28 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



28 gennaio 2007

Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

E’ finito il 900, ma che cosa sta veramente finendo in questo lento sfinimento occidentale?

A 19 anni, nel 1974, scrissi “Sento la fine”, una primissima riflessione sul sentimento di esaurimento storico-culturale che il mio tempo mi ha sempre dato, e da allora si può dire che non mi sia occupato d’altro.

Che cosa sta finendo? E’ solo il XX secolo che finisce, oppure è l’intera epoca moderna, come sostenne Romano Guardini 30 anni prima che Lyotard incominciasse a parlare di postmodernità? Oppure è addirittura il grandioso ciclo storico metafisico-cristiano-occidentale nel suo complesso che precipita nel proprio annientamento purificativo, come ci ha insegnato Heidegger? Oppure dobbiamo dilatare ancora di più il nostro sguardo, oltre i 2500 anni di pensiero oggettivante, e vedere tutta la storia, tutta la civiltà umana che denominiamo storica, a partire dalla nascita della scrittura sumerica intorno al 3300 a.C., che sta finendo, e si sta rovesciando in altro, come oggi sostiene tra gli altri Raimundo Panikkar?

Il mio primo libro filosofico si chiamava La Svolta, e il sottotitolo era appunto La fine della storia e la via del ritorno. Che cosa significa però che il ciclo storico come tale si stia consumando? E che cosa intendeva dire Rimbaud quando scriveva: “L’uomo ha finito, ha recitato ogni parte”?

Ciò che dovremmo comprendere innanzitutto è che questo finire che è in atto, e che è al contempo un iniziare segreto, una vera e propria iniziazione universale, non è in primo luogo un problema “poetico”, nel senso che la letteratura occidentale ha dato a questo termine; ma una questione direi antropologica, di portata appunto antropologico-culturale. Alcuni poeti hanno compreso e vissuto questo transito, a diversi livelli di consapevolezza e di intensità; ma per loro era del tutto evidente che in gioco era il destino stesso della terra. Niente di meno. Ed è a questo livello che è necessario mantenersi: “tenere il passo conquistato”(Rimbaud).

Che cosa significa allora vivere la propria umanità, e la propria specifica vocazione poetica, rimanendo fedeli a questa vertiginosa transizione, e cioè a ciò che sta accadendo? Che cosa significa essere un poeta della fine e dell’inizio? Un uomo che desidera tramontare come piccolo ego bellico per scoprire la propria identità trans-occidentale, concretamente pacificatrice? Che cosa diventa la parola poetica che si consacri a divenire voce di questa umanità post-egoica? Chi è il poeta che viene davvero “dopo il 900”, in quanto decide adesso di parlare soltanto a partire dal rovesciamento del proprio morire/finire? Chi è il poeta che parla adesso: nell’ora della propria nascita?

Ho scritto molto su questi temi. Ricordo che la mia prima conferenza importante, che tenni nel 1978 a Roma e a Milano, si chiamava proprio Finire; mentre il primo convegno che organizzai per il Centro Montale, nel 1985, lo dedicai ad alcune Ipotesi per una fine del 900; ma qui vorrei parlarne a partire dalla mia più intima esperienza, sperando così di comunicare qualcosa di più essenziale di quanto i concetti riescono a trasmettere.


LA CONFESSIONE DEL POETA

Vorrei parlarvi di tutto cuore, fratelli.
Da un luogo di perfetta integrazione.
Non so se questo sia possibile. Ma ci provo.
Non so cosa siano i versi o la poesia
Per un uomo che voglia parlare
Senza approfondire le scissioni.

Sono anni che lavoro all’emersione
Della figura di un uomo conciliato.
Di un uomo che parli e che viva
Riconciliando il cielo con la terra,
Riconiugando il possibile con il reale,
La luce di Dio col quotidiano
Travaglio, con questa
Umile parola.

Io non ho lavorato ad altro
E con me anche tutti gli altri
Poeti che ho amato. Essi cercarono
E annunziarono nei loro frammenti
Un’entità umana reintegrata, un io
Che parli non in proprio
Ma che porti nella voce una potenza
Che è quella che tutto ha creato.

E’ stato questo il senso dell’arte
E della storia di tutto il Novecento:
Fare spazio nell’uomo al suo principio.
Ognuno un re, sovrano.
Ognuno un santo, un vero
Uomo, un vero
Signore.

Era questa la passione di Rimbaud,
Quella di Hoelderlin o di Dylan Thomas,
Il sogno di Campana e degli altri:
Un uomo nuovo: Cristoforo: un procreatore
Oltre ogni legge, ogni schiavitù, oltre ogni storia
Ormai degenerata, un nuovo inizio, un ordine
Celeste sceso in terra
Per ricominciare.

La poesia divenne gestazione:
La profezia caotica di un tempo
Nuovo dell’Incarnazione, l’annuncio
Spesso inconsapevole di un uomo
Più Cristo, più Gesù, più cosciente
Di essere di Dio
L’immagine vivente, il suo ministro
Plenipotenziario,
Cui è delegata ogni redenzione.

Da quel momento la poesia non la capì
Più nessuno. O quasi. Era il balbettio
Di un essere nascente, erano i lampi
Di un giorno a venire, i sogni
Di una vita potenziata
Che i poeti per primi non vivevano
E che il mondo né conosce né ama.

Questa fu l’ultima tragedia
Dei poeti : cantare una vita reintegrata
E patire la più estrema scissione
Tra la visione e la loro realtà
Nel lavoro, nella famiglia, nella comunità
Che non li riconobbe né li riconosce
Ora per ciò che sono.

Molti impazzirono
Perciò, ignoti perfino a se stessi, fraintesi.
Molti si uccisero
Perché la vita diventava insopportabile
Esiliata dalla luce che li invadeva.

Per vent’anni tentai perciò
Di portare quella luce a terra.
Per vent’anni mi sforzai di radicarmi
A terra tanto più forte era la corrente
Elettrica che scaricava il cielo.

Capivo che l’unica salvezza
Per me erano gli altri:
Comunicare, travasare, tradurre:
Fare circolare l’energia, non intasarla
In me. Accompagnai perciò i miei versi
Con un assiduo lavoro d’interpretazione.
Non volevo che la nascita dell’uomo
Finisse in chiacchiere,
In letteratura.

Mi sposai. Era il 1985.
La terra, la donna fu per me
Paola. Ero impreparato. Ma capivo
Inconsciamente che l’integrazione
Passava da lì, da un amore
Che si fa fecondo, fecondazione
Di tutta la terra dell’uomo.

Nello stesso anno incominciai a parlare
In radio. Dialogavo quasi tutti i giorni
Di notte, per ore, con chiunque.
E anche lì faticavo a filtrare
A terra le acque
Che la mattina scendevano dal cielo.

Continuarono per anni questi sforzi
Di coniugazione. La grazia
Di Dio non mancò mai. E nacque Gloria,
Mia figlia, poi Chiara, e infine Gabriele.

C’era qualcosa però che mi diceva
Dentro : non puoi andare avanti
Più se non torni
Indietro a sciogliere i tuoi nodi
Ancora irrisolti. C’era un ostacolo finale
Alle mie nozze.

E fu così che senza volerlo
Dovetti tornare a fare i conti con mio padre
E con mia madre e con mio fratello.
Era il 1992.
Mi rifiutai di vivere le dolorose finzioni
Dell’infanzia, anche soltanto per un’ora
O per la falsa notte di Natale.

Tagliai i ponti con la mia nevrosi.
Durò tre anni. Poi mi ritrovai
A farne altri di conti, molto più duri,
Con tutte le parti di me
Che in 40 anni
Si erano costruite su quelle strutture
Divisorie che ora si stavano sfaldando.

Sembrò che tutto crollasse:
Persi il lavoro, persi la salute, quasi
La testa. Andai
Incontro ai miei terrori
Più antichi
Risucchiato come al fondo
Dell’angoscia.

Nulla aveva più senso.
E tutto sembrava perduto
E assurdo, anche se mai
Smisi d’invocare una risposta
Che doveva venire a ricrearmi.

Dopo tredici anni lasciai la RAI.
Mi chiusi in camera. Volevo curarmi.
E basta. Nel 1998
Iniziò così il terzo triennio: la ristrutturazione.

Era come un’embriologia.
Curavo la mia cellula nascente
Fragile ma già più integrata
Aspettando di sapere chi stessi
Diventando.

Era il corpo dell’anima che si unificava.
Volevo vivere solo in quello stato
Di reintegrazione, in quella pace,
Anche se questo mi portava
Fuori dal mondo. O così sembrava.

Comprai il mio primo letto
Matrimoniale. Dopo vent’anni
Incominciai a dormire con Paola.
E comprai la mia prima TV.
Rompemmo in casa molti muri.
Incominciai a fare doposcuola a Gloria.
Cominciammo poi anche a pregare
Insieme a pranzo e a cena,
A celebrare balbettando questa vita
Terrena
Senza scissioni interne o forzature.

La cellula integrata estende
La sua integrazione. E’ come un campo
Che propaga dal suo fuoco
Nucleare una potenza
Che costruisce le forme dell’amore:
Le convivenze.

Volevo perciò comunicare
Solo a quel livello, comunicare integrazione
E pace.
Volevo vivere ciò che la poesia
Aveva profetato, senza accontentarmi
Di proiezioni fantastiche o di compensazioni
Immaginarie.

La poesia dell’inconscio era finita.
I conflitti profondi li affrontavo ormai
In piena luce. Non scrissi
Perciò versi per tre anni.
Era da trent’anni che non mi succedeva.
Raccolsi però due gruppi di amici
Per provare a crescere insieme
Nella gioia del perfetto perdono.

Il campo dell’uomo unificato
E’ un sistema di relazioni, una cerchia
Di amicizie che si allarga.
Perché Dio è un soggetto plurale
E Cristo siamo noi, un popolo,
Un collettivo.

Ora davvero non so
Se ci sarà una poesia
Ancora per me, e in questa nuova
Era che si apre. Non so
Cosa sarà della mia vita.
Ma cosa importa? Io so
Che Dio è questa gioia
Che si espande, questa vita
Eterna e terrena, questa poesia
Che è scritta nella carne
Per rischiararla
E farne il nostro cielo.



Tratto dal volume di MG Nella mia storia Dio, Passigli 2005.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri