20 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



17 dicembre 2008

La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

Il travaglio storico nel corpo della donna

In questi anni vertiginosi sembra che alcune decisioni cruciali sul nostro destino futuro si stiano elaborando dentro le vite sempre più complesse delle donne. E’ come se la trasformazione antropologico-culturale, cui siamo sottoposti, si evidenziasse con maggiore forza nei conflitti e nelle tendenze spesso opposte che le donne devono affrontare ed equilibrare nelle loro esistenze quotidiane.

L’orizzonte critico è certamente lo stesso per tutti, e lo descrive molto bene il filosofo della politica Charles Taylor: “Il primo timore ha a che fare con quella che potremmo chiamare una perdita di senso, con il venir meno degli orizzonti morali. Il secondo riguarda l’eclisse dei fini di fronte al dilagare della ragione strumentale. E il terzo concerne una perdita di libertà".
Perdita di senso, eclisse dei fini, e offuscamento della libertà costituiscono le tre amare tonalità di un disagio crescente che tocca tutti e tutto: la dimensione privata ed esistenziale, le relazioni affettive, come i legami sociali, il mondo del lavoro, la sfera della politica, e, peggio che mai, quella delle telecomunicazioni. Eppure tutti questi conflitti e queste implosioni del senso, questi paradossi e queste schizofrenie, che la società contemporanea produce nel suo vertiginoso e tuttora ben poco pensato trans-formarsi, precipitano direi nel corpo della donna e nella sua vita, facendone una sorta di campo di battaglia universale. E qui non vorrei tanto riferirmi alle tematiche sull’aborto, sulla procreazione assistita, o sulla sessualità autogestita; e neppure ai vari conflitti di civiltà e religiosi, che il più delle volte ruotano proprio attorno a ciò che la donna dovrebbe essere o fare, non essere o non fare (dalla possibilità per le donne di avere la patente in Arabia Saudita fino al confronto tra le chiese cristiane sul ruolo della donna entro le comunità ecclesiali). No, qui vorrei riferirmi a qualcosa di molto più generale, a come cioè vorremmo fosse la donna come tale, a quali modelli alimentiamo, spesso in aperto conflitto tra di loro. In quanto mi sembra che questa occulta guerra di immagini idealizzate manifesti un confronto decisivo e forse definitivo tra progetti di umanità. Immaginando il ruolo della donna, cioè, e quindi di converso quello del maschio, stiamo di fatto decidendo che tipo di umanità progettare per il prossimo secolo, e quindi che tipo di mondo.


Dalle pari opportunità ad un nuovo progetto di umanità

Il fulcro del problema sembra essere ancora la tensione tra la donna/madre e la donna/lavoratrice.
Negli ultimi decenni il processo di emancipazione delle donne si è caratterizzato come ricerca delle “pari opportunità”: far sì che le donne possano fare tutto ciò che finora i maschi si erano attribuiti come ambiti specifici del loro genere. E così siamo arrivati alle donne marines o carabiniere, come la bella Manuela Arcuri della serie televisiva, a donne cioè che assumono sempre più l’aspetto di “veri ometti”, come sottolinea ironicamente Marina Terragni nel suo ultimo libro La scomparsa delle donne (Mondadori 2007). Col tempo però ci siamo resi conto, e specialmente le donne si stanno rendendo sempre più conto, che non tutti i lavori e le attività e le carriere sono poi compatibili col desiderio di essere mogli e di essere madri (ma nemmeno mariti e padri…), e quindi con un aspetto centrale, e non certo marginale né opzionale, della loro identità femminile. Stiamo perciò tornando a chiederci con nuova sincerità: ma questo tipo di vita “da veri ometti” è poi sostenibile per le donne? La società, che spinge le ragazze ad impegnarsi nel lavoro e nella carriera, le sostiene poi quando si sposano e diventano incinte? Che cosa pretende questo mondo dalle donne? Che siano manager affermate, mogli affascinanti, madri premurose, figlie affettuose, padrone di casa impeccabili, cuoche originali, e che altro? Magari amanti trasgressive, che fa tanto trend… E ancor più in profondità: esiste insomma o non esiste una identità di genere, un complesso di caratteri umani differenziati, prima di qualsiasi influenza storico-culturale? E quali saranno questi caratteri? Vogliamo ricominciare a pensare, uscendo dall’astrattezza ideologica, che ci sta portando direttamente all’estinzione della specie?

Oggi un vero modello di questa wonder woman, di questa super woman, è certamente Ursula von der Leyen, che è simultaneamente ministro per la famiglia del governo Merkel, affermata ginecologa con studio ad Hannover, e madre di ben sette figli. Ma anche la ex candidata repubblicana alla vice presidenza degli Stati Uniti, Sarah Palin, non scherza… Questi nuovi modelli più complessi mi sembrano comunque un passo in avanti rispetto all’immagine anni ’70 della donna emancipata, autonoma, “maschile”, che sceglie la carriera rispetto alla maternità, senza scrupoli e senza rimpianti. Eppure anche in queste nuove sollecitazioni massmediali ci sento un pericolo: il prevalere ancora una volta di una visione produttivistica della vita, e quindi di una prospettiva parziale, e in definitiva falsa e violenta.

La vita non è una rincorsa ad accumulare successi su ogni piano: sul lavoro, nella vita privata, o nello sport. La vita non trova la sua riuscita in questo accumulo spesso nevrotico e affannato, quanto piuttosto nelle piccole cose che riusciamo a vivere perfetta-mente. Dobbiamo ridirci con chiarezza che non ha alcuna importanza né quanti figli fai, né quanto ti affermi nella professione, ma solo il modo in cui vivi le tue giornate, il clima interiore con cui parli e ti rivolgi alle persone che hai intorno. Dobbiamo cioè, in questa soglia decisiva della storia del pianeta, ripartire dall’abc dell’umano, e quindi da domande elementari, del tipo: ma che cosa ci rende per davvero felici? Come ci sentiamo nei nostri posti di lavoro? Sono luoghi di vera umanizzazione, oppure stanno diventando luoghi spersonalizzati, anonimi, crudeli? Sappiamo riconoscere che le cose della vita hanno un loro tempo, e che non possiamo, ad esempio, posticipare alla terza età la costruzione di una relazione affettiva stabile, né tanto meno la nascita dei nostri figli? Perché non si parla quasi mai dei limiti biologici della maternità, invece di reclamizzare sempre l’ultima sessantenne che ha partorito con ovuli altrui? Perché non diciamo con chiarezza che in Italia già il 25% delle coppie ha problemi di infertilità, e che nel 2050 sarà il 50%? Perché non ci ricordiamo che dopo i 37/38 anni le donne hanno un calo naturale della quantità e della qualità dei loro ovuli? Perché non diciamo che il 20% delle coppie con problemi di infertilità, proprio quando la smette di ricercare affannosamente una gravidanza, la ottiene? E che cioè è evidentemente un’eccessiva tensione su tutti i fronti che spesso ci rende inidonei a fare spazio ad una nuova vita? Perché non ci diciamo che stiamo costruendo un mondo in cui nascere diventerà sempre più difficile e raro, e che quindi stiamo di fatto lavorando per la nostra estinzione?

Insomma mi sembra che dovremmo lavorare su due livelli diversi e quindi anche con una tempistica diversificata: da una parte è giusto sottolineare, criticare, ed attenuare l’arretratezza del nostro paese, in cui tuttora il 95% dei membri dei consigli di amministrazione delle società quotate in borsa è di sesso maschile, e in cui mediamente il maschio guadagna 1/4 in più delle donne. Ma dall’altra dobbiamo comprendere che la soluzione non sta semplicemente nell’incrementare dappertutto le quote rosa, ma nel rivedere radicalmente i criteri, i valori, le priorità su cui stiamo costruendo il nostro mondo. Non mi interessa molto cioè che una donna governi la Germania o diriga un’industria se poi non cambia nulla nella gestione del potere e quindi nella vita delle persone. Anzi, a volte le donne diventano i peggiori maschi, per dimostrare di avere anche loro “gli attributi”… La sfida è molto più vasta e tocca questioni antropologico-culturali, come dicevamo all’inizio, una vera e propria progettazione dell’umanità che vogliamo diventare.


Il lavoro è al servizio della felicità della donna e dell’uomo

Per prima cosa dobbiamo ricordarci con chiarezza che la soluzione di questa crisi non la troviamo se ci voltiamo indietro, verso il “bel tempo andato”, che non è mai esistito se non nelle fantasie di chi ha sempre paura di perdere i propri privilegi. No, nessun ritorno all’ordine patriarcale, per carità di Dio! “Bisogna rimanere assolutamente moderni”, come auspicava Rimbaud, tenere il passo conquistato, e andare avanti. E questo significa, per esempio, recuperare il senso più profondo della rivoluzione antropologica, entro la quale si manifesta anche l’emancipazione della donna. Questo senso, che va poi a coincidere con il senso evolutivo di tutta l’epoca moderna, è una liberazione complessiva dell’essere umano da tutti i pregiudizi sociali e religiosi che impediscono alla persona di crescere e di conoscersi liberamente. Questa liberazione però non può più significare per le donne rinunciare alla loro identità di genere e diventare tutte “veri ometti”. Oggi il processo di liberazione deve significare invece un ripensamento dell’intero schema produttivistico del lavoro e della vita, che l’unilateralità maschilista (e materialistica) ha imposto finora. In tal senso ha ragione Alain Touraine quando vede proprio nelle donne l’unico potenziale per porre rimedio alla deriva autodistruttiva della società consumistica.

L’emersione del pensiero femminile, e di un pensiero maschile non più unilaterale e sordo alle ragioni del corpo e del cuore, credo che dovrebbe porre al centro dell’attenzione culturale, e poi anche di una rinnovata progettazione politica, alcuni principi che sembrano dimenticati:

1)il lavoro non è il fine ultimo dell’uomo, ma solo uno strumento della sua realizzazione. Forse sarà anche giusto che la Repubblica Italiana si dica fondata sul lavoro, ma certamente la vita umana non lo è, come precisa bene il Catechismo della Chiesa Cattolica, rifacendosi alla Lettera enciclica di Giovanni Paolo II Laborem exercens: “Nel lavoro la persona esercita e attualizza una parte delle capacità iscritte nella sua natura. Il valore primario del lavoro riguarda l’uomo stesso, che ne è l’autore e il destinatario. Il lavoro è per l’uomo, e non l’uomo per il lavoro”(n.2428).
2)La vita umana è invece fondata, dal punto di vista sociale, sulla ricchezza delle relazioni personali, corporali e affettive, da cui scaturisce alla nascita e di cui è intessuta in ogni momento: è a questo livello e con queste finalità di arricchimento umano complessivo che dovremmo ripensare anche la sfera lavorativa, altrimenti il lavoro diventa un’area alienata del nostro essere, uno spazio venduto alla violenza delle ragioni della produzione e del mercato.
3)Non esiste poi solo il lavoro produttivo in senso economico. La donna ha sempre lavorato molto più del maschio: a casa, nella cura dei figli, della casa, dei vecchi, e dei malati. Non è lavoro tutto questo? La società non dovrebbe valorizzarlo e considerarlo per quello che è: un elemento indispensabile alla prosecuzione della vita?
4)La felicità umana non dipende esclusivamente né prioritariamente dalla dimensione economica. Ce lo confermano anche le più recenti ricerche sociologiche: ad un certo livello la crescita di reddito non comporta affatto una crescita di soddisfazione o di felicità. Ancora una volta il nostro benessere complessivo dipende dalla qualità delle nostre relazioni, e in primo luogo della nostra relazione coniugale. Ma allora anche il lavoro dovrebbe subordinarsi a questa sfera più radicale e più decisiva della vita umana, senza togliere nulla all’importanza della crescita economica e dello sviluppo delle imprese, ma riconducendo però sempre queste sfere nella loro giusta dimensione, che è quella subalterna e strumentale rispetto al fine della liberazione complessiva dell’umano.

Io mi auguro che i processi di liberazione delle donne proseguano in questa direzione nuova, come un’insurrezione contro la dittatura del linguaggio economico e dello sguardo produttivistico, che posti al centro e al vertice dei nostri interessi finiscono per annientarci. Cosa che d’altronde sta già accadendo sotto gli occhi accecati di chi continua a fissarsi soltanto sui livelli del PIL o dell’inflazione.



Articolo pubblicato nella Rivista Formazione e Lavoro, n. 3/2008

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri