuiti di 663.000 unità, nonostante la popolazione sia aumentata di 31 milioni di persone. I figli nati fuori dal matrimonio sono oltre il 30%, con punte del 55% in Svezia, mentre in Italia siamo ancora al 15%. Dal 1990 al 2004 infine sono falliti oltre 10 milioni di matrimoni nei paesi dell’UE, mentre il trend sale e negli USA ormai oltre il 45% dei matrimoni sono seconde nozze.

2. Passiamo subito dunque al secondo punto, per renderci conto che questa crisi del matrimonio, che precipita nella 2a metà del XX secolo e continua ad accelerarsi, inizia in realtà molto prima. Già nel XIX secolo il matrimonio incomincia ad essere accusato di essere spesso solo un luogo di ipocrisie e di violenze, di conformismo borghese e di pure convenzioni sociali. Dobbiamo ascoltare e comprendere bene queste critiche, e approfondirne le ragioni, se vogliamo per davvero dar vita ad un matrimonio adatto per il XXI secolo. Dobbiamo cioè purificare il matrimonio assorbendo tutte le critiche giuste e fondate che sono state mosse contro le sue configurazioni storiche. Solo questo lavoro dialettico, che in realtà è un processo di revisione spirituale, potrà dare credibilità e attualità alla proposta di una unione matrimoniale libera e ricca di prospettive future.

3. Passeremo perciò rapidamente in rassegna quattro grandi critiche che hanno svalutato agli occhi dell’umanità contemporanea l’istituto del matrimonio, e che quindi stanno anche alla base della sua attuale crisi:
a) il matrimonio è la tomba della creatività femminile, e della sua libertà in generale (pensate a Ibsen). Nel matrimonio si riproducono con violenza le rigide differenziazioni di genere, per cui la donna deve stare a casa a occuparsi della cucina e dei figli, mentre all’uomo è attribuito lo spazio esterno, del lavoro e della guerra.
b) Il matrimonio è la tomba della spiritualità davvero elevata (Kierkegaard). E’ fatto per chi non è destinato alle più alte realizzazioni spirituali. Aut liberi aut libri, diceva Nietzsche: o si fanno i figli o si scrivono i libri. Cosa che mi ha sempre ripugnato, pensando a Bach o a Tolstoj, tanto che in due anni, tra il 1987 e il 1988, ebbi due figlie e pubblicai i miei primi due libri: figli di carne e figli di carta insieme. Ma san Paolo non dice la stessa cosa quando asserisce che “chi è sposato si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere alla moglie, e si trova diviso”(1Cor 7,33)? Strano poi che Gesù abbia scelto come primo papa proprio un uomo così “diviso”, in quanto sposato, e che per giunta ha continuato a portarsi dietro sua moglie (1Cor 9,5)! Comunque sta di fatto che il matrimonio è stato criticato per secoli come luogo poco idoneo alla spiritualità, e ancora più profondamente allo stesso amore. Da Dante e Petrarca in poi, infatti, e fino al Tristano di Wagner e al romanticismo spicciolo di Beautiful il vero amore non è sempre quello impossibile e comunque extraconiugale?
c) Le famiglie sono spesso entità chiuse in se stesse e nel proprio egoismo: “Famiglie, porte chiuse, io vi odio!” grida André Gide. Dietro quelle porte infatti viene spesso calpestata ogni giustizia in nome appunto degli interessi della famiglia, che finisce per diventare un clan, un gruppo a vari livelli malavitoso, una “famiglia” mafiosa appunto, dentro la quale “si lavano i panni sporchi” senza sottoporsi alle regole della trasparenza e della verità.
d) E alla critica precedente si lega strettamente quella di origine psicoanalitica: il matrimonio è spesso un inferno edipico di violenze camuffate da amore. Lungo tutto il XX secolo ci siamo resi conto di quali tremende ferite ognuno di noi subisca dentro le mura familiari, di quali omicidi bianchi e invisibili si commettano al riparo dei focolari domestici, come ammette perfino uno dei più grandi difensori cattolici del matrimonio, Denis de Rougemont: “La famosa ‘pace del focolare’ non esiste se non per bocca di una certa eloquenza mediocre, politica, borghese o edificante. Tolstoj, dal canto suo, la descrive come un ‘inferno’. E io gli faccio il più ampio credito! Dato che le creature dei due sessi, prese a una a una, sono generalmente dei birbanti, o dei nevrotici, perché dovrebbero diventare degli angeli una volta accoppiati?”

4. Ora queste critiche non posseggono le loro ragioni? Non descrivono una situazione storica reale? Non è incontestabile che dietro le tanto celebrate “virtù domestiche” si celavano (e si celano) spesso orrori e violenze indicibili, teatri edipici poco edificanti, asservimenti cruenti delle donne e schiavizzazioni dei figli? Non è forse vero che tante volte lungo i secoli il “bel nome” delle famiglie unite è stato un tragico sepolcro imbiancato? E qual è poi il tempo che dovremmo rimpiangere? Quando e dove i “valori” cristiani sono stati realmente rispettati? Forse quando le famiglie “cristiane” mandavano più o meno ogni vent’anni al massacro i propri figli in nome di Dio e della patria? Forse quando era la legge penale, se non addirittura quella tribale, a tenere le famiglie unite nei loro inferni quotidiani? Quali mondi poi, quali assetti sociali producevano queste famiglie “cristiane” bene unite, questi “valori” ben solidi? Andiamo a guardarli più da vicino questi “paradisi perduti” della cristianità e vedremo che c’è ben poco da rimpiangere…

5. In realtà tra 8 e 900 tutte le istituzioni sociali, e non solo il matrimonio, vengono sottoposte a critica, ed entrano perciò in crisi: crollano imperi millenari, la Chiesa perde il suo potere temporale ed entra con il Concilio Vaticano II in un tempo di straordinarie revisioni e purificazioni, la scuola, l’esercito, ogni istituzione viene indagata, e ci si chiede: che cosa c’è sotto tutti questi valori proclamati? E inizia quella strategia del sospetto che, usata con il dovuto discernimento, non è altro che uno strumento di purificazione e di liberazione da ipocrisie secolari. Una strategia d’altronde che è stato proprio Gesù Cristo ad insegnarci, denunciando senza mezze misure l’ipocrisia farisaica di tutti i sepolcri imbiancati della storia, di tutti quelli che in nome della religione, della morale,della famiglia, o di un ordine di qualsiasi tipo, opprimono gli uomini, gravandoli di pesi insostenibili. E allora incominciamo a dirci con chiarezza che non è in crisi il matrimonio veramente cristiano, che è stato ed è un fenomeno davvero raro, ma la sua caricatura deforme, diventata istituzione sociale rigida e soffocante, in cui il più delle volte l’uomo e la donna restavano del tutto estranei e separati, altro che unione in un’unica carne… I maschi scaricavano nelle loro guerre, tutte tra maschi, il fuoco che non riuscivano ad utilizzare nell’amore coniugale: con tutte queste lance e fucili e cannoni e missili sparavano fuori e per uccidere un fuoco che non sapevano utilizzare per dare vita unendosi con le proprie mogli. Mentre le donne si intristivano nelle loro solitudini piene di rancori e sensi di colpa, recluse in un mondo femminile povero di autentiche possibilità di crescita umana. E per il resto, per tutto l’eros inutilizzato, c’erano i bordelli, i tradimenti, le donne angelicate, gli amori impossibili, l’omosessualità, e il gusto sottilmente erotico dei pettegolezzi di paese…

6. Da questa prima disamina delle ragioni fondate che stanno alla radice della attuale crisi del matrimonio possiamo comprendere che il matrimonio del XXI secolo non potrà mai più essere né la tomba della creatività femminile né la tomba dell’eros e della spiritualità, né un luogo di totale mancanza di comunicazione né un paravento per difendere interessi sociali.
E’ possibile un matrimonio liberato da tutti questi gravami soffocanti, in cui l’uomo e la donna continuino a conoscersi e a scoprire se stessi in una relazione viva e autentica? E poiché la famiglia è il luogo della nascita dell’umano, è come chiedersi: sarà possibile un nuovo tempo di crescita per l’umanità di questo pianeta? Sapremo uscire da questa crisi, che non è solo del matrimonio, ma di un’intera figurazione antropologico-culturale?


Il matrimonio del XXI secolo

1. Io credo che per sviluppare un matrimonio davvero libero, e quindi idoneo per l’umanità che sta emergendo, dovremmo comprendere meglio che l’unione coniugale è un processo, una lunga storia attraverso la quale due persone si uniscono sempre più profondamente e integralmente su tutti i livelli del loro essere: fisico, emotivo, mentale, e spirituale. In quanto la coppia maschio/femmina è l’immagine umana di Dio (Gen 1,27), più la loro relazione coniugale è realizzata più essi divengono divini, in quanto imparano ad amare vera-mente, con tutto il loro essere. In realtà, nella misura in cui io riesco ad amare la mia donna, io imparerò anche ad amare le altre persone: il coniugarmi reale, infatti, determina di per sé la mia uscita dall’isolamento infantile: “lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie”(Gen 2,24; Matteo 19,5), e questa uscita dalle simbiosi e dalle nevrosi infantili coincide con il mio rendermi disponibile per gli altri in generale. Più mi coniugo con la mia donna, in altri termini, e più mi unisco alla terra e alla sua storia, mi rendo disponibile per diventarne strumento di liberazione.
Questa coniugazione liberante è però appunto un processo lungo e difficile, che non può certo identificarsi con l’istante delle nozze. Il sacramento è solo l’inizio, l’apertura di una possibilità tutta da realizzare. Per cui noi oggi dobbiamo sottolineare la bellezza del processo, dobbiamo spiegarne bene le fasi e favorirlo nelle storie concrete delle coppie, invece di ribadire un po’ istericamente la sacralità formale del matrimonio. Le persone oggi non hanno certo bisogno di altri carichi moralistici o doveristici, chiedono solo, e spesso senza neppure saper formulare la loro richiesta, una risposta concreta alle loro difficoltà: itinerari autentici, percorsi reali, sapienze incarnate che sappiano guidarli verso la loro realizzazione umana nel matrimonio. Ed è su questi punti che per prima la Chiesa è chiamata a misurarsi.

2. Ora, come procede nella realtà quotidiana la coniugazione tra un uomo e una donna? Come resta vivo e vero un matrimonio? Potremmo dire con molta semplicità: nella misura in cui essi si conoscono vicendevolmente sempre di più, nella misura in cui la donna aiuta l’uomo a scoprire se stesso, a dirsi, a rivelarsi nelle proprie profondità anche più buie, a non nascondere la propria debolezza; e nella misura in cui l’uomo aiuta la donna a uscire da ogni chiusura, da ogni mascheramento, da ogni autolimitazione o paura, e ad esprimere la propria creatività, la propria autorevolezza. Sembra facile, ma non lo è affatto, in quanto noi umani abbiamo una grande paura di guardarci dentro con onestà e tanto più di farci guardare. Tutti desideriamo a parole amare, aprirci, avere relazioni autentiche e profonde, ma al contempo una parte di noi non ne vuole affatto sapere, vuole stare chiusa nel proprio guscio, terrorizzata al solo pensiero di doverne uscire. Ma se la conoscenza reciproca, che si fonda in realtà sul desiderio di conoscere se stessi e il mistero stesso della vita, non procede, anche il matrimonio si ferma, e allora o si firma, spesso senza parole, un patto segreto di non belligeranza e di effettiva separazione, oppure si giunge rapidamente alla rottura.
Oggi molti matrimoni saltano per aria e si rompono presto, perché si sono indebolite le coercizioni sociali. Ma anche i nostri padri e i nostri nonni vivevano spessissimo matrimoni rotti, solo che continuavano a convivere dietro il paravento della facciata da salvaguardare…

3. Chiediamoci di nuovo: come procede dunque la conoscenza reciproca nel matrimonio? Come possiamo favorirla e approfondirla in questa fase storica che richiede nuove profondità in ogni ambito della nostra esistenza?
Innanzitutto dobbiamo comprendere che il conoscersi coniugale ha a che vedere contestualmente e indissolubilmente con la comunicazione verbale e con la comunicazione sessuale: quanto più ci conosciamo svelandoci l’un l’altra nelle profondità dei nostri pensieri, delle nostre emozioni, delle nostre paure, e dei nostri desideri, tanto più impareremo a conoscerci anche nell’intimità dell’unione sessuale. Non a caso biblicamente conoscersi significa proprio coniugarsi sessualmente. L’unione sessuale, la sua profondità e verità, dipendono dall’approfondimento della conoscenza reciproca che la coppia realizza nella sua relazione verbale. La verità del nostro discorso e delle nostre parole dà la misura della verità della nostra unione sessuale, e viceversa. Non solo, ma la fiamma dell’attrazione erotica resta viva solo se nella coppia resta vivo l’interesse a scoprirsi sempre di più, a esporsi, a conoscersi sempre più a fondo, a lasciare che nuove parti di noi stessi e dell’altra persona possano emergere. Ora anche questo sembrerebbe un desiderio naturale e proprio di tutti, ma non è affatto così, e gli esiti di tanti matrimoni stanno lì a dimostrarcelo. Lo abbiamo già detto: noi umani, in una parte del nostro essere, non desideriamo affatto scoprirci e farci conoscere, vogliamo al contrario nasconderci, coprirci di maschere illusorie, mettere in scena perfezioni e personaggi immaginari, piuttosto che mostrare i travagli reali della nostra persona. Ecco perché il matrimonio del XXI secolo, che voglia essere per davvero un cammino spirituale verso l’amore pieno, dovrà divenire lo spazio in cui l’uomo e la donna si aiutino a denudarsi fino in fondo per unirsi a tutti i livelli del proprio essere, e lasciare così che l’Amore di Dio compia pienamente le nozze e li renda persone nuove, nuova umanità, Corpo di Cristo che opera nel tempo per la salvezza del mondo.

4. “Uno non si nasconde all’altra, non sfugge all’altra”, dice Tertulliano dei coniugi nel suo trattato Alla moglie. Perché questo possa avvenire oggi, nel nostro contesto culturale e ai livelli di profondità oggi possibili e necessari, io credo che dovremo sviluppare itinerari di formazione adeguati per il credente del XXI secolo. La cristiana e il cristiano, e ancora più radicalmente ogni uomo e ogni donna del nostro tempo deve imparare già da giovane a parlare di sé, a confrontarsi con le proprie emozioni reali, a non nascondere o rimuovere le proprie paure e le proprie vergogne, ad interpretare la propria storia familiare, le ferite ricevute, e così via. Solo così potrà in seguito, nell’ambito della relazione coniugale, proseguire in coppia questo cammino di autoconoscimento e di guarigione.
Anche la comprensione del ruolo primario e spirituale della comunicazione sessuale e del suo approfondimento richiede una nuova stagione di formazione. In ambito cristiano veniamo infatti da secoli di pura e semplice demonizzazione della sfera sessuale, e dovremmo capire che è proprio questa rimozione/repulsione una delle cause primarie della crisi del matrimonio e di tante degenerazioni e perversioni di cui poi ci lamentiamo. Purtroppo lo stesso matrimonio, in quanto spazio della relazione sessuale, ha avuto i suoi santi detrattori. Come non ricordare il grande Agostino: “Quanto a me, penso che le relazioni sessuali vadano radicalmente evitate. Penso che nulla avvilisca lo spirito dell’uomo quanto le carezze di una donna e i rapporti corporali che fanno parte del matrimonio”. Altro che integrazione tra eros e agape, invocata da Benedetto XVI nella sua ultima enciclica: “In realtà eros e agape – amore ascendente e amore discendete – non si lasciano mai separare completamente l’uno dall’altro. Quanto più ambedue, pur in dimensioni diverse, trovano la giusta unità nell’unica realtà dell’amore, tanto più si realizza la vera natura dell’amore in genere”(n.7). E ancora: “Se l’uomo ambisce di essere solamente spirito e vuol rifiutare la carne come una eredità soltanto animalesca, allora spirito e corpo perdono la loro dignità.”(n.5) Ma questa integrazione fisico-spirituale è un lungo e difficile cammino, che richiede uno spirito nuovo e molto più libero entro le coscienze dei cristiani.

5. Nell’amore coniugale dunque ogni giorno impariamo a scoprirci un po’ di più, a conoscerci un po’ di più, ad unirci fisicamente e spiritualmente un po’ di più, ad amarci un po’ di più, e quindi a divenire umani e divini al contempo sempre di più nella nuova umanità di Cristo che ci unisce, ci purifica, e ci guarisce per renderci strumenti di salvezza per il mondo. L’amore coniugale cresce cioè lungo il processo della nostra Ri-Generazione: non è mai disgiungibile dal processo concreto della nostra integrazione interiore. E’ questa sua verità che dobbiamo riscoprire e ribadire, affinché il matrimonio non appaia mai più come una coercizione legalistica, ma per quello che è: il luogo più appropriato per la nostra piena realizzazione umana.
Quello che stiamo vivendo è davvero un tempo nuovo e propizio, e la crisi del matrimonio tradizionale è un segno di questa novità. Sta a noi cogliere il significato dei tempi ed aprirci a questa nuova stagione in cui il mistero dell’Incarnazione di Dio sta penetrando dimensioni sempre più profonde della nostra umanità per liberarle e trasfigurarle .

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri