28 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



20 febbraio 2008

Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

Un mondo in disfacimento e la sua rivoluzione

1. Se dovessimo valutare l’attuale situazione del mondo poetico soltanto in base a ciò che ne vediamo, dovremmo ritenere di trovarci entro una fase di decadimento definitivo, di spappolamento e liquidazione di qualsiasi residua istituzione letteraria dotata di senso.
Ma questa considerazione vale anche per l’intera società italiana, e più in generale per l’Occidente moderno, inteso non tanto come area geopolitica, quanto piuttosto come epoca della planetarizzazione del tramonto di tutte le culture tradizionali e dell’emersione di un pericolosissimo totalitarismo tecno-mercantile.
Per non vedere solo il disfacimento e la corruzione che ne deriva, dobbiamo fissare il nostro sguardo nelle dimensioni di ciò che ancora non si vede, negli spazi interiori del futuro, in quelle profondità del cuore in cui, proprio attraverso tanta disgregazione e tanto dolore, qualcosa di altro si sta configurando: sta effettivamente nascendo.
Questo sguardo nell’invisibile richiede però uno straordinario sforzo di concentrazione, e un’attitudine altrettanto straordinaria all’ascolto e in definitiva alla preghiera, come forma suprema di ascolto di ciò che ancora non siamo, non sappiamo, ma stiamo diventando e amiamo: “noi non fissiamo lo sguardo sulle cose visibili, ma su quelle invisibili. Le cose visibili sono d’un momento, quelle invisibili sono eterne” (2Cor 4,18).

2. Più o meno tutti i critici letterari sono d’accordo nel sostenere che a partire dalla seconda metà degli anni ’70 svaniscano gli ultimi strumenti di orientamento nell’universo poetico italiano, e si entri in un periodo di puro e assoluto caos. Pochissimi però si chiedono seriamente il perché di questa situazione. Piuttosto si tenta di supplire a questa deficienza teoretica moltiplicando le forme private di interpretazione, e cioè potremmo dire le antologie “personali”. Ognuno si fa la sua. Ci sono quelle “generazionali” e quelle “di gusto”, del tipo: ci metto dentro chi piace a me e ai miei amici; ci sono poi quelle che ancora pretendono di conservare un certo decoro e rigore accademici e quelle invece fatte solo per escludere qualcuno e includere qualcun altro. Anche grazie a queste operazioni il caos cresce e il fango dell’insensatezza sale.

3. In realtà i poeti italiani non hanno quasi più nessuno che li legga. Vivono un isolamento crescente, uno scollamento dolorosissimo dalla società e dai suoi problemi, spesso una più o meno cupa disperazione. Esistenzialmente ognuno di noi cerca un modo per sopravvivere, tra angoscia di morte e vanità del tutto, mentre di fuori prolifera una competizione “letteraria” tanto più feroce e spietata quanto più vana e autoreferenziale, da bande armate, da mafie. Nessuno può più legittimare nessun altro infatti: introduzioni, inserimenti in collane prestigiose, premi o cose del genere sono tutti strumenti in gran parte svalutati, monete false: niente e nessuno può più garantire ad uno scrittore di essere finalmente accolto in una sfera di reale esistenza, nella “storia della letteratura”, essenzialmente in quanto è proprio quest’ultima che non esiste più…
Questa situazione rende il nostro ambiente particolarmente infetto, in quanto le piccole e a volte microscopiche ambizioni sono spesso le più avvelenate, e la frustrazione è il sentimento di base dell’odio e della rabbia.

4. Lo stesso fenomeno infettivo, la medesima pandemia la si riscontra d’altronde nel mondo dell’arte come della filosofia, dell’editoria come dell’università o della comunicazione di massa, in ogni ambito cioè della cultura. Tutto ciò che non può canalizzarsi nei labirinti spettrali del “mondo accademico”, né inserirsi nel settore dell’industria e dello spettacolo, rifluisce in aree autoreferenziali o nelle catacombe. Nel 1968 Pasolini descriveva così la riduzione della cultura a settore commerciale, e dell’intellettuale a “numero” di attrazione del circo mediatico: “L’intellettuale è dove l’industria culturale lo colloca: perché e come il mercato lo vuole. In altre parole l’intellettuale non è più guida spirituale di popolo o borghesia in lotta, ma per dirla tutta, è il buffone di un popolo e di una borghesia in pace con la propria coscienza e quindi in cerca di evasioni piacevoli”. Per chi non si adatti a tanta vergogna resta l’esilio, la scomparsa sociale, il suicidio, o lo spostamento definitivo su un diverso piano di realtà.

5. Dobbiamo però renderci conto che questo fenomeno disgregativo è in cammino da tempo ed è molto più radicale e profondo di quanto Pasolini riuscisse a vedere attraverso le categorie ancora economicistiche che utilizzava (sviluppo inevitabile di un capitalismo più avanzato in Italia etc.). Per comprendere un po’ meglio il caos attuale dovremmo reinterpretare piuttosto, leggendoli a ritroso, almeno due momenti cruciali della nostra storia: la crisi degli anni ’60 (Novissimi, Concilio Vaticano II, ’68); e la catastrofica risposta totalitaria alla crisi della democrazia borghese agli inizi del XX secolo (Rivoluzione sovietica; fascismi europei; avanguardie poetiche e artistiche; Seconda Guerra Mondiale).
In base ai limiti di questo lavoro dobbiamo limitarci a dire che il vero problema che attraversa il XX secolo (politico e poetico), e che arriva irrisolto e aggravato fino a noi, è quello della Rivoluzione. Oggi stagniamo poeticamente e politicamente in quanto non siamo ancora capaci di pensare in modo nuovo la Rivoluzione, che pure è già da tempo in corso, non abbiamo ancora elaborato una interpretazione post-marxistica (e post-ideologica) della Rivoluzione che stiamo vivendo, e quindi ne subiamo gli scossoni, invece di assumerne la guida consapevole.
Ma di quale Rivoluzione parliamo?
E’ appunto la risposta a questa domanda che rimetterà in moto la ruota inceppata della storia. Io qui mi limiterò a tentare una riflessione che tragga dalla storia della poesia alcune indicazioni utili a definire la natura della Rivoluzione in atto.


Il futuro della poesia: la Rivoluzione dell’Uomo

1. Partiamo da Benedetto Croce e dal suo netto rifiuto di tutta la poesia contemporanea da Rimbaud fino alla così detta “poesia pura”: “E lascio da parte il Rimbaud, che, nella sfera del pensiero così estetico come morale non dié nulla che valga, e nella poesia, dopo alcune prove di precoce virtuosità, fece confessione del suo definitivo fallimento, che fu l’unico atto serio e virile da lui compiuto”. Per Croce questa nuova poesia è semplicemente assurda, falsa, irreale: “Della cosiddetta nuova poesia accetto solo, come ho detto, quelle parti o quelle faville nelle quali essa si dimostra o si dimostrerà della stessa natura dell’antica ed eterna, contenutisticamente intuitiva al modo di quella di Omero e di Dante, di Shakespeare e di Goethe”. Insomma questa nuova poesia per Croce sostanzialmente non è poesia, ma “dovrebbe, se mai, chiamarsi col nome di una nuova categoria spirituale, ancora non definita e che sarebbe da scoprire”.

2. Croce coglie, da profondo pensatore, un aspetto cruciale della questione, sia pure interpretandolo in modo negativo: questa poesia è altro rispetto a tutta la tradizione letteraria precedente: una inedita esperienza umana e dell’umano, addirittura “una nuova categoria spirituale” si fa strada in essa. Di questa assoluta originalità della propria esperienza erano d’altronde pienamente e orgogliosamente consapevoli Novalis e Rimbaud, Mallarmé, Campana e tutti gli altri… Se intanto tenessimo per ferma e approfondissimo il significato di questa acquisizione critica fondamentale una parte della nostra confusione potrebbe dissiparsi, potremmo infatti incominciare a discernere meglio nell’attuale produzione (e talvolta nell’opera di uno stesso autore) la poesia che tenti di proseguire per la via trans-letteraria tracciata da Rimbaud e Ungaretti, da quella che in un modo o nell’altro non porti dentro di sé le lacerazioni e le aperture di quella frattura. Perché di una vera e propria frattura si tratta, e non solo stilistica, quanto piuttosto eonica, in quanto attraverso di essa sembra che due mondi, addirittura due figurazioni antropologiche vadano alternandosi: una morendo e l’altra nascendo con molta fatica. Ricordate l’Ungaretti delle Apocalissi?: “Si va facendo la frattura fonda”. E’ a questo livello antropo-cosmico che dovremmo reinterpretare oggi il termine Rivoluzione, alla fine del ciclo ideologico giacobino-marxistico (1789-1989), e quindi comprendere meglio ciò che (ci) sta succedendo sul pianeta terra e sta sconvolgendo anche il mondo della poesia.

3. Ebbene, come dicevamo poco sopra, questa coscienza di attraversare un crinale rivoluzionario di portata antropologica è presente in tutti i poeti più significativi che hanno fatto parte di quella “nuova categoria spirituale”, intuita da Croce: Rimbaud come Trakl, Eliot come Char, Campana come Ungaretti, Celan come Luzi potrebbero benissimo sottoscrivere queste parole di uno dei capostipiti di questa linea genealogica, e cioè di Friedrich Hoelderlin, che il 10 gennaio del 1797 scriveva all’amico Ebel: “Io credo in una rivoluzione futura delle concezioni e delle modalità di rappresentazione, che farà impallidire tutto ciò che finora è stato”. Ed eravamo ad appena 8 anni dalla Rivoluzione Francese…
Da allora l’estraneità dei poeti rivoluzionari rispetto agli assetti di questo mondo (anche letterario) è cresciuta a dismisura. In certe fasi alcuni di loro hanno creduto che un movimento di avanguardia o un movimento politico potessero incarnare il moto rivoluzionario che vivevano dentro; ma ogni volta questi conati si sono mostrati o patetici o catastrofici: o si finiva per tornare nelle atmosfere asfissianti del “mondo letterario” (surrealismo, neoavanguardie, gruppo ’63, etc.); o si finiva per sperimentare la distruttività di quelle ideologie che controfiguravano il senso della vera e ben più radicale rivoluzione in atto: quanti poeti comunisti più o meno illusi, quanti poeti fascisti (da Thomas a Pound, da Marinetti fino a Fortini, a Gatto, o allo stesso Pasolini…). Molti scelsero la morte di fronte ai disastri delle loro illusioni, come Majakovskij. Molti impazzirono. Altri si chiusero nella loro esperienza interiore, in attesa di un tempo più opportuno, come la Dickinson o René Char.

4. Due mondi dunque, che prima di essere poetici, sono antropologici, si stanno alternando: questo è il senso segreto di una Rivoluzione che trova in realtà il suo primo momento di rilancio “mondiale” con la svolta della modernità, acquista una velocità vertiginosa nel XX secolo, e giunge fino a questo nostro bivio decisivo tra oscuramento finale e ricominciamento. E’ questa Rivoluzione che esplode nel corpo della poesia aprendo in esso una scissione irrimediabile tra Morente e Nascente. Campana ne era già pienamente consapevole: “Su qual terreno potrebbero intendersi p. es. Baudelaire e Palazzeschi? Povera nostra poesia!” Oggi si vorrebbe credere invece che uno stile valga l’altro, siamo diventati tutti molto pluralisti, post-moderni, ognuno si esprima come vuole, tanto è lo stesso: siamo diventati così archivisti, catalogatori, compilatori di elenchi telefonici, spesso becchini: allineiamo salme per il funerale della storia.
Ma non è affatto così, carissimi amici poeti e critici. Non è affatto così! Ogni opera poetica si inserisce perfettamente in uno stadio preciso del processo trasformativo in atto, e lo esprime con maggiore o minore potenza rivoluzionaria. Si tratta solo di avere gli strumenti critici per capirlo. Nella poesia italiana, per esempio, la linea che va da Ungaretti e Montale fino a Gatto e a Luzi oscilla continuamente tra i due mondi in alternanza: a volte ci si protende verso il giusto ascolto delle parole che vengono a illuminarci l’inedito cammino, mentre troppe volte si rifluisce nel letterario, nell’ego-espressivo, nella noia mortale di inutili sagacie o ironie. Anche esistenzialmente questi poeti oscillarono tra la figura del sapiente e quella del professore, tra quella del veggente e quella del giornalista, tra quella del maestro e quella del dirigente editoriale: e cioè si barcamenarono ambiguamente tra due figurazioni antropologiche opposte. Non presero perciò mai una decisa posizione nella Rivoluzione in corso, perché non la comprendevano. Tennero sempre i piedi in due staffe, e questo fece perdere loro ascolto e credibilità, forza poetica e forza spirituale.

5. Già nel 1964 Franco Fortini coglieva molto bene questa debolezza morale degli scrittori italiani: “Gli avanguardisti e i loro avversari sono disposti a mettere tutto in dubbio e a seppellire la carogna delle belle lettere. Non a modificare le strutture delle istituzioni letterarie. A disputare lungamente sul capitalismo e sulla industria culturale, sul marxismo e sulla rivoluzione. Non a modificare di fatto lo status della loro professione.”
Non si poteva d’altra parte arrivare a mettere fino in fondo in discussione lo statuto sociale del proprio essere poeti, in quanto non si aderiva ancora al livello autentico della Rivoluzione in corso, fraintendendone marxisticamente o ignorandone borghesemente la reale portata.
Oggi quelle mediazioni, già ampiamente tarlate negli anni ’60, continuano a sopravvivere e a proliferare, ma sempre più stancamente, in una sorta di depressione permanente, e di progressivo sbriciolamento. Oggi migliaia di poeti (e milioni di persone) in Italia sperimentano il collasso della loro vecchia identità ego-centrata, su cui si fonda ancora questo mondo, e non sanno come vivere questo travaglio, e si affaccendano tra blog e case editrici, tra rivistine di provincia e gruppetti vari di auto-aiuto, rincorrendo un riconoscimento da parte di un sistema letterario, che nella sostanza è già crollato almeno da decenni.
Dovremmo invece comprendere bene che ciò che sperimentiamo poetica-mente; e cioè il disfacimento delle possibilità del nostro ego di dare un ordine e un senso alla nostra vita e al mondo significa indissociabilmente il crollo dell’intero mondo letterario, per come si è andato configurando da Omero in poi, per dirla con Croce.
Per cui è contraddittorio scrivere certe cose e poi andare per il mondo come se tutto fosse come prima, come se ancora esistesse un mondo egoico ben fondato, e noi non fossimo proprio i nunzi, più o meno consapevoli, del passaggio ad un altro mondo e quindi anche ad un’altra figurazione dell’essere poeti.

6. Questo è insomma il tempo della consacrazione totale al mistero antropo-cosmico della Rivoluzione in atto.
E questo comporta l’apertura di alcuni nuovi orizzonti e anche l’assunzione di alcuni nuovi compiti, che vorrei molto sinteticamente elencare per i miei amici poeti:

a) dobbiamo innanzitutto imparare a comprendere che cosa dicano le immagini che ci arrivano al di là del controllo della nostra coscienza egocentrata, e prendere molto sul serio ciò che esse ci dicono; dobbiamo cioè sviluppare un’ermeneutica della poesia rivoluzionaria, in un senso prossimo a ciò che suggerisce Jung: “Il simbolo presuppone anche una funzione che produca simboli, e un’altra ancora che sappia intenderli. Infatti quest’ultima funzione non è inclusa nel processo di produzione del simbolo; ma è una funzione a sé che si potrebbe designare come un pensare per simboli o facoltà d’intendere attraverso di essi”. Questa facoltà ermeneutica si ricollega d’altronde anche al carisma dell’interpretazione, cui allude san Paolo nella Prima Lettera ai Corinti(14,12). Questa facoltà spirituale costituisce a mio parere l’unica fonte ancora viva di una critica davvero contemporanea, e quindi post-letteraria.
b) Dovremmo poi imparare a discernere tra queste immagini quelle che ci guidano veramente verso la luce di ciò che sta nascendo in noi, da quelle che sorgono in noi solo per accrescere il nostro caos e la nostra disperazione: ogni immagine infatti è un vettore, una motrice, un’e-mozione potente. Questo lavoro critico è perciò in realtà una sorta di discernimento degli spiriti, e richiede perciò una profonda vita spirituale del poeta come del critico consapevole-mente rivoluzionari: “C’è la tentazione di prendere per immagini spirituali invece delle idee le fantasticherie che circondano, confondono e seducono l’anima al momento in cui le si apre davanti la via verso l’altro mondo. Sono gli spiriti di questo secolo che così procurano di trattenere la coscienza nel loro mondo”(Florenskij). Molti poeti italiani oggi oscillano senza nemmeno saperlo tra immagini evolutive e immagini dissociative, tra residui egoici e irruzioni inconsce, incorporano di tutto senza discernimento: danno cioè il loro corpo linguistico, e quindi alla fine anche il loro corpo fisico, a spiriti (e-mozioni) di tutti i tipi, illudendosi di svolgere un gioco solo privato o “immaginario”.
c) Sempre più consci di essere agenti segreti e al contempo pubblici della Nascita di una nuova umanità, dobbiamo collaborare ad edificare una nuova cultura della Rivoluzione in atto: un movimento culturale e alla fine anche politico che sappia riprendere tutte le direzioni evolutive che ci arrivano dagli ultimi secoli. Questo richiede un inedito confronto con tutte le culture della modernità, ma anche con quel mistero Cristo-logico della Nuova Umanità che duemila anni fa ha dato avvio nella storia del pianeta terra a quella Rivoluzione antropo-cosmica permanente che oggi torna, per vie spesso indirette e inconsce, ad inquietare il mondo.
d) E’ solo su questo nuovo livello di comunità rivoluzionaria che i poeti potranno trovare e abbracciare il nuovo compito che la storia del pianeta ci assegna: e cioè diventare semplici diaconi, strumenti vocali, profeti, umili collaboratori al servizio della trans-formazione trans-ego(geo)-centrica dell’umanità. Fuori da questa comunità, sia pure ancora in formazione entro il corpo storico-ecclesiale del cristianesimo e dell’intera umanità, io non ho più alcun luogo sociale in cui collocarmi, perché in realtà non c’è più alcun altro luogo vivo.



Pubblicato nel volume collettivo, a cura di Loretto Rafanelli Le voci, il coro , per i "Quaderni del battello ebbro", novembre 2007.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri