20 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



6 luglio 2009

Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana

Il titolo di questa riflessione chiede quale rapporto ci sia tra l’attuale condizione spirituale dell’umanità e la vita cristiana, e cioè in che modo e in che senso ciò che sta avvenendo sul pianeta terra in questi anni di straordinarie trasformazioni si correli e abbia a che fare con il mistero cristiano che ci dice che lo Spirito di Dio sta trans-figurando la nostra umanità nella figura perfetta dell’Uomo-Dio Gesù Cristo (2Cor 3,17-18), e cioè ci sta trasformando in esseri divini, “eredi di Dio, coeredi di Cristo”(Rm 8,17).

Per rispondere adeguatamente a queste interrogazioni svilupperò 4 brevi passaggi:
1.innanzitutto farò una sintetica premessa metodologica;
2.poi mi soffermerò su una lettura di questa nostra fase storica, interpretandola come tempo di una vera e propria svolta antropologica;
3.su questa base tenterò di verificare se e come questa lettura dei tempi possa inquadrarsi entro lo schema cristiano della storia della salvezza;
4.ed infine cercherò di trarre alcune conseguenze che queste riflessioni potrebbero avere sulla vita concreta dei cristiani e delle diverse comunità ecclesiali.


Il mistero di Dio ci si rivela nel travaglio della nostra storia

Porci domande sul rapporto tra la condizione storica dell’umanità contemporanea e i contenuti essenziali della fede cristiana, affinché si illuminino a vicenda, presuppone che noi riteniamo che il mistero di Dio ci si riveli proprio nel travaglio della nostra storia, sia personale che collettiva. E’ lì che dobbiamo guardare, è dentro la nostra biografia, dentro le difficoltà più concrete della nostra vita personale, affettiva e lavorativa, è dentro la carne dei nostri giorni terreni che lo Spirito di Dio ci sta parlando oggi. Dio insomma ci comunica la conoscenza di Sé nella fatica di un processo, che è poi quello attraverso il quale noi riusciamo a comprenderlo come Senso e Direzione salvifica dentro le nostre esistenze incarnate.

Dio, che “è Spirito” (Gv 4,24), ci si rivela dunque solo nella storia del nostro personale e storico conoscerlo, giorno dopo giorno, a piccoli pezzetti di pane quotidiano. Una storia questa che è tuttora aperta, come ha ribadito Giovanni Paolo II nell’Enciclica Novo Millennio ineunte: “Sappiamo infatti che, di fronte al mistero di grazia infinitamente ricco di dimensioni e di implicazioni per la vita e la storia dell’uomo, la Chiesa stessa non finirà mai di indagare, contando sull’aiuto del Paraclito, lo Spirito di verità al quale appunto compete di portarla alla ‘pienezza della verità’(cfr: Gv 16,13)”(n. 56).

Questo nostro processo di comprensione (di Dio dentro la nostra storia) non è poi per nulla astratto o intellettualistico. Non comprendiamo cioè lo Spirito di Dio oggettiva-mente, facendone appunto un oggetto fuori di noi, distinto da noi, e quindi in effetti separandocene; quanto piuttosto proprio unendoci sempre più intimamente con Lui, spirito nello Spirito, vento nel vento, diventando cioè proprio Uno Spirito, diventando Dio: “ciò che nasce dallo Spirito è Spirito”(Gv 3,6).
In altri termini la comprensione autentica di Dio come Spirito è sempre iniziatica: siamo chiamati a diventare ciò che desideriamo conoscere.
Per cui possiamo arrivare a dire in estrema sintesi: Dio ci si rivela (solo) nella storia del nostro conoscerlo, e cioè del nostro diventare divini, e quindi pienamente umani, in Cristo (1Gv 3,2).

Ecco perché per comprendere l’azione dello Spirito oggi, e quindi il suo vero essere, che è il suo darsi a noi, non dovremmo tanto ricercare nuove e più sottili definizioni “oggettive” e metastoriche, che finiscano per separarci dalla sua vita in atto; ma dovremmo appunto calarci sempre più profondamente nella lettura della nostra storia, di ciò che ci sta accadendo, delle sofferenze, delle angustie, delle insostenibilità interiori e planetarie in cui stiamo soffocando. E’ lì che lo Spirito di Dio ci si sta rivelando oggi un po’ di più di ieri o di l’altroieri, come precisa la costituzione conciliare Gaudium et spes: “Il Popolo di Dio, mosso dalla fede, per cui crede di essere condotto dallo spirito del Signore, che riempie l’universo, cerca di discernere negli avvenimenti, nelle richieste e nelle aspirazioni, cui prende parte insieme con gli altri uomini del nostro tempo, quali siano i veri segni della presenza o del disegno di Dio”(11a).

Lo Spirito continua dunque a trans-figurarci rivelandocisi dentro le nostre storie, ed operando continue correzioni delle nostre concezioni errate su noi stessi, su Dio, e sul mondo. Ci trans-figura cioè correggendo le nostre errate credenze (mentali e morali). E lungo questa storia di correzioni, operate dallo Spirito della Verità, e quindi di Ri-Generazione (divino-umana) della nostra umanità, ci troviamo proprio adesso in un punto di svolta, nel travaglio di un Passaggio Cruciale, che siamo appunto chiamati dallo Spirito ad interpretare e a vivere con nuova consapevolezza.


La svolta antropologica: la fine dell’io ego-centrato, la fine della guerra

E veniamo al secondo punto: come possiamo descrivere in pochi tratti la condizione storico-spirituale dell’uomo contemporaneo? E cioè ciò che di essenziale (ci) sta accadendo sul pianeta terra?
Le analisi che troviamo in circolazione, in ogni ambito, sono infatti molto contraddittorie: si oscilla tra scenari apocalittici ed entusiasmi da nuova era nascente, tra grida di dolore per i processi di inarrestabile secolarizzazione e scristianizzazione e grida entusiastiche per fantomatici nuovi rinascimenti cattolici. E questa disparità di valutazioni la rinveniamo sia nelle analisi economiche che in quelle relative agli sviluppi delle tecnologie, sia in quelle socio-politiche che in quelle relative alle condizioni morali e spirituali dell’umanità del XXI secolo.

Prendiamo, ad esempio, un documento molto rilevante della Chiesa cattolica, gli Orientamenti pastorali validi per il primo decennio del 2000 elaborati dalla Conferenza Episcopale Italiana, dal titolo Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia.
Ebbene come descrivono i vescovi italiani il nostro presente? Innanzitutto vengono sottolineati molti aspetti positivi: un “desiderio di prossimità, di socialità, di incontro, di solidarietà, e di ricerca della pace” (n.37); una “rinnovata ricerca di senso” e “un anelito alla trascendenza” (n.38), e così via. Tendenze dunque estremamente evolutive e del tutto nuove, in quanto non mi sembra che questi segnali di anelito alla liberazione interiore e storica, di pacificazione universale, o al superamento “della contrapposizione tra mentale e corporeo” appartengano tradizionalmente alla nostra cultura. Ebbene poche pagine dopo si apre uno scenario del tutto diverso, addirittura catastrofico: “le persone che si dicono senza religione sono in aumento”, cresce un “analfabetismo religioso delle giovani generazioni”(n.40); addirittura si rileva “una vera e propria eclissi del senso morale”(n.41). Ma come? non c’era una crescita del senso di solidarietà? e non è questo un segno di crescita proprio del più autentico senso morale? Ma l’analisi peggiora ulteriormente: dilaga il “relativismo”, la “indifferenza diffusa per le domande più radicali”(n.41). Ma non cresceva proprio la domanda di senso, che è la più radicale in assoluto? Si arriva infine a denunciare “un vero e proprio smarrimento”, e infine “il rischio della scissione interiore”.

Chiediamoci allora: come possiamo spiegarci queste ambiguità, queste contraddizioni così eclatanti, queste oscillazioni a volte paradossali nella lettura del presente? A me pare che esse derivino proprio dalla carenza di un quadro interpretativo storico-epocale adeguato che ci spieghi che cosa stia veramente finendo e cosa stia nascendo oggi in Occidente: che cosa cioè stia ormai vivendo la propria crisi terminale, e cosa tenti invece di emergere come novità di vita e di pensiero. Questa povertà interpretativa ci può portare ad esempio a valutare come una perdita irreparabile la morte di alcune forme (della morale o della stessa religiosità), che in profondità invece potrebbe indicare proprio l’avanzamento di un processo evolutivo.

C’è inoltre da sottolineare che la miopia ermeneutica sulla portata antropologica dei rivolgimenti in atto si è molto aggravata negli ultimi 20/30 anni, sia in ambito laico che in ambito cattolico, dove sembra riemergere infatti la solita tentazione di far finta che nulla di nuovo stia succedendo. Tentazione “continuistica” che negli ultimi secoli ha portato la Chiesa cattolica a reiterate sconfitte spirituali e culturali, e a penose rincorse della storia, spesso attuate purtroppo fuori tempo massimo… La coscienza cattolica contemporanea dovrebbe al contrario tenere bene a mente queste parole di uno dei pensatori più rappresentativi del cattolicesimo novecentesco, Jean Guitton, e trarne le dovute conseguenze: “Non vedo nella storia una crisi che sia paragonabile a quella che conoscerà il secolo XXI. Stiamo avanzando verso trasformazioni più grandi, verso eventi imprevedibili, di un’importanza inaudita”.

Se viviamo dunque effettivamente entro il vortice di una svolta antropologica, quale figurazione umana sta collassando in questo Occidente, inteso come epoca del mondo, tempo del Tramonto Universale?
In estrema sintesi potremmo provare a rispondere così:

se proviamo a leggere sinotticamente i vari fenomeni costellati lungo il XX secolo: dalla nuova fisica alle rivoluzioni epistemologiche e filosofiche, artistiche e poetiche, fino alle scoperte della psicoanalisi, e ancora dall’esplosione dei totalitarismi e dalle guerre mondiali, fino ai continui allarmi ecologici e bioetici, possiamo constatare che sta collassando quel tipo di soggettività umana che si rafforza chiudendosi e centrandosi su se stessa, facendo del mondo (degli altri e perfino di Dio) oggetti da dominare (concettualmente e poi tecnicamente); quel modo di essere un io umano cioè che possiamo definire ego-centrato, e che si esprime sui due livelli strettamente connessi delle diverse forme della conoscenza e delle varie forme della convivenza.

Questo io ego-centrato è per sua natura bellico, in quanto si rafforza proprio contrapponendosi all’altro da sé, ed infatti l’intera storia antropologica che abbiamo alle spalle non è che una storia di guerre tra identità (culturali e/o religiose) che si sono affermate polemica-mente l’una contro l’altra.
Questo tipo di umanità vive lungo il XX secolo, nella sua forma estrema razionalistico-tecnica, il proprio trionfo catastrofico, e cioè trionfa ovunque sul pianeta, mentre mostra al contempo di essere un principio molto relativo, e drammaticamente distruttivo se assunto come assoluto.

La nuova figurazione antropologica che sta faticosamente emergendo dentro il tracollo della vecchia potremmo invece definirla l’io relazionale o coniugale: una forma di identità umana cioè che si rafforza non contrapponendosi all’altro, ma proprio entrando in relazione, scoprendo anzi l’alterità (l’opposto complementare) anche dentro di sé, e quindi assumendo una natura molto più fluida, flessibile, e processuale, una natura pellegrinante, dialogica e metamorfica che sembra, tra l’altro, profondamente simile all’umanità del credente descrittaci nei Vangeli.


La lunga conversione dei cristiani

Come sta agendo questa grandiosa crisi dell’io egocentrato sul cristianesimo storico?
Innanzitutto vediamo che sono entrate in crisi tutte le forme egoico-belliche che la fede aveva assunto nei secoli. Abbiamo così sempre più decisamente rifiutato ogni uso della violenza impositiva in tutte le forme di catechesi o di apostolato, iniziando un processo di purificazione che penetra con forza sconvolgente nella vita della Chiesa cattolica con il Concilio Vaticano II, e trova un momento memorabile nella storica richiesta di perdono compiuta da Giovanni Paolo II nella prima domenica di Quaresima del 2000.

Questa straordinaria confessione pubblica rappresenta un vero e proprio nuovo principio nella storia del cristianesimo, un atto profetico ancora tutto da comprendere e da assorbire in comportamenti adeguatamente innovatori. Ed infatti il documento Memoria e riconciliazione: la Chiesa e le colpe del passato, redatto dalla Commissione teologica internazionale come accompagnamento esplicativo della richiesta di perdono, manifesta quasi con imbarazzo l’unicità, la singolarità epocale di questo atto penitenziale: “In nessuno dei giubilei celebrati finora c’è stata, tuttavia, una presa di coscienza di eventuali colpe del passato della Chiesa, né del bisogno di domandare perdono a Dio per comportamenti del passato prossimo o remoto. E’ anzi nell’intera storia della Chiesa che non si incontrano precedenti di richieste di perdono relative a colpe del passato, che siano state formulate dal magistero.” Qui non si è trattato infatti della ordinaria richiesta di purificazione che la Chiesa (semper reformanda) ogni giorno pone dinanzi a Dio, ma di una presa di coscienza inedita di errori strutturali che hanno per secoli deformato l’intera prassi pastorale, e quindi la stessa identità dei cristiani. Questo è il punto: rileggendo l’intero passato del cristianesimo, e confessandone le modalità distorte, egoistiche, e quindi violente, che connotavano l’espressione storica della loro fede, i cristiani si aprono ad una nuova modalità dell’essere cristiani, e cioè propriamente ad una profonda trasformazione della propria identità.
Non facciamo finta di non accorgercene…

Parimenti sono entrate in crisi le forme più oggettivistiche della vita cristiana: la ritualità estrinseca e teatralizzata, l’indottrinamento astratto, la metafisica razionale onniesplicativa, la sacralizzazione del potere ecclesiastico etc., a favore della ricerca di esperienze più personali dell’itinerario iniziatico cristiano, esperienze che cambino per davvero la nostra vita. Sono tornate così al centro dell’attenzione spirituale la guarigione psichica e fisica, la liberazione interiore, e la vita di comunità reali, realmente affratellate. Da queste dinamiche sono venuti fuori sia i nuovi movimenti ecclesiali, sia i nuovi fenomeni carismatici, che la stessa galassia della new age. Naturalmente di fronte a questa progressiva “liquidazione” di tante configurazioni psico-culturali secolari, emergono di tempo in tempo anche fortissimi fenomeni regressivi che animano quel fermento planetario che denominiamo fondamentalismo, e che esplode in tutto il mondo verso la fine degli anni ’70 del secolo scorso.


Verso la Cresima del Mondo

Il terzo punto della nostra riflessione chiedeva: come possiamo interpretare tutto questo movimento trasformativo dal punto di vista della storia della salvezza, e cioè nella prospettiva del processo di divinizzazione/liberazione dell’uomo? Che cosa ha a che fare questo moto di rivolgimenti antropologici con l’azione dello Spirito di Dio che ci sta guidando verso la perfetta configurazione a Cristo?

A me sembra che in questo ambiguissimo terrae-motus, attraverso il quale vengono liquidate le nostre identità egoico-belliche, noi possiamo chiaramente discernere la potente trazione dello Spirito di Cristo. Sta proprio a noi cristiani d’altronde di compiere il sottile discernimento di queste traenze evolutive, di riconoscere cioè nei processi liquidatori e liberatori della modernità e del XX secolo l’azione salvifica del Cristo che, proprio per assimilarci più fortemente al proprio Spirito, ci sta purificando di una moltitudine di contro-figurazioni egoico-belliche, che per secoli hanno distorto e deturpato la nostra esperienza di Dio. Sta a noi discernere la spinta trans-figurativa dell’Uomo Nascente da quella soltanto sfigurante delle potenze del caos e della dissoluzione.

Non è difficile intravedere nel travaglio del nostro tempo un ineluttabile moto di unificazione tra i popoli e le culture, un fortissimo e crescente anelito di pacificazione, che sta liquidando inesorabilmente moltissime frontiere mentali, religiose, culturali, producendo al contempo contraccolpi regressivi tanto pericolosi quanto inconsistenti e destinati ad essere liquidati anch’essi. Ma questa unificazione non la può compiere il vecchio Adamo bellico, rinchiuso nelle sue identificazioni polemiche e aggressive. Solo la nuova umanità relazionale, coniugale, e quindi, per noi cristiani, Cristo-centrica, potrà portare avanti, purificandoli e rivelandoli fino in fondo, i progetti migliori della stessa modernità.

La svolta antropologica di cui stiamo parlando andrebbe perciò letta come una sorta di preparazione purificativa ad una fase più avanzata della storia della salvezza, una nuova fase in cui siamo chiamati a comprendere e a vivere molto più radicalmente il mistero della nostra nuova umanità che cresce aprendosi all’alterità dentro e fuori di sé, cresce e matura cioè solo facendo a tutti i livelli la pace.
Ecco perché potremmo dire che il senso segreto di questa svolta sia la Cresima del Mondo, la confermazione adulta, e cioè molto più consapevole e responsabile, di quel Battesimo di Ri-Generazione avvenuto duemila anni fa in Palestina, e ancora ben poco compreso e sperimentato.


Trans-formarci in comunità del Nascente

E siamo così arrivati all’ultimo e forse più arduo punto del nostro piccolo cammino: quali conseguenze possono avere queste considerazioni sulla vita concreta dei cristiani, e sulle forme in cui esprimiamo e trasmettiamo la nostra fede?
Ancora una volta in estrema sintesi potremmo dire che gli effetti si riversino su tutti e tre i livelli fondamentali dell’Annuncio, della Cultura, e della Formazione.

Innanzitutto, come risulta evidente da quanto abbiamo detto finora, dovremmo comprendere fino in fondo che stiamo davvero attraversando una soglia epocale nuova, in cui l’annuncio evangelico della nascita di una nuova umanità deve e può trovare una inedita evidenza: Cristo ormai è nei fatti, diceva Bonhoeffer.
L’annuncio in altri termini è certamente lo stesso, ma lo stiamo comprendendo ad un livello nuovo, in quanto l’uomo vecchio si sta mostrando nella sua essenza omicida in modo sempre più diretto e palese, sia che si nasconda ancora sotto i vari nomi di Dio, sia che si mascheri di quella oggettività scientifica e tecnica, di quella pseudo-neutralità “laica” che ci lascia ogni giorno di più senza senso e senza fiato.
Nel tempo apocalittico - in cui appunto la forma egoica della nostra esistenza umana si rivela senza mezzi termini come mortale e mortifera - l’Annuncio della Nascita può diventare nuova-mente “nuovo”, se siamo in grado però di proclamarlo nella lingua di oggi, parlando come a Pentecoste, e cioè mossi davvero dallo Spirito, la lingua delle persone che ci stanno davanti, e non qualche dialetto strano e arcaico, ormai incomprensibile ai più.

Dobbiamo perciò rianimare una pastorale della Nuova Nascita con itinerari concreti in cui accogliere le donne e gli uomini “terminali” del nostro tempo, per indirizzarli all’esperienza di un passaggio al di là dell’agonia dell’ego che ognuno di noi sta vivendo.
Questo implica ribadire la drasticità dell’alternativa che ci si apre davanti tra l’adesione ai parametri mentali del nostro uomo vecchio, alienato, terminale, e bellico (anche religiosa-mente bellico), e quella alla mentalità trans-egoica e divina del Nascente. Dobbiamo ribadire che tra questi 2 stati interiori non c’è alcuna mediazione, ma solo una svolta continua, una conversione costante, una sorta di morte reiterata (Rm 12,2).
Dobbiamo ribadire in altri termini che lo stato ego-centrato è uno stato strutturale di alienazione da sé (caduta), in cui l’ignoranza, l’oppressione della morte, e la violenza bellica convivono e si alimentano inestricabilmente.
Dobbiamo cioè annunciare che senza conversione (meta-noia) della mente non c’è che la nostra distruzione personale e collettiva, sempre più evidenziata tra l’altro dai fatti quotidiani della cronaca.

Questa rianimazione dell’Annuncio potrà poi dar vita ad una nuova cultura radicalmente critica nei riguardi delle varie forme di resistenza della vecchia umanità che opera ancora sia in noi che nel mondo. Dobbiamo cioè riscoprire l’essenza distruttiva che è insita nei processi di nascita del Nuovo: “Il Figlio di Dio è apparso per distruggere le opere del diavolo”(1Gv 3,8).

Questo grande ricominciamento implica infine l’avvio di una straordinaria stagione di sperimentazione formativa. Tutti gli itinerari formativi sono attualmente inadeguati alle esigenze della nuova umanità che sta emergendo, sia quelli cristiani (dalla catechesi dei bambini alla formazione religiosa) che quelli scolastici o professionali.
La fase terminale della nostra umanità egoico-bellica è particolarmente difficile e dolorosa. Abbiamo tutti bisogno perciò di essere accompagnati, di essere assistiti, consigliati, istruiti sulle diverse fasi della trasformazione. Abbiamo urgente bisogno di forme inedite di accompagnamento spirituale che coniughi la consapevolezza della natura storico-salvifica del presente ad una sapienza psicologica, nutrita dai contributi (ben selezionati e integrati) delle scienze umane.

E’ solo da un lavoro rigenerativo profondo, infatti, e cioè da un’esperienza sempre più intima e radicale della rinascita nello Spirito dell’Uomo Nascente, che possiamo poi intuire i percorsi concreti verso i quali riorientare la nostra vita, la nostra Chiesa, il nostro lavoro, la nostra parrocchia, o la nostra Congregazione.
Senza un ricominciamento spirituale idoneo, e condiviso in gruppi affiatati che si educhino alla comunicazione autentica, ogni progetto di rifondazione della vita familiare, politica o ecclesiale, risulterebbe del tutto astratto ed estrinseco. E’ solo la Nuova Umanità nascente in noi che potrà guidarci in questo passaggio cruciale.
Gli ultimi tempi, lo sappiamo, sono tempi di prove, ma sono anche tempi di una straordinaria effusione dello Spirito (Atti 2,17). Apriamoci perciò con fede alla sua potenza di guarigione, di illuminazione, e di ricominciamento.




Tratto dal volume collettivo "Credo nello Spirito Santo", a cura di G. Giorgio e M. Melone, EDB 2009

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri