28 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



9 gennaio 2008

Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

In questo articolo vorrei percorrere con voi un cammino vero. Quand’è che un cammino, un itinerario può dirsi vero? Io credo che la sua autenticità si possa rilevare se e quando il suo percorrimento ci porti a scoprire cose nuove dentro e fuori di noi, se e quando lungo le sue tappe sentiamo che qualcosa incominci a cambiare, e a cambiare in meglio. Sì, un cammino di pensiero è vero se ci illumina, ci alleggerisce, e ci rallegra, anche se a volte può metterci in crisi, scomodarci, costringerci a mutare prospettive e punti di vista.
In tal senso il Salmo 83 ci dice che è beato, è felice, è fortunato chi decide di intraprendere un vero itinerario trasformativo, perché imparerà ad utilizzare anche le fasi dolorose e difficili del proprio percorso, e conquisterà sempre nuova forza, fino a raggiungere quella pienezza di luce che chiamiamo Dio:

Beato chi trova in te la forza
e decide nel suo cuore il santo viaggio.
Passando per la valle del pianto
la cambia in una sorgente,
anche la pioggia
l’ammanta di benedizioni.
Cresce lungo il cammino il suo vigore,
finché compare davanti a Dio in Sion (Sl 83, 6-8).


Interpretare il tempo presente

La prima tappa del nostro cammino consisterà nel tentativo di interpretare la singolarità e, per certi versi, la ultimatività del nostro tempo. Perché partiamo proprio da uno sforzo di orientamento storico? Perché qualsiasi riflessione sui vari fenomeni di crisi della società contemporanea, dalle trasformazioni del mondo del lavoro all’impoverimento progressivo del dibattito politico, dallo sfaldamento della famiglia alle insufficienze ormai decennali della scuola, dalla crisi della catechesi e di ogni agenzia educativa, deve, o meglio dovrebbe necessariamente partire da un’apertura adeguata di comprensione della singolarità della nostra fase storica?
Potremmo dire che ci sia una ragione teologica e una ragione antropologica, strettamente connesse tra di loro. Nella Costituzione pastorale Gaudium et spes leggiamo: “Il Popolo di Dio, mosso dalla fede, per cui crede di essere condotto dallo spirito del Signore, che riempie l’universo, cerca di discernere negli avvenimenti, nelle richieste e nelle aspirazioni, cui prende parte insieme con gli altri uomini del nostro tempo, quali siano i veri segni della presenza o del disegno di Dio”(11a). Per cui il Dio Vivente noi lo incontriamo proprio nella concretezza estrema delle nostre vicende terrene, tentando di leggere fino in fondo e di scoprire il senso evolutivo e salvifico delle nostre biografie e storiografie. La conoscenza di Dio, cioè, la teo-logia autentica, non può separarsi da una sempre più profonda conoscenza dell’uomo nella sua esistenza storica, e quindi appunto da una antropo-logia radicale. E’ lì che il Dio Vivente, e quindi il Senso risolutivo di ogni crisi, può essere attinto, e non in astratte elucubrazioni di qualsiasi tipo.

Eppure leggere in profondità il proprio presente non è affatto facile, e a noi umani non ci viene per niente naturale, come denunciò per primo Gesù: “Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: Viene la pioggia, e così accade. E quando soffia lo scirocco, dite: Ci sarà caldo, e così accade. Ipocriti! Sapete giudicare l’aspetto della terra e del cielo, come mai questo tempo non sapete giudicarlo?”(Luca 12,54-56). Gesù dice che chi non sa leggere il proprio tempo è un ipocrita. Perché? Perché per comprendere il tempo collettivo bisogna avere innanzitutto l’onestà di interpretare con chiarezza la propria vita. Per comprendere la radicalità antropologica della crisi che stiamo attraversando su questo pianeta dobbiamo guardarci allo specchio e riconoscere la crisi profondissima che attraversano la nostra esistenza, i nostri affetti, il nostro lavoro, la nostra spiritualità. Altrimenti siamo appunto degli ipocriti, maschere difensive, commedianti che ingannano se stessi, e che non potranno mai comprendere che cosa stia succedendo nel mondo, né quindi dove e come si stia manifestando il disegno di Dio.
Se non impariamo a rispondere alla domanda che Dio ci pone ogni giorno, a partire dalla caduta di Adamo: Dove sei? In che punto ti trovi della storia della (tua) salvezza? non potremo mai lasciarci penetrare dall’Adesso di Cristo, dal suo Presente di assoluta novità, e quindi non potremo neppure collaborare attivamente alla sua Opera trans-figurativa in ogni ambito concreto della nostra esistenza personale e storico-collettiva.


L’esaurimento di tutte le figurazioni belliche di umanità

Ebbene, oggi più o meno tutti i commentatori e gli studiosi occidentali, sia laici che cristiani, concordano nel ritenere estremo in modo del tutto singolare il nostro tempo, in cui, come diceva ancora la Gaudium et spes “è in pericolo di fatto il futuro del mondo”(n. 15). Ma attraverso questo pericolo, che appare per molti aspetti addirittura definitivo, sembrano aprirsi opportunità inedite di sviluppo e di crescita umana, come disse l’allora cardinale Ratzinger proprio iniziando il suo discorso di Subiaco del 1° aprile del 2005: “Viviamo un momento di grandi pericoli e di grandi opportunità per l’uomo e per il mondo”.
Ma in che cosa consiste questo Passaggio Cruciale che stiamo vivendo? Come possiamo definire concettualmente in forma unitaria questa transizione che ci pone dinanzi a svolte, discrimini, crisi, spartiacque così drammatici? C’è un senso comune, una causa profonda che possa spiegarci al contempo lo scontro tra le civiltà e la nascita di una inedita cultura della pace, la povertà delle attuali offerte culturali dominanti e la fame crescente di nuova spiritualità, ma anche i totalitarismi del 900 e l’arte astratta, l’esplosione della psicoanalisi e i movimenti più o meno caotici degli anni ’60, insomma questo turbine incandescente che è stato l’ultimo secolo e dentro il quale continuiamo a procedere a velocità accelerata e spesso in uno stato di semi-incoscienza?

Proviamo a dire in estrema sintesi così: un senso comune c’è, ed è il tragico esaurimento di un’intera figura antropologica di umanità, che possiamo definire egoico-bellica.
In tutte le tragedie, ma anche in tutti i grandiosi passi evolutivi del XX secolo, si è manifestato con estrema chiarezza che se l’umanità continuerà a fondare le proprie civiltà su forme di identità (nazionali, razziali, religiose, sessuali, etc.) chiuse in se stesse, difensivo-offensive, e quindi in definitiva belliche, finirà per distruggersi. Perciò l’intero XX secolo può dirsi complessivamente apocalittico, in quanto in esso ci si rivela nei fatti, se ovviamente impariamo a leggerli in profondità, la distruttività di un’intera figura di soggettività umana, di quel tipo di io che si rafforza contrapponendosi all’altro da sé polemica-mente, per dominarlo o escluderlo, per assimilarlo a sé o per annientarlo. Questa forma di soggettività determina, come sappiamo, non solo molteplici modalità di convivenza (dalla famiglia agli stati), ma anche ogni tipo di conoscenza che pretenda appunto di dominare completamente l’oggetto del proprio conoscere.

Qui non possiamo soffermarci ad illustrare adeguatamente questo fenomeno di portata secolare ed estremamente complesso e multiforme, ma ciò che dovrebbe risultarci evidente fin d’ora è che il tempo presente ci sta spingendo verso una nuova figurazione antropologica, verso una inedita configurazione della nostra soggettività umana, per davvero post-bellica. Stiamo cioè faticosamente partorendo dentro di noi e tra tutti noi, abitanti della terra, una umanità, un io umano che non si rafforza più chiudendosi dentro le mura difensive della propria identità, ma viceversa aprendosi all’altro da sé, e quindi aprendosi alla propria trasformazione nella relazione. L’io umano che sta nascendo in questo travaglio secolare sta scoprendo che la vera forza non viene dalla rigidità delle proprie (presunte) certezze, tutte belliche, quanto piuttosto dalla flessibilità del suo mutare relazionandosi a ciò, a chi, essendo altro da me, mi costringe o alla guerra o alla comune trasformazione, al comune sforzo di andare oltre noi stessi.
Solo così si costruisce la pace.

All’io egoico-bellico, ormai sempre più palesemente insostenibile, si sta lentamente sostituendo l’io relazionale, l’io coniugale, l’io che noi cristiani non possiamo che vedere come espressione della nuova umanità, appunto costruttrice di pace e di unità, inaugurata da Cristo.
Questo Passaggio Cruciale è per davvero una svolta antropologica, in quanto finora e per millenni tutte le identità sociali, sessuali, culturali, politiche, e religiose sono state sostanzialmente bellico-oppositive. Tutta la storia della terra, in verità, dalla nascita della scrittura sumerica (3300a.C.) in poi, è stata ed è tuttora una storia di guerre, di città e poi di stati in guerra tra di loro, di ceti e classi sociali in guerra tra di loro, di civiltà e religioni in guerra tra di loro. Ciò che stiamo attraversando è la drammatica liquidazione universale di tutte le figurazioni egoico-belliche delle nostre identità. Ecco perché viviamo una crisi generalizzata di tutte le identità: tutti i contenuti storici di tutte le nostre identificazioni si stanno purificando degli elementi egoico-bellici che ancora li costituiscono. E questo comporta una fibrillazione, un travaglio, e una purificazione immensi. Ti credo che la famiglia è in crisi! Stiamo ridefinendo l’essere maschio e l’essere femmina in forme non più oppositive-separative. E’ ovvio che la politica e le religioni siano in crisi, abituate da millenni a fondarsi sull’esclusione, la condanna, la scomunica, la demonizzazione dell’altro, del nemico di turno. Ma questa liquidazione universale ci parla in realtà di una nascita e di un Battesimo. Ci stiamo purificando, stiamo rinascendo. Alleluia.


La riconciliazione purificativa tra cristianesimo e modernità

Anche la Chiesa cattolica ha avviato questo lungo e difficile processo di purificazione, innanzitutto assorbendo alcuni elementi fondamentali della cultura moderna e democratica attraverso il Concilio, e poi avviando con Giovanni Paolo II quel cammino di pentimento e di richiesta di perdono per tutte le forme egoico-belliche in cui si è espressa per secoli la nostra fede, anche in vista di quella riconciliazione e riunificazione tra tutti i cristiani che non potrà mai avvenire, se non attraverso un processo di profonda conversione e purificazione di tutte le chiese, come ha ricordato ultimamente il cardinale Kasper all’assemblea ecumenica di Sibiu. E’ bene tenere presente che questa rilettura penitente della nostra storia di cristiani non può che modificare gli stessi lineamenti della nostra identità, rimettendola in movimento e in gioco. E’ chiaro che non muta nulla dei principi fondanti della nostra fede, ma muta nettamente il modo in cui li interpretiamo e li incarniamo nella concretezza delle nostre esistenze e della nostra cultura. E per noi cristiani alla fine questo è il dato preminente, in quanto sul piano dei principi teologici astratti san Francesco e Pinochet probabilmente sarebbero stati d’accordo…

Questa liquidazione delle figurazioni egoico-belliche del cristianesimo storico ha già portato a enormi trasformazioni nella Chiesa cattolica, e io credo che ancora più profonde revisioni segneranno il XXI secolo. In particolare dovremo confrontarci con quel aspetto della rivoluzione antropologica in atto che attiene alla radicale riformulazione della relazione fondamentale tra maschio e femmina. Anche questa relazione fondante è stata caratterizzata per millenni dalla rigida separazione/contrapposizione tra i sessi, cui faceva seguito un altrettanto rigida separazione dei ruoli sociali. Ebbene proprio questo schema sta andando in frantumi, e oggi è del tutto naturale, almeno nei paesi occidentali, che una donna possa essere medico o primo ministro, carabiniere o addirittura, nelle chiese luterane, vescova. Questo rivolgimento ci sta aprendo ad un’esperienza non più separante ma coniugativa delle nostre identità di genere, per cui anche qui io sono tanto più maschio non quanto più mi separo rigidamente dall’universo psicologico (affettivo ed emozionale) della donna, ma viceversa nella misura in cui mi coniugo con esso, mi unisco ad esso in una unità feconda e felice. E’ chiaro che non posso soffermarmi su questo aspetto rivoluzionario anche della formazione umana e cristiana, ma credo sia determinante comprendere che l’irruzione della donna e del femminile negli scenari pubblici della storia costituisca uno dei segni più forti della svolta antropologica in atto, come comprese molto bene Vladimir Soloviev già all’inizio del XX secolo: “nelle epoche in cui le vecchie forme delle idee vitali si sono esaurite, hanno perso ogni vigore e si esige il passaggio a nuove concezioni ideali, le donne se non prima certo con più forza e decisione degli uomini provano un’insofferenza per i limiti tradizionali della vita e l’impulso a uscirne verso il nuovo, verso il futuro… E’ sempre possibile una nuova forma di comprensione, di assimilazione e di realizzazione dell’eterna parola di verità, e attualmente è diventata indispensabile. L’agitazione dell’anima femminile è un segno evidente di questa necessità e dell’avvicinarsi del suo compimento".

Eccoci dunque arrivati alla conclusione. Spero che abbiamo compreso la straordinaria bellezza e l’estrema difficoltà del nostro tempo, in cui siamo chiamati per la prima volta nella storia del pianeta a compiere una vera e propria svolta antropologica in piena consapevolezza e volendolo fare. Questa svolta cioè richiede, a differenza per esempio della svolta del neolitico, che ogni essere umano decida di compiere il passaggio trans-figurante e si impegni con tutte le sue forze a compierlo.
Il cammino che ci si apre dinanzi sembra richiedere una inedita riconciliazione vicendevolmente purificativa tra gli esiti più avanzati delle culture moderne e la tradizione cristiana, da cui essenzialmente provenivano e da cui però si sono divorziate lungo gli ultimi cinque secoli. Questi due grandi filoni della nostra cultura devono riconoscere di derivare dall’unico tronco spirituale della nuova umanità inaugurata da Cristo duemila anni fa, e riconoscendo questa loro strettissima parentela correggere tutte quelle unilateralità che sono nate proprio dalla loro divisione. Diceva a questo proposito con grande chiarezza Benedetto XVI nello stesso discorso di Subiaco che abbiamo già citato: “Il concilio Vaticano II, nella costituzione sulla Chiesa nel mondo contemporaneo, ha nuovamente evidenziato questa profonda corrispondenza tra cristianesimo e illuminismo, cercando di arrivare a una conciliazione tra Chiesa e modernità, che è il grande patrimonio da tutelare da entrambe le parti. Con tutto ciò bisogna che tutte e due le parti riflettano su se stesse e siano pronte a correggersi”.
E’ da questa riconciliazione vicendevolmente purificativa che scaturirà, e sta già scaturendo, la nuova cultura dell’umanità nascente, e quindi anche si configureranno le modalità concrete di una nuova formazione dell’essere umano chiamato a trans-formarsi in un libero e consapevole agente di unità e di pace.



Articolo pubblicato nella Rivista Formazione e Lavoro, 3/2007.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri