28 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



16 ottobre 2008

Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

Ricominciare a credere nella salvezza

Educare alla fede cristiana oggi significa entrare in una dimensione di ricerca e di sperimentazione, in un vero e proprio “laboratorio della fede”, per usare un’espressione cara a Giovanni Paolo II, un laboratorio che è innanzitutto interiore, dentro il nostro cuore, ma poi anche comunitario.
Non si tratta cioè di trasmettere meccanicamente contenuti teologici o pratiche liturgiche chiuse nei loro significati garantiti una volta per tutte, quanto piuttosto di convocare le persone entro un processo di profonda trasformazione, e cioè in fondo di ritrovare tutto il dinamismo spirituale, tutta la potenza di guarigione e di liberazione, che la vera fede innesta in noi.
In tal senso l’educazione alla fede sta vivendo certamente una sorta di rivoluzione copernicana, una crisi senza precedenti di moltissime forme (linguistiche, rituali, ecclesiali etc.) in cui si è espressa per secoli, ma questo rivoluzionamento va interpretato come maturazione e purificazione, come momento drammatico di crescita, come confronto più radicale e più autentico col mistero della fede, e cioè come entusiasmante ricominciamento.

Dobbiamo chiederci con molta semplicità: ma che cosa significa per me credere nel vangelo? Che cosa significa educarmi alla fede? Proviamo a non interrogarci sulle forme della trasmissione della fede assumendo subito il ruolo degli insegnanti o dei catechisti. Sentiamoci piuttosto noi i soggetti da educare, come propone di fare André Fossion, un gesuita che ha presieduto l’équipe europea dei catecheti: “La questione, allora, non è più di sapere che cosa dobbiamo dire agli altri per toccarli e convertirli, ma anzitutto che cosa dobbiamo ascoltare noi”.
Allora, che cosa abbiamo bisogno di ascoltare noi adesso, in questa fase cruciale della storia? Che cosa stiamo cercando? Di che cosa abbiamo una fame da morire, spesso senza nemmeno rendercene conto? E in che modo la parola evangelica può rispondere a questa mia fame?

Mai come oggi l’essere umano ha sperimentato una riformulazione tanto radicale di tutte le convinzioni e le istituzioni storiche su cui è fondata l’esistenza personale e collettiva. Tutte le idee, filosofiche, scientifiche, religiose, morali, politiche, sono in travaglio. Il mondo sembra preso da un movimento interno accelerato che centrifuga ogni cosa, ogni concetto, e non si sa che cosa ne verrà fuori. Nella costituzione conciliare Gaudium et spes leggiamo: “Il genere umano passa da una concezione piuttosto statica dell’ordine a una concezione più dinamica ed evolutiva”(n. 5). Solo che gli stessi parametri moderni di questa evoluzione, come il concetto di progresso scientifico e tecnologico, si stanno liquefacendo, e quasi nessuno è più così sicuro della direzione positiva di questo “progredire”.

Allora proviamo a stabilire un primo punto molto semplice: educarmi alla fede oggi significa innanzitutto imparare a vedere, ad intuire che nella mia esistenza così come nella storia del pianeta, anche in questa fase di apparente caos, sussiste una direzione, un senso direzionale, stiamo cioè andando da qualche parte, e certamente, e nonostante tutta la nostra sofferenza, verso il meglio. Questa è intanto per davvero una buona notizia.
Io, uomo o donna del 2008, ho assoluto bisogno che qualcuno mi aiuti a discernere questa direzione. Educare alla fede significa oggi avere gli strumenti (culturali e spirituali) per ri-leggere le biografie e le storiografie come percorsi entro i quali sta maturando una salvezza. Non si tratta di spargere copiose catechesi, più o meno aggiornate e accattivanti o multimediali, sulla divinità di Gesù o sull’importanza dei sacramenti, sopra i coperchi ormai metallizzati di tante anime irrigidite dentro le loro paure. Ma di aiutare umilmente queste persone, e una ad una, a rivedere tutta la loro storia lasciando che in mezzo ai tanti dubbi e alla disperazione che ci divora, tra la rabbia e la vergogna che ci accompagnano insieme al senso bruciante del nostro fallimento, si faccia lentamente strada una luce diversa, quel indomabile impulso alla crescita, quel germe divino e indenne (1Gv 3,9) che c’è nel più profondo, e che proprio ora vuole venire fuori, vuole venire al mondo per rinnovarlo dall’interno.

Educarci alla fede perciò significa oggi accompagnarci vicendevolmente a fare esperienza di questa luce crescente, e cioè in definitiva aprirci alla più vera speranza. E questo sia a livello personale che a livello storico-collettivo. Abbiamo assoluto bisogno perciò di rileggere anche i secoli della modernità e lo stesso novecento come ambiguissimi tracciati verso una nascita che sta erompendo in ciascuno di noi: la nascita di una umanità sempre più integralmente liberata, perché liberata alla fine anche dalla schiavitù della morte (1 Cor 15,26). E che questo stia accadendo proprio ora è un’altra buona notizia, un vero e proprio evangelo.


Accompagnamento personale e gruppi in una chiesa che accoglie tutti

Le persone che vengono nei gruppi “Darsi pace” , che conduco da circa dieci anni, sono persone come me, smarrite e in cerca di aiuto. Vengono cattolici praticanti, ma anche non credenti, cristiani fuori dalla chiesa e persone che frequentano discipline orientali o che hanno avuto esperienze psicoanalitiche o psicoterapeutiche di vario tipo, e poi artiste, musicisti, impiegate, medici, trentenni precari, donne di casa, insegnanti, sessantenni in pensione, e così via. Eppure, poco sotto queste molteplici differenze economiche e culturali, troviamo presto la stessa identica e straziante voglia di ricominciare. E’ questo spirito di ricominciamento che non dobbiamo perdere quando parliamo di educazione alla fede. Anzi, dovremmo aiutare a comprendere che questa esigenza è proprio l’essenza stessa della nostra fede, la sua temporalità: credere in Cristo Gesù significa infatti sapere che oggi, anzi ora, in questo momento io posso ricominciare tutto daccapo, essere sciolto dai legacci del mio passato e aprirmi immacolato, puro e senza colpa all’avvento del Nuovo. Accade questo nella nostra pastorale ordinaria? Diamo questo senso di ricominciamento e di novità? Oppure la percezione che comunichiamo troppo spesso è che aderire alla fede significhi piuttosto entrare in un sistema ben recintato di regole e di certezze consolidate? Mettere la firma sotto un contratto in cui tutto è previsto e regolamentato? Non è proprio per questa sensazione oppressiva e del tutto fuori tempo che tanta gente si allontana dal cristianesimo? Eppure, come ricorda ancora Fossion: “la fede cristiana si trova oggi in uno stato generalizzato di cominciamento o di ricominciamento”, o forse la fede cristiana sta riscoprendo la propria essenza di ricominciamento e di rivoluzione permanente.

Se dovessi delineare una specie di identikit del classico “ricominciante”, di colei o colui che torna ad interessarsi in modo personale alla fede, nei nostri paesi di antica e radicata tradizione cristiana, dovrei fare un elenco delle cose che queste persone percepiscono come morte e perciò rifiutano ed uno di ciò che invece richiedono e accolgono con gioia.
Ebbene per prima cosa viene rifiutato ogni linguaggio astratto e impositivo, moralistico o dogmatico, che ci piombi addosso da altri secoli senza toccarci nelle nostre piaghe quotidiane, senza parlare cioè a noi, senza darci alcun sollievo, come dice bene Amedeo Cencini: “Rischiamo così di parlare davvero un’altra lingua, che solo pochi capiscono, c’intestardiamo a usare linguaggi ‘religiosi’ senza accorgerci che abbiamo inevitabilmente sempre meno uditori, perché quei linguaggi, spesso fin troppo pii e logorati dall’uso, ma pure astratti e disarticolati dalla vita e dai suoi problemi hanno un referente antropologico che non solo non è quello della cultura e della sensibilità attuale, ma che all’uomo d’oggi dice ben poco”.

Vengono perciò rifiutati, ad esempio, o perlomeno non compresi, e messi da parte o subìti, molti aspetti della liturgia, della struttura gerarchica e monosessuale della chiesa cattolica, molte rigidità unilaterali della morale, specialmente sessuale. Ci si chiede: come mai in materia sessuale si pretende una sorta di immediata perfezione, codificando perfino i comportamenti leciti entro il letto matrimoniale, mentre in materia economica (dove tra l’altro Gesù è stato infinitamente più categorico e preciso) si lascia un po’ tutto alla coscienza individuale?
E questa occulta obiezione viene fuori con chiarezza anche dalle più recenti indagini sociologiche, che ci indicano, ad esempio, che su una popolazione come quella italiana che per più dell’80% si dichiara cattolica, “è diffusa l’idea (70% dei casi) che si possa essere buoni cattolici anche senza aderire alle indicazioni del magistero in campo etico”. Inoltre il 63% non condanna il divorzio, il 69% i rapporti prematrimoniali, il 65% la convivenza, e addirittura il 72% accetta l’uso dei contraccettivi.

Potremmo forse dire che ciò che viene rifiutato sia l’elemento rigido, astratto, e oggettiva-mente imposto della fede, tutti quegli aspetti cioè che sembrano prescindere dai faticosi processi della assimilazione personale, e quindi:
* le filosofie appunto oggettivistiche della metafisica tradizionale, che vorrebbe insegnarci come è Dio in sé e per sé, riducendolo in verità ad un Ente, sia pure Supremo, ad un oggetto appunto della nostra mente razionale;
* L’indottrinamento catechistico che ne deriva, come se la fede corrispondesse ad un tener-per-vero una serie di concetti più o meno comprensibili;
* le forme rituali teatralizzate, cui siamo chiamati appunto ad assistere come spettatori passivi di fronte ancora una volta ad eventi “oggettivi”, che altri mettono in scena;
* la sacralizzazione di un potere ecclesiastico che esprime anch’esso un’autorità “oggettiva”, che emana norme e verità a prescindere da qualsiasi relazione personale con i destinatari di questi ordini.
Tutto ciò risulta sempre meno utile per una efficace e contemporanea educazione alla fede, e si sta infatti liquidando sotto i nostri occhi, di secolo in secolo, e ormai di decennio in decennio e di anno in anno, come una vecchia società in fallimento.

Quali sono invece i caratteri emergenti del ricominciamento? In quale clima possiamo ricominciare a credere nella nostra salvezza? Anche qui proviamo a stilare un breve elenco.
Innanzitutto il centro si sposta dall’oggetto (concettuale) da trasmettere verso la persona che è chiamata a ricevere un insegnamento che deve trasformarla. Questo è un dato sociologico ovunque rilevato: “Un’ulteriore tendenza è rappresentata dalla maggiore importanza che si attribuisce all’esperienza religiosa più che ai contenuti intellettuali della fede”(Garelli).
Anche qui si passa perciò da una prospettiva oggettivistica ad una relazionale ed esperienziale, cosa che d’altronde sta avvenendo in ogni ambito formativo: “Un elemento comune a tutte le definizioni del complesso termine ‘formazione’ è lo spostamento di attenzione, il cambio di focus, del processo pedagogico. Mentre ancora in un recente passato l’azione pedagogica consisteva essenzialmente nello studio delle modalità attraverso cui il pedagogo, l’insegnante, trasmetteva il sapere (la scienza, la tradizione), oggi l’accento viene posto sulla modalità attraverso cui l’educando perviene alla propria maturità”(L. Meddi).

Ma purtroppo siamo ancora ben lontani dall’applicazione “catechistica” di questa prospettiva. Per adeguarci infatti a questa modalità di trasmissione della fede dovremmo creare, nelle parrocchie ma anche al di fuori, dei gruppi liberi in cui accogliere le persone così come sono, senza pretendere nessun “arruolamento”, ma solo per accompagnarle, ancora una volta one by one, in una revisione della loro esistenza. Dovremmo concepire e costruire forme di appartenenza flessibile alla chiesa, ed una chiesa, che sia essa stessa un organismo plurale, composito, e vivo: una famiglia di chiese che si aiutino a vicenda, un corpo in continua trasformazione.
Saprà la chiesa accettare il principio di démaitrise, e cioè di non controllo, in base all’insegnamento di Gesù: “Non glielo impedite” (Mc 9,39)? Sapremo accettare di essere puro lievito e carne donata, che la gente prende e divora per quanto è in grado di comprendere e di assimilare? Sapremo sviluppare rapporti liberi e multiformi con il cristianesimo? Sapremo diventare cioè noi per primi cristiani? La risposta a questa domanda non è affatto scontata, ed è lasciata all’azione dello Spirito in noi e alla nostra capacità di lasciarci trasformare, liberare, illuminare, e rendere perfetta-mente divini.



Articolo pubblicato nella Rivista "Via, Verità, e Vita - Comunicare la fede" - numero 5, settembre/ottobre 2008.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri