24 Aug 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



16 gennaio 2009

Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

La natura storica di ogni domanda essenziale

Quando ci interroghiamo su come possiamo vivere una radicalità evangelica oggi, credo che dovremmo innanzitutto riflettere sulla natura di questo “oggi”, in quanto è sempre nello specifico storico delle nostre esistenze che la fede si incarna inventando le sue forme sempre nuove.
I contenuti essenziali della fede sono ovviamente gli stessi di secolo in secolo, ma è la loro comprensione, e quindi le modalità della loro effettiva incarnazione, che fa la differenza. Abbiamo sempre creduto, per esempio, che non si debba uccidere, come ci ordina il Decalogo, ma ben diversa è la comprensione di questo comandamento oggi, rispetto a solo cento anni fa, quando la guerra o la pena di morte o addirittura il delitto d’onore erano considerati, da quasi tutti i cristiani, eventi del tutto leciti. E la stessa dinamica coinvolge ogni contenuto della nostra fede, che per sua natura cresce e continua a rivelare le proprie verità nel travaglio concretissimo della sua incarnazione storica.

Da ciò deriva che una qualsiasi tematica teologica, ma anche qualsiasi domanda filosofica, non possa approfondirsi se non attraverso una lettura del momento storico in cui viene posta, anzi direi attraverso una comprensione della fase esistenziale di chi se la pone. E’ lì, in questa concretezza estrema, esistenziale e quindi anche storico-collettiva, che può farsi strada una risposta nuova, e cioè un ulteriore passo dell’incarnazione della verità. In tal senso la Costituzione pastorale Gaudium et spes precisa che il popolo di Dio “cerca di discernere negli avvenimenti, nelle richieste e nelle aspirazioni, cui prende parte insieme con gli altri uomini del nostro tempo, quali siano i veri segni della presenza o del disegno di Dio”(11a). Eppure quanta astrazione teoreticistica circola ancora, quanta presunzione di poter definire in modo metastorico e disincarnato le grandi questioni della vita, quanta illusione di poter conoscere Dio, ma anche l’uomo, fuori dalla storia complessa e tortuosa in cui Egli si comunica a noi rivelandoci a noi stessi giorno dopo giorno, donandoci le razioni quotidiane del pane della conoscenza, e impedendo che possiamo accumulare la manna del nostro sapere in scatole di nozioni surgelate.


Il tempo della trans-figurazione antropologica

Detto questo, dobbiamo subito rilevare che stiamo vivendo una fase del tutto singolare, e per molti aspetti ultimativa, della storia del nostro pianeta. Ci troviamo in un punto estremo, in cui l’umanità sembra chiamata a prendere decisioni che determineranno il nostro destino per un lasso di tempo difficilmente determinabile. Sembra infatti che molti cicli storici stiano precipitando tutti insieme in questo punto fatale della storia. Non stiamo infatti solo faticando ad uscire dal XX secolo, ma sta finendo anche il ciclo della civiltà industriale con tutte le ideologie che aveva prodotto (1789-1989), e si sta compiendo contemporaneamente l’intera epoca della modernità, come Romano Guardini aveva indicato trenta anni prima che il pensiero “postmoderno” divenisse tanto popolare. Ma non basta. Il filone più rilevante del pensiero contemporaneo, che da Nietzsche arriva a Heidegger, parla addirittura della fine dell’intero ciclo greco-cristiano-occidentale, del collasso di un intero sistema di pensiero, incapace ormai di comprendere l’evento in atto. Cosa d’altronde che fu profondamente avvertita e sofferta, sia pure in modi e con interpretazioni diversificate, da tutta la grande cultura (artistica, poetica, psicoanalitica, scientifica, e politica) del 900. Basti pensare a personalità come Jung o Einstein, Eliot o Ungaretti, Teilhard de Chardin o Gandhi. C’è infine chi, come Raimundo Panikkar, parla della fine in atto dell’intera storia, intesa come il ciclo, interamente bellico, che inizia intorno al 3300 a. C. con la scrittura sumerica.

Non posso addentrami nella descrizione del passaggio cruciale che stiamo attraversando (si cfr. M. Guzzi, La nuova umanità - Un progetto politico e spirituale, Ed. Paoline 2005). Mi limiterò, in questa sede, a dire che ciò che sembra esaurirsi in questi decenni decisivi è un’intera figurazione antropologico-culturale che potremmo definire egoico-bellica: quel modo di essere un io umano che definisce e rafforza la propria identità (di genere, culturale, di classe o di casta, religiosa o nazionale) contrapponendosi polemica-mente, e quindi combattendo o eliminando o soggiogando l’altro da sé. Questo modo di essere umani, che ha sostanzialmente dominato per tutta la storia che conosciamo, si sta mostrando in modi sempre eclatanti ed evidenti come un principio di morte e di distruzione: il XX secolo, con le sue guerre mondiali, la Shoa, i Gulag, e la bomba atomica, ha posto l’umanità di fronte a questa nuova consapevolezza: l’io bellico è un principio incompatibile con l’evoluzione del pianeta.

Questa nuova coscienza ci sta faticosamente spingendo verso una forma nuova di figurazione antropologica, che potremmo definire relazionale e trans-figurativa: un io cioè che si definisce e rafforza la propria identità aprendosi alla relazione con l’altro da sé, riconosciuto come parte di sé, lungo una traiettoria di trasformazione unificante e pacificante.
Questa nuova figura di umanità sta portando davanti al tribunale della storia la vecchia figurazione egoico-bellica, confessando tutti i crimini contro l’umanità che essa ha commesso. Jacques Derrida parlava perciò dell’apertura in atto di un tempo universale di conversione e di richieste di perdono: tutti infatti, sia a livello di identità nazionali e familiari che di identità religiose o ideologiche, abbiamo moltissimo di cui pentirci e purificarci.


Radicalmente cristiani: uomini e donne in trans-figurazione

Questa situazione provoca profondamente il cristiano, in quanto è come se la nuova figura emergente di umanità avesse quasi tutti i lineamenti di quel Uomo Nuovo che il Cristo Gesù ha inseminato in ciascuno di noi. E’ come se l’Uomo Nuovo cristi-forme premesse dentro le fibre viventi della storia, con la potenza della sua pressione messianica, a prescindere da specifiche adesioni di fede, come una sorta di necessità vitale, e cioè mostrandosi come l’unica reale direzione di sopravvivenza e anzi di rilancio del progetto umano sul nostro pianeta.
E’ in questo crocevia che mi sembra si delineino i compiti veramente attuali del credente e della chiesa nel suo complesso. Si tratta di compiti sia di chiarificazione culturale, su cui mi soffermerò molto meno, che di rinnovamento interiore ed esistenziale.

A livello culturale la chiesa è innanzitutto chiamata a mostrare come questa nuova figura postbellica e relazionale di umanità che sta emergendo non nasca affatto dal nulla, o da un processo di pura razionalità metastorica, ma sia viceversa la naturale fioritura di una storia ben precisa, che è quella della tradizione ebraico-cristiano-occidentale sfociata a sua volta nelle culture della modernità.
In secondo luogo la chiesa è chiamata a portare avanti, proprio dialogando con le culture della modernità, riscoperte e purificate a loro volta entro le loro radici profondamente evangeliche, quel processo di conversione e di purificazione dalle proprie componenti ancora belliche, che si è avviato col Concilio Vaticano II e che ha trovato nella storica richiesta di perdono, compiuta da Giovanni Paolo II durante la prima domenica di quaresima del 2000, un momento fortissimo, direi quasi il sigillo profetico di un ricominciamento.

A livello personale invece ognuno di noi, immerso nel vortice di questo grandioso passaggio di figurazione antropologica, sta sopportando una profonda crisi delle proprie identità: tutti i contenuti storici delle nostre identità sono infatti in travaglio, si stanno purificando degli elementi egoico-bellici che ancora li caratterizzano. Il cristiano dovrebbe vivere la propria radicalità evangelica mostrando come questi contenuti identitari possano purificarsi proprio attraverso la reiterata esperienza del mistero iniziatico della rinascita nello Spirito. Il credente dovrebbe cioè mostrare che cosa diventi un medico o un politico che viva veramente il proprio processo di trans-figurazione, e cioè che si vada liberando dalle modalità egoico-belliche in cui finora queste identità sono state incarnate. Dovremmo mostrare che cosa significhi essere maschio o femmina, padre, madre, italiano, europeo, maestra o giudice attraversando la passione trans-figurativa in atto in senso evolutivo, come liberazione dalle componenti egoiche che tuttora corrompono le nostre vite. Il cristiano dovrebbe, in altri termini, indicare con la propria esistenza concreta e con la propria parola le direzioni creative ed evolutive della crisi antropologica in atto in ogni ambito della convivenza sociale, annunciando ai fratelli e alle sorelle, prese con noi nel grande vortice metamorfico, che tutto questo travaglio porta con sé straordinarie possibilità di crescita, che cioè questa crisi non è affatto per la morte, ma per una nascita, per un natale: il natale dell’uomo nuovo, di un uomo riconciliato con il proprio principio, con Dio.


Verso una nuova centralità contemplativa per rianimare il mondo

Questa funzione rigenerativa dell’intera società umana, propria del cristiano radicale-mente centrato nella propria fede, era vista già da Jacques Maritan come indispensabile alla salvaguardia della stessa civiltà umana: “Se una nuova era di civiltà, non di barbarie, deve schiudersi, l’esigenza più profonda di tale era sarà la santificazione della vita profana, una fecondazione dell’esistenza sociale-temporale operata dall’esperienza spirituale, dalle energie contemplative, dall’amore fraterno”. E questo è il punto centrale. Affinché possiamo vivere la nostra radicalità cristiana come testimonianza profetica del senso dell’intero travaglio storico in atto, siamo chiamati ad una nuova e ben più potenziata centralità contemplativa. La dinamo energetica delle nostre esistenze deve diventare per davvero il processo trasformativo stesso, l’azione rigenerativa di Dio in noi. E questo richiede una pratica costante di autoconoscimento e di preghiera, una inedita spiritualità per il cristiano nel mondo. Ogni giorno dobbiamo riconoscere ciò che in noi appartiene ancora all’uomo vecchio, egoico e disperato, e ogni giorno dobbiamo lasciare allo Spirito la possibilità di riplasmarci secondo l’immagine divina che è in noi (2Cor. 3,17).

Il cristiano, per vivere questi tempi straordinari in modo attivo e creativo, ha urgente bisogno di cammini spirituali concreti e da vivere in comune, entro i quali possa essere aiutato a compiere le trasformazioni esistenziali e professionali che urgono. Questi cammini devono integrare una formazione culturale permanente, che aiuti a comprendere in senso evolutivo i fenomeni anche drammatici che viviamo, ma anche strumenti di autoconoscimento psicologico che purifichino la nostra fede, evitando che diventi una via di fuga dal fuoco della controversia storica e personale. In tal senso Enzo Bianchi, introducendo un libro di André Louf scrive: “la tentazione di fuggire questo confronto o di opporre psicologia e vita spirituale è sempre molto forte. Era importante che un uomo di incontestabile autorità spirituale ribadisse che alcune acquisizioni della psicologia sono ormai un dato insopprimibile e che la relazione d’accompagnamento le deve tenere in considerazione se non vuole imboccare vicoli ciechi letali per la dinamica della vita spirituale cristiana. Noi siamo sempre stati convinti che errori di spiritualità diventano patologie psicologiche e che i disturbi psicologici non sono mai estranei alla vita spirituale e proprio per questo una sinergia di dati e di attenzioni ci pare feconda secondo le indicazioni di André Louf”.
Dobbiamo perciò aprire una grande stagione di sperimentazione in questa direzione, in quanto c’è ancora un divario troppo vasto tra le indicazioni anche magisteriali in materia e le applicazioni pratiche nella pastorale e nella catechesi ordinarie.

Solo questa nuova centralità contemplativa, radicata in percorsi da vivere in piccoli gruppi, può poi aiutarci a riorientare anche l’intero ordine delle nostre priorità, a semplificare le nostre esistenze, e quindi anche a trovare quel tempo necessario al lavoro interiore, che sembra sempre più carente nell’affanno delle nostre esistenze iperattive e a volte addirittura deliranti.
Dobbiamo testimoniare e annunciare ai nostri fratelli e alle nostre sorelle che senza un profondo baricentro spirituale, ogni giorno ritrovato e rinforzato attraverso l’autoconoscimento e la preghiera, le nostre esistenze divengono letteralmente dis-integrate, perdono di gusto e di sostanza, affondandoci in una cupa disperazione. La radicalità cristiana dentro il mondo deve invece mostrare con chiarezza che tutto può ricominciare a fiorire da un cuore re-integrato, riunificato, sanato.

Tutta la storia chiede di ricominciare dal nostro cuore pacificato. Tutte le nostre esistenze, le nostre identificazioni, i nostri mestieri chiedono urgentemente di essere ridisegnati a partire da un centro più profondo del nostro piccolo io, da un cuore meno diviso e lacerato. E dobbiamo annunciare e testimoniare questa esigenza trans-figurativa mostrandone già con le nostre vite la possibilità concreta e in atto. Dobbiamo mostrare che è possibile essere uno scrittore o un avvocato, una casalinga o un operaio non alienati, non dispersi nel labirinto di specchi della nostra società illusionistica. E’ possibile anche ora, anche nelle nostre metropoli più o meno desertificate, essere persone che curano le proprie relazioni, che pongono al centro della loro vita gli affetti e l’attenzione al prossimo, che sanno inventare modi nuovi di stare insieme, di creare insieme un mondo diverso, più umano, più bello.

Questo attende da noi il mondo. Questa è la sfida con cui si apre il nuovo millennio.



Pubblicato nel numero monografico di "Credere oggi", dedicato alla Radicalità cristiana, 165/ 3-2008

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri