28 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



11 ottobre 2007

Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

Riconoscersi laici in quanto cristiani e cristiani in quanto laici

Molte volte nelle attuali controversie su laicità, laicismo, cultura laica etc., non si comprende appieno di che cosa si parli, e si finisce per fare affermazioni generiche che servono solo ad incrementare quel crescente bisogno di scontro ideologico che sta montando in Italia. La riduzione di questioni complesse alla comoda ma avvilente misura dello slogan è sempre il segno di una pericolosa carenza di profondità, di una voglia impellente di mettere a tacere ogni interrogazione seria, e di scaraventare in faccia all’avversario parole tanto perentorie quanto poco pensate. Questo rinserramento in asserzioni sempre meno ponderate, questa educazione alla rigidità mentale, acritica, orgogliosa delle proprie presunte certezze, e sempre più animosamente armata contro i nemici di turno che premerebbero alle porte, è propriamente la pedagogia della guerra.

Quando ad esempio sentiamo dire che la religione cristiana non dovrebbe entrare nelle questioni della politica, in quanto bisognerebbe salvaguardare l’assoluta laicità dello stato, si dimentica che proprio questa laicità deriva in modo diretto e necessario dalla distinzione cristiana tra le due città e i due poteri, e che quindi più affermiamo questa laicità più siamo intrinsecamente cristiani, e cioè in qualche modo facciamo entrare pesantemente la religione nei fondamenti del nostro discorso politico, cosa che oggi è evidente ad esempio nel confronto con il mondo islamico, e che viene ormai riconosciuta con chiarezza anche da pensatori come Vattimo: “Ciò che credo si possa dire nei termini di un pensiero non metafisico è che gran parte delle conquiste – teoriche e pratiche, fino all’organizzazione razionale della società, al liberalismo e alla democrazia – della ragione moderna sono radicate nella tradizione ebraico-cristiana, e non sono pensabili al di fuori di essa”.

Parimenti quando da parte cattolica si fanno derivare tutti i mali del presente da quel processo di secolarizzazione, che dall’illuminismo porterebbe dritto dritto al relativismo e al nichilismo, forse si dimentica che questo processo porta dentro di sé uno spirito radicalmente cristiano, che sono cioè proprio i misteri cristologici dell’Incarnazione a relativizzare e a “mondanizzare”, e cioè a calare nella carne concretissima e molto incerta e chiaroscurale dei nostri giorni terreni, la rivelazione di Dio. Si dimentica inoltre l’essenza dissacrante dell’annuncio cristiano che toglie legittimità ad ogni potere religioso o politico che pretenda di assoggettare l’uomo in nome di un sacro bagnato quasi sempre del sangue dei poveri. Si dimentica poi che Gesù è stato ucciso dai sacerdoti del suo popolo proprio perché era un tremendo dissacratore, perfino della santità del sabato, un vero relativista che relativizzava addirittura la legge di Mosè pur di salvare la vita ad una adultera. Si dimentica infine la natura potremmo dire illuministica e in un certo senso nichilistica - nel senso paolino del ridurre al nulla le cose che sono (1Cor. 1,28) - del cristianesimo, come ha scritto molto bene il cardinale Jean-Marie Lustiger: “A generare l’universo scientifico, moderno e secolarizzato, è stato il mondo occidentale, nato dalla Parola biblica. Di conseguenza la crisi di questo mondo è una crisi della fede. (…) La crisi del nostro secolo, nella misura in cui esso vive del trionfo dell’Occidente, è una crisi collettiva del cristianesimo stesso.” Concetto questo ribadito d’altronde dallo stesso Benedetto XVI poco prima della sua nomina papale, il 1° aprile del 2005, a Subiaco: “l’Illuminismo è di origine cristiana ed è nato non a caso proprio ed esclusivamente nell’ambito della fede cristiana”.


La crisi terminale della razionalità autosufficiente

Se dunque usciamo dalla cultura bellica degli slogans e delle piazze contrapposte, e cioè dall’atteggiamento infantile di chi si chiude nella difesa più o meno isterica di figure di identità approssimative e consunte, che cosa vediamo? Qual è il vero problema che dovremmo affrontare?
A me pare che la questione all’ordine del giorno si possa riassumere così:
le culture moderne, che si sono sviluppate, a partire dal XVI secolo, sempre più fuori e poi sempre più spesso contro la Chiesa cattolica e lo stesso cristianesimo – pur alimentandosi alle sorgenti della medesima fede -, nella convinzione di poterne sostituire le funzioni salvifiche nei termini di un progresso scientifico e politico tutto terreno, vivono una loro crisi terminale, una sorta di catastrofe dei loro stessi fondamenti teorici e di tutte le loro speranze storiche;
per ritrovare linfa vitale ed energia creativa nuova sono chiamate a riscoprire le loro sorgenti spirituali, che sono intrinsecamente cristiane, e ad avviarsi così a ricomporre processualmente quel divorzio tra fede cristiana e cultura moderna che segna, come diceva già Paolo VI, il vero dramma del nostro tempo (cfr. Evangelii nuntiandi 20).

Questa riconiugazione tra Chiesa cattolica e modernità, e quindi ovviamente anche tra tutte le chiese cristiane, questa riunificazione nello stesso tronco spirituale da cui tutti qui ad Occidente deriviamo, che è poi la Nuova Umanità inaugurata da Cristo, implica d’altronde un profondissimo processo di conversione e di purificazione della Chiesa stessa, che è chiamata ad assimilare tutti gli impulsi evolutivi e liberatori della modernità, riconoscendoli nella loro valenza evangelica.
Questo processo, come si sa, è già stato avviato dal Concilio Vaticano II, e trova, a mio giudizio, nella grande richiesta di perdono compiuta da Giovanni Paolo II nella prima domenica di Quaresima del 2000 un nuovo slancio profetico, tutto ancora da assimilare e da trasformare in atteggiamenti coerenti e consequenziali.

Ma vediamo meglio in che senso le culture “laiche” vivano una fase di crisi terminale.
I due grandi filoni culturali, radicati nel processo rivoluzionario della razionalità moderna, sono, come si sa, quello scientifico e quello storico-politico. Ora il riduzionismo materialistico della scienza di tipo positivistico è stato del tutto travolto dalle scoperte della fisica del XX secolo, che spingono, per fare solo un esempio, scienziati come Max Planck a dire in una famosa conferenza, tenuta a Firenze nel 1944: “Come fisico vi dico in base alle mie ricerche sull’atomo: non esiste nessuna materia in sé! Tutta la materia ha origine ed esiste solo in virtù della propria forza, la quale fa vibrare le particelle atomiche e che le tiene insieme come un minuscolo sistema solare dell’atomo (…) Così dietro questa forza dobbiamo supporre uno Spirito intelligente e consapevole. Questo Spirito è il fondamento di tutta la materia”.
Se dunque la scienza va perdendo ogni fondamento teorico di tipo materialistico, e sembra addirittura sempre più spesso parlare il linguaggio della mistica, parimenti si è da tempo dissolto l’entusiasmo per la risoluzione tecnologica di tutti i problemi dell’uomo. Noi oggi siamo molto più preoccupati piuttosto che entusiasmati per una modalità di sviluppo tecno-mercantile che non sempre sembra orientarsi nella direzione dei veri interessi dell’umanità. Eppure, nonostante queste evidenze, permane nella cultura dominante e nel senso comune una sorta di totalitarismo scientistico, un’arroganza materialistica, ed un riduzionismo antropologico che sembrano anzi irrigidirsi quanto più crollano i loro fondamenti teorici e si manifestano le loro insufficienze pratiche.

Sul piano storico-politico poi il progetto social-comunista di sradicare la fede cristiana e di sostituirla con una religione di tipo rivoluzionario, del tutto materialistica e atea, è tragicamente naufragato nell’orrore stalinista e crollato nel fango con gli ultimi mattoni del Muro di Berlino. L’illusione catastrofica che l’uomo possa fare a meno di quell’apertura all’infinito che lo costituisce, o che possa soddisfarla in un processo tutto immanente di liberazione politica, questo filone culturale, che da Hegel e da Marx arriva in Italia fino a Croce, a Gentile, e a Gramsci, è anch’esso in coma irreversibile, e si sta spappolando nelle melme mentali di un vero e proprio relativismo assoluto, di questo nichilismo tutto borghese, individualistico e sostanzialmente disperato, che trionfa su “Repubblica” come a “Canale5”. Quelli che fino a ieri sognavano la rivoluzione mondiale del proletariato, la palingenesi storica di una umanità finalmente liberata, si sono ridotti alla depressione “morettiana” o all’indignazione antiberlusconiana, sempre più fioca e ad intermittenza, tra un viaggio nostalgico a Cuba e un salto a Parigi per le ultime sfilate di moda. Eppure anche questo filone, nonostante i fallimenti davvero catastrofici e le vergogne e le contraddizioni che si porta dietro, sembra non avere perduto l’antica arroganza, quel piglio da primi della classe che però non si sa più dove fondino tutta la loro sicumera…


Nella notte occidentale nasce un essere umano che ascolta

Come possiamo custodire le grandi forze evolutive che, pure in forme distorte, comunque agivano in questi filoni, e rilanciarne i progetti per il XXI secolo? Questa è una domanda davvero laica, razionale, e del tutto moderna: come possiamo rilanciare i grandi progetti della modernità: la conoscenza sempre più profonda della natura, la liberazione integrale dell’umano da ogni forma di schiavitù religiosa o politica, la giustizia economica e sociale a livello ormai planetario, l’unificazione del mondo nella sinfonia e nel concerto policromo delle sue voci, come possiamo continuare ad essere “assolutamente moderni” (Rimbaud), purificandoci però dall’illusione catastrofica di un’autonomia assoluta, di una solitudine irrelata della ragione, e quindi della stirpe umana?
E’ proprio nello spazio doloroso del fallimento dell’uomo che si pretende autonomo, è proprio in questo nostro momento di crisi non solo delle culture tradizionali, ma anche di tutte le culture critiche, che arrivano a criticare lo stesso fondamento del loro criticare, precipitando nel nulla e nell’afasia, è proprio ora che possiamo ridisegnare e insieme riscoprire i veri lineamenti della nostra umanità.

L’io tardo-moderno che accetti di vivere il fallimento delle pretese della propria ragione delirante, monologante, e sorda alle profondità del proprio respiro, può riscoprire l’abisso della propria interiorità, riscoprire che prima di ogni interrogazione razionale c’è un nostro essere in ascolto, un nostro essere in relazione. E questo sfondamento della soggettività chiusa in se stessa verso un ascolto più radicale di ogni organizzazione razionale dei discorsi, è esso stesso uno dei caratteri fondamentali di tutte le esperienze spirituali più avanzate del XX secolo: da Rimbaud a Heidegger, da Freud fino a Prigogine o alla Zambrano. Ancora una volta è del tutto laico verificare che l’essere umano è di per sé proteso verso e aperto all’Infinito, strutturalmente bisognoso di una speranza salvifica e di un senso che raccolga e custodisca i giorni della propria vita. E’ del tutto razionale e laico verificare che il nostro essere umani si realizza soltanto nel difficile compito di donare e di ricevere amore, sempre protesi verso una felicità che, per essere completa, non può avere fine, perché ogni gioia, come diceva lo stesso ateissimo Nietzsche, vuole eternità, profonda, profonda eternità.

Dobbiamo perciò edificare, sulle ceneri di una ragione (e quindi di una forma di soggettività umana) presuntuosa quanto insufficiente, una antropologia della nostra umanità radicale, di una umanità nuova e del tutto laica, e cioè del tutto calata nella carne umana del tempo, senza orpelli sacrali o recinti “religiosi”, una umanità inedita e inaugurale che proprio ora sta emergendo dalla crisi e dal tracollo di tutte le millenarie figurazioni belliche, culturali e religiose, dell’identità umana. Dobbiamo comprendere come questa nuova umanità post-bellica (in quanto trans-egoica, nascente cioè dallo scioglimento delle chiusure dell’io entro i confini posseduti e serrati della propria identità) maturi proprio attraverso gli ambiguissimi secoli della modernità, con tutte le contraddizioni che conosciamo, e che proprio oggi emerga come unica possibilità ancora evolutiva non solo per proseguire i progetti purificati della modernità, ma, più in generale, per proseguire la storia umana sul nostro pianeta terra.

E’ in questo luogo povero e potente, in cui l’umano sembra nascere daccapo, che il mistero di Cristo, come nuova umanità e umanità compiuta e inseminata in noi, può tornare a parlare con tutta la sua freschezza. Questo richiede ovviamente una fede, e quindi anche un linguaggio spirituale, una pastorale ordinaria, e una catechesi davvero purificati da tutte le deformazioni belliche della nostra storia bimilleraria, davvero passati attraverso le durissime lezioni della modernità.
Ma questo sarebbe un argomento da trattare in una riflessione ulteriore.


Pubblicato nella Rivista Via Verità e Vita - Comunicare la fede, num.5, settembre-ottobre 2007, anno LVI.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri