17 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



6 maggio 2009

Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

La svolta antropologica come causa profonda della crisi di tutte le identità

Viviamo tutti insieme, in diretta mondiale, e in simultanea, la più grande, la più profonda, la più radicale, e quindi anche la più sconvolgente trasformazione culturale di cui abbiamo memoria storica. Ma ancora non ne siamo pienamente consapevoli, e sembra anzi che facciamo a gara a distrarcene, a far finta di niente, e ad occuparci di particolari più o meno insignificanti.
Attraverso questo straordinario processo metabolico, che è in atto in verità da secoli e che procede negli ultimi decenni con un’accelerazione impressionante, ogni concezione teorica, ogni consuetudine sociale, e ogni prassi consolidata, ma anche ogni struttura istituzionale e forma di aggregazione umana, viene sottoposta ad un travaglio, ad una digestione direi, dopo la quale niente è più come prima.

Parliamo di una vera e propria svolta antropologica, che però, a differenza per esempio della svolta del neolitico, per compiersi richiede la piena e libera e consapevole e personale partecipazione degli esseri umani, uno per uno. Ecco perché il processo è così lento e faticoso. Non “svolteremo” mai, in altri termini, verso la nuova età, se non lo desidereremo con tutto il nostro cuore, se non ci impegneremo personalmente nei processi trasformativi che la svolta richiede. Non inaugureremo mai l’era planetaria incipiente se ognuno di noi non si eserciterà a sviluppare in prima persona una coscienza planetaria, uno sguardo trans-particolaristico, e appunto globale. Ecco perché questo straordinario passaggio epocale ci sta sconvolgendo tanto dentro quanto fuori, sommuove come un vero e proprio terrae-motus tanto le strutture del mondo esterno quanto quelle dell’anima, e si manifesta infatti, già lungo tutto il XX secolo, tanto con rivoluzioni politiche, crolli di imperi, catastrofi nazionali e guerre mondiali, quanto con tracolli psichici, pandemie depressive, nevrosi ossessive, psicopatologie della vita quotidiana, e crisi d’identità dilaganti.
Da qui dobbiamo partire perciò se desideriamo comprendere qualcosa di consistente intorno al problema dell’attuale sfaldamento di ogni identità umana.


La liquidazione delle identità belliche sociali e culturali

Essere uomo non è mai stato facile. L’uomo infatti è abitato da un dèmone, come diceva Eraclito, da uno spirito infinito, dentro la propria struttura fisica de-finita. Per questo è costitutivamente lacerato. Per questo la sua identità non è mai niente di sicuro, né di stabile, non è mai un dato di fatto, non è mai un terreno solido su cui abitare permanente-mente. L’essere umano ha sempre saputo di essere un compito per se stesso, di essere un paradosso: un piccolo e fragile animaletto che deve in ogni momento dare un significato al mondo, scavando dentro di sé quel mistero di sé che lo abita e lo inquieta. “Conosci te stesso” fu perciò, da Delfi in poi, il maggiore comandamento per l’uomo occidentale. Ma è lo stesso che risuona fin dalle origini della tradizione vedica hindu: atmanam viddhi: conosci il tuo atman, la tua anima, te stesso appunto, la tua vera identità.

Anche il salmista si chiede: “che cosa è l’uomo perché te ne ricordi/ e il figlio dell’uomo perché te ne curi?// Eppure l’hai fatto poco meno degli angeli,/ di gloria e di onore lo hai coronato”(Sl 8,5-6). Ma quanto è difficile sentirsi “divini”, riconoscersi tali, e vivere da figli di Dio e coeredi di Cristo. Forse per questo la ricerca della vera identità umana è rimasta riservata a pochissimi, mentre le popolazioni umane si costruivano identità più rassicuranti e più umanamente controllabili.

Potremmo pensare cioè che le rigide identità sociali e culturali e religiose, su cui si fondano tutte le civiltà che conosciamo, derivino in fondo da una profondissima dimenticanza. Potremmo immaginare che i popoli della terra abbiano costruito tutte le ripartizioni/separazioni sociali, e cioè le identità del re e del sacerdote, dello scriba e del faraone, e poi del greco e del giudeo, del patrizio e del plebeo, del romano e del barbaro; ma anche del capitalista e dell’operaio, della casalinga e del barbone, solo in quanto avevano dimenticato chi è veramente l’Uomo. Abbiamo edificato sulla dimenticanza della vera (e universalmente unitaria) identità umana immense e violentissime costruzioni di identità di casta, di ceto, di classe, di nazionalità, di religione, e ne abbiamo fatto quasi sempre strumenti per combatterci, per asservirci, per dominarci, e schiacciarci vicendevolmente, senza alcuna pietà, mentre le grandi tradizioni spirituali rimanevano, ai margini del mondo, a ricordare all’uomo la sua più recondita appartenenza all’assoluto.

Queste figure di identità, sorte sulla rimozione della vera identità umana e della sua ricerca, riservata a pochissimi sapienti e profeti e santi, tanto ammirati quanto inascoltati o direttamente fatti fuori (da Socrate a Gesù, fino a san Francesco e a Gandhi), sono in realtà tutte belliche, in quanto separano gli uomini e li contrappongono gli uni agli altri sostanzialmente in base a pregiudizi e a prepotenze: io sono nobile e tu sei plebeo, io sono borghese e tu sei un proletario, io sono prete e tu sei laico e magari anche donna, io sono cristiano e tu sei un infedele, io sono tedesco e tu sei ebreo, io sono comunista e tu sei un reazionario, io sono maschio e tu sei una femmina, e devi stare zitta a casa a cucinare, e così via.

E’ proprio questa figurazione complessivamente bellica dell’identità umana che si sta dissolvendo, già a partire dall’inizio dell’epoca moderna, spesso portando le tensioni e i conflitti identitari fino all’estremo.
Per cui in fondo non dovremmo avere poi troppi rimpianti o nostalgie, se queste strutture della violenza e del sopruso vanno una dopo l’altra alla malora, come tante società in fallimento, e quindi vengono anche giustamente liquidate. Il problema vero è: in che cosa, in quale forma o sostanza di nuove relazioni ci stiamo liquidando? In quale nuova figura umana si stanno trans-figurando tutte le figurine (di identità) del mondo?
Ma andiamo con ordine, e tentiamo di osservare la svolta antropologica dal punto di vista della liquidazione delle strutture identitarie di classe sociale e di professione.


Il processo liquidatorio della modernità giunge ad un bivio

Normalmente gli studi sociologici considerano un passo evolutivo rilevante il passaggio dalle identità premoderne di ceto e di stato a quelle moderne di classe. Prima infatti l’identità socio-culturale era determinata una volta per tutte alla nascita, per diritto di sangue, mentre in seguito la determinazione sociale dovette essere costantemente confermata, divenne cioè un po’ più flessibile, e quindi un po’ più libera. Insomma un nobile veneziano del XVIII secolo, come un membro appartenente alla casta brahminica hindu, rimaneva (e quest’ultimo rimane) tale dalla nascita fino alla morte, e non aveva nessuna difficoltà a riconoscere in questo suo stato la propria identità. Un borghese del XX secolo, al contrario, avrebbe potuto anche perdere il suo status sociale, e ritrovarsi magari in povertà, a chiedere l’elemosina su un marciapiedi. Jean-Paul Sartre lo disse con grande chiarezza: per essere un borghese devi vivere da borghese, devi dimostrare ogni giorno di essere un borghese, comportandoti in un certo modo, che fino a ieri era ben codificato in ogni suo particolare, altrimenti venivi appunto de-classato.

Ricordo mio padre, che era avvocato, ed era nato nel 1919. Per lui essere avvocati era una struttura molto precisa della sua identità. Significava avere studiato in determinati licei, avere fatto il servizio militare in determinati reggimenti, possibilmente di cavalleria, abitare in determinati quartieri della città, avere ben precise e qualificate amicizie, e addirittura vestire in un modo abbastanza definito, tanto che riconosceva spesso i suoi colleghi per strada, semplicemente in base al loro abbigliamento, e così via.

Il passaggio dai ceti premoderni alle classi fu certamente un progresso, ma le società occidentali del XIX e del XX secolo, rimasero comunque molto rigide nelle loro interne divisioni. Oggi le cose stanno ulteriormente cambiando. Zygmunt Bauman parla perciò del passaggio da una modernità solida ad una modernità liquida, in cui le stesse strutture borghesi vengono liquidate dal processo di mobilitazione sociale che la borghesia aveva avviato con le sue rivoluzioni liberali. La modernità liquida finisce così per destrutturare ogni identità sociale e per annacquare ogni differenziazione: “Ritengo che la principale forza motrice dietro a questo processo sia stata sin dal principio la sempre più rapida ‘liquefazione’ delle strutture e delle istituzioni sociali. In questo momento stiamo passando dalla fase solida alla fase fluida della modernità: e i fluidi sono chiamati così perché non sono in grado di mantenere a lungo una forma, e a meno di non venire versati in uno stretto contenitore continuano a cambiare forma sotto l’influenza di ogni minima forza”.

Tornando all’esempio di mio padre, oggi essere un avvocato (ma anche un operaio o un deputato) non significa più molto dal punto di vista dell’identità, non ci dice quasi niente sulla storia e sulle abitudini di quella determinata persona, in quanto le “solide” strutture sociali, a cui faceva riferimento mio padre, sono quasi tutte liquidate.
Questa situazione provoca effetti molto contraddittori. Mio padre direbbe che il livello del ceto forense (per non parlare di quello politico) è spaventosamente precipitato verso il basso, che ormai molti avvocati lavorano in freddi uffici spersonalizzati e non più in accoglienti studi legali, mirando solo a far soldi; direbbe cioè che è quasi sparito il disinteresse, la moralità della professione, ogni stile. D’altra parte è evidentemente giusto che si possa diventare avvocati provenendo da qualsiasi condizione sociale, e magari avendo frequentato un Istituto tecnico, e abitato in periferia. Il problema è che lo svuotamento delle identità “belliche”, nazionali o sociali o religiose che siano, porta simultaneamente verso due esiti tanto vicini quanto opposti tra di loro: in basso, verso l’annientamento di ogni identità e di ogni senso legato ad appartenenze di qualsiasi tipo, oppure in alto, verso la rifondazione (non più bellica) delle differenze identitarie a partire da un nuovo principio, e cioè da un’identità umana fondamentale, che è sempre baluginata in tutte le tradizioni spirituali, e che per il cristiano è già presente sulla terra a partire dall’Incarnazione di Dio in Gesù Cristo, come proveremo a spiegare nei prossimi paragrafi.
Il bivio che ci si apre davanti è insomma tra il nichilismo postmoderno ed un ricominciamento dell’intera storia umana sul pianeta terra a partire da una figura inedita (più profonda e più vera) di Umanità che scavalchi, purifichi, e appunto trans-figuri tutte le figurazioni belliche che finora hanno dominato nella storia.


Verso un’identità umana radicale?

Questo è dunque il bivio. Proviamo a comprenderlo un po’ meglio.
Per millenni gli esseri umani hanno costruito e rafforzato le loro identità contra-ponendosi, ponendosi contro l’altro da sé, per differenze polemiche cioè, attraverso l’inimicizia e la guerra. Questa forma di identificazione di sé, mediante la guerra all’altro da sé, sta vivendo ad ogni livello la propria dissoluzione . E così l’essere maschi per contrapposizione/separazione sociale dalla donna, o l’essere italiani attraverso le guerre contro l’Austria, o l’essere di destra o di sinistra odiando a morte il comunista o il fascista di turno, o l’essere nobile o borghese disprezzando ed escludendo e ponendo ai margini della società l’operaio e il contadino, e così via, tutte cioè le figure identitarie tradizionali si stanno mostrando insostenibili, insopportabili perché irreali, e vivono perciò una vera e propria liquidazione, che in superficie appare come il dissolvimento di ogni possibile identità.
Sembra cioè che stiamo precipitando verso un mondo omo-geneizzato, senza differenze e senza qualità, in cui tutto può mutarsi nel proprio opposto, e niente possiede più una propria essenza stabile, un proprio lineamento d’identità: essere maschio o femmina diventa una questione di gusto e di scelta personale; l’appartenenza politica è sempre più fluida, momentanea, “leggera”, e insignificante; le relazioni affettive assumono i connotati delle veloci e disimpegnate connessioni telematiche; il lavoro si fa flessibile, instabile, si delocalizza, mentre le identità nazionali e culturali vengono frullate e amalgamate nel grande calderone della globalizzazione e del multiculturalismo.

Il sogno che inaugura la modernità, e cioè la possibilità per l’essere umano di diventare ciò che vuole, infrangendo ogni limite di natura, sembra finalmente realizzarsi, come scrive ancora Bauman: “C’è voluto qualche secolo perché i sogni di Pico della Mirandola (dell’essere umano che diventa come il leggendario Proteo, cambiando forma da un momento all’altro e attingendo liberamente qualsiasi cosa gli piaccia in quel istante dal contenitore senza fondo delle possibilità) si innalzassero al livello di credo universale. La libertà di cambiare ogni aspetto e ornamento dell’identità individuale è vista oggi da molti individui come qualcosa di realizzabile all’istante o quantomeno come una prospettiva realistica per il futuro prossimo”.

Le culture postmoderne puntano con forza e determinazione verso questa forma tutta costruita e volubile dell’identità umana. Da Derrida a Habermas, si concepisce soltanto un’identità sostanzialmente creata dall’uomo stesso nei processi storico-linguistici e “costituzionali” in cui organizza la propria vita sociale. E ogni passo di destrutturazione delle identità tradizionali e “naturali” viene applaudito e visto come un passo verso la libertà e l’autenticità. Il che in parte è anche vero, come abbiamo visto. Ma queste tendenze, che pretendono di parlare in nome appunto della vera autenticità umana, non ci spiegano poi quasi mai Cosa o Chi sia questo Autòs, questo Sé, questa Identità appunto più vera, in nome della quale ci dobbiamo e ci possiamo liberare delle false identità belliche precedenti. Per cui l’autenticità umana, non radicata in nessun Autòs in sé consistente, finisce poi per coincidere con il puro arbitrio autarchico di piccoli “ii” rissosi e prepotenti, mossi e in realtà del tutto etero-diretti dalle pulsioni più epidermiche e meccaniche, dai peggiori automatismi psichici, o semplicemente dalla pubblicità. Altro che auto-nomia. L’autenticità finisce inoltre col coincidere con l’espressione di un’emotività forzata e infantile, e per altro anch’essa del tutta pilotata, come nei “drammoni”, tutti ovviamente bellicissimi, della De Filippi o del Grande Fratello o di XFactor. Altro che aut-enticità, essere cioè autori della propria vita, qui i veri autori sono scribacchini al servizio dell’ufficio commerciale di Mediaset… Gli ultimi uomini, insomma, previsti con sgomento da Nietzsche, proprio dopo essersi liberati dalle rigide leggi gerarchiche delle società tradizionali, si ritrovano ad essere molto più schiavi dei loro nonni contadini, e molto più volgari e insipienti e privi di dignità dei loro padri operai…

Non possiamo, in altri termini, invocare un’autenticità, e quindi una più vera identità umana, al di là delle differenziazioni secolari della storia, senza fare riferimento a qualcosa che possieda appunto un significato, una profondità, e una potenza che superino e trascendano le stesse determinazioni storiche, e quindi a maggior ragione i nostri immediati e mutevolissimi interessi o gusti personali.
Senza questo trascendimento evolutivo verso una figura nuova e veramente più integra e vera di umanità, il disfacimento delle identità tradizionali ci porta soltanto verso il nulla, e la disintegrazione sociale.

Siamo chiamati perciò, in questo momento fatale della storia, ad accogliere pienamente le critiche e le spinte moderne verso l’autenticità, ma al contempo a comprendere come queste spinte provengano da un mistero dell’Identità Umana che ci trascende e ci guida, da una Figura di Uomo, finora in gran parte inedita, e custodita nel cuore della stessa fede cristiana, che chiede proprio adesso di emergere con più forza in ciascuno di noi e sugli scenari pubblici della storia. Su questo punto mi sembrano molto incisive le riflessioni di Charles Taylor: “Ciò che dobbiamo fare è batterci sul significato dell’autenticità, e, dal punto di vista qui sviluppato, dobbiamo cercare di persuadere la gente che l’auto-realizzazione, lungi dall’escludere rapporti incondizionati e imperativi morali che trascendano l’io, li presuppone, in una forma o nell’altra. La lotta dovrebbe riguardare la definizione del suo giusto significato. Dobbiamo sforzarci di innalzare la cultura dell’autenticità, di avvicinarla all’ideale che la anima”. L’umanità nascente cioè, più autentica e concretamente più realizzata, dovrà riconoscere se stessa come intrinsecamente aperta al proprio Principio spirituale, e nel proprio stesso essere in relazione con gli altri e con il creato: è infatti proprio questa apertura relazionale la sostanza post-bellica della sua natura.

Dobbiamo insomma comprendere meglio che il dissolvimento secolare dei contenuti bellici delle identità tradizionali, in nome di una autenticità umana più radicale, sta facendo emergere una figurazione antropologica nuova, post-bellica e relazionale. Questa è la traiettoria evolutiva di tutta la modernità. Ed è questa figurazione umana nuova, e appunto più evoluta, che dobbiamo impersonare in questa svolta dei tempi, non più in nome di buoni propositi morali, ma semplicemente per sopravvivere.
Questa è la certezza cui arriva d’altronde lo stesso Bauman al termine delle sue riflessioni sulla modernità liquida: “La globalizzazione ha raggiunto ormai il punto di non ritorno. Ora dipendiamo tutti gli uni dagli altri, e la sola scelta che abbiamo è tra l’assicurarci reciprocamente la vulnerabilità di ognuno rispetto a ognuno e l’assicurarci reciprocamente la nostra sicurezza condivisa. Detto brutalmente: nuotare insieme o annegare insieme. Credo che per la prima volta nella storia dell’uomo l’interesse personale e i principi etici di rispetto e aiuto reciproco puntano nella stessa direzione e richiedono la stessa strategia. (…) Ciò di cui si può essere ragionevolmente sicuri è che tali forme (istituzionali), per svolgere il ruolo che si propongono, dovranno dimostrare di essere capaci di innalzare la nostra identità a livello planetario, al livello dell’umanità”.


L’umanità post-bellica rigenera tutte le figure di identità

In questa svolta antropologica dobbiamo imparare dunque a sentirci innanzitutto nella radicalità del nostro essere umani: esseri che sono in stretta relazione tra di loro e con il creato, esseri in trans-formazione permanente, aperti all’infinito e in continua ricerca di se stessi. E poi, traendo sempre di nuovo da questa identità dinamica fondamentale l’ispirazione e l’orientamento, siamo chiamati a divenire maschi, femmine, italiani, cristiani, avvocati, operai, casalinghe, o infermieri, in modo del tutto nuovo.
Questa è la seconda strada del nostro bivio, e l’unica ancora evolutiva: la possibilità di ri-generare tutti i contenuti delle nostre identificazioni a partire da una identità umana radicale, post-bellica e relazionale, che sta emergendo proprio attraverso i travagli e le dissoluzioni secolari della modernità.

Per un cristiano d’altronde questa via dovrebbe apparire del tutto familiare, anzi sembrerebbe addirittura che la storia stia dando conferma, secolo dopo secolo, e ormai decennio dopo decennio, alla profezia evangelica della consumazione dei tempi dell’uomo vecchio, legato alle proprie identificazioni belliche.
Il cristiano insomma è oggi provocato dalla storia, dai fatti, a rovesciare per davvero il centro del proprio essere, e a diventare perciò un cristiano marito, un cristiano medico, una cristiana deputata, e non più una moglie cristiana o un operaio o un nobile cristiani, e cioè un essere umano che possieda già una propria identità “bellica”, rivestita in seguito da una crosta di “valori cristiani”. Oggi siamo invece chiamati ad essere innanzitutto cristiani, e cioè esseri radicalmente umani in costante trans-formazione, aperti nel più profondo di noi stessi verso l’abisso infinito della vita sorgente, e in relazione strutturale con gli altri, e da questo Centro (che è poi il Cristo in noi) scoprire ogni giorno di nuovo come essere maschi e femmine, lavoratori e pensionati, senatori e netturbini, casalinghe e papi per davvero post-bellici.
Questo processo sta già portando ad un lungo e difficile cammino di conversione della Chiesa cattolica stessa, e cioè ad una progressiva individuazione e purificazione di tutti quegli elementi bellici (dottrinari, ecclesiali, giuridici, etc.) che tuttora offuscano la sua missione di salvezza, e il suo annuncio di essere appunto la Nuova Umanità.

La sfida è davvero grande e del tutto singolare: “Per quanto spinga in là la mia immaginazione, la battaglia dell’umanità per l’autoaffermazione non sembra facile, men che mai dall’esito scontato. Il compito che ha davanti non è semplicemente ripetere una volta di più un’impresa che è stata realizzata molte volte nella lunga storia del genere umano: sostituire un’identità con un’altra, più inclusiva, e spingere più in là i confini dell’esclusione. Nessuno si è mai misurato col genere di sfida che l’ideale di ‘umanità’ ha di fronte a sé, perché una ‘comunità onnicomprensiva’ non è stata mai all’ordine del giorno nell’agenda del genere umano” (Z. Bauman).

La singolarità della sfida, la radicalità antropologica della svolta, coinvolge in modo inedito la forza delle tradizioni spirituali. Le grandi religioni, infatti, depositarie della memoria della ricerca più radicale intorno alla identità umana, vengono reintrodotte nella riflessione tardomoderna sul destino anche storico dell’uomo, direi in modo del tutto laico, perché l’Identità umana radicale, il volto inedito e trans-bellico dell’Uomo Nascente non possiamo che ricercarlo sempre di nuovo al di là di tutto ciò che la storia può offrirci, in quello spazio aperto che chiamiamo trascendenza, Presente Eterno, Dio in noi, o altro, che è comunque raggiunto e abitato da quelle forme di conoscenza che appartengono all’ambito della spiritualità. Se d’altronde le tradizioni religiose stesse non si convertono al volto inedito dell’Uomo, che tutti ci trascende e ci chiama, non potranno che alimentare nuovi scontri tra figurazioni belliche del vecchio uomo, di tipo culturale, etnico, o pseudo.religioso, come purtroppo constatiamo ogni giorno.
Ma qui, sul nuovo inevitabile nesso che lega la cultura tardomoderna, la nuova politica planetaria, e l’esperienza spirituale si aprirebbe un altro e forse ancora più complesso capitolo della nostra riflessione.



Pubblicato nella Rivista "Formazione e Lavoro" - 1/2009.

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri