28 Jun 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



4 agosto 2009

La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

La vacanza come fuga

La nostra società è caratterizzata dallo spreco, dalla sovrabbondanza di cose e di parole inutili, da una cupidigia occhiuta e onnivora, da una frenesia principalmente che non conosce né soste né riposo, e da tutte le malattie che ne derivano, come già negli anni ’50 osservava con acume profetico Ernst Junger: “L’apparente benessere indotto dal nostro sistema di vita assomiglia a una sottile vernice.(…) Gli ingranaggi che girano senza sosta, l’ininterrotto movimento dei nastri non costringono solo il cuore entro il loro ritmo. Tengono in loro potere anche le cellule. Di conseguenza, non incrementano solo le malattie del cuore, ma anche e soprattutto le degenerazioni dei tessuti”.

Siamo un po’ tutti fautori di uno stile paranoide che è poi divenuto, non a caso, uno slogan pubblicitario della RAI: di tutto, di più. Siamo convinti che, per esempio, avere sempre più connessioni, canali televisivi, siti e social networks, sempre più e-mail, SMS, Facebook, blog, forum e chat varie, sia in ogni caso un bene, costituisca comunque un progresso, qualcosa cui anelare.
Questa tendenza furibonda all’accumulo delle cose e degli impegni, e alla moltiplicazione degli impulsi e dei bisogni, sta però raggiungendo un limite, un punto di saturazione, che richiede un’appropriata revisione di questa ideologia del primato della quantità, che si basa poi su uno sviluppo economico tutto proteso ad accelerare la produzione e la sostituzione dei beni di consumo.

La nostra esistenza ordinaria viene sottoposta ormai ad una pressione davvero insostenibile di impegni e di sollecitazioni. Siamo tutti succubi di una complessità che rende ogni giorno di più la nostra vita familiare come l’ambiente lavorativo, ma anche la gestione di una parrocchia o di una comunità religiosa, una sorta di corsa ad ostacoli, fatta di incombenze amministrative, di scadenze improrogabili, di relazioni professionali gelide e violente, e di vere e proprie “rogne”, che corrodono da dentro ogni possibilità di autentico scambio umano.

Sottoposti come siamo a questo stress sembra a volte che viviamo come in apnea, nell’attesa spasmodica di un momento di relax, che ci sottragga ad una vita compressa e perciò spesso depressa, anche se magari furiosamente “attiva”.
In questo contesto patologico l’uomo occidentale, chiuso nel suo ufficio infestato dai demoni della “comunicomania”, come la chiama lo psicoanalista americano James Hillman, e oberato da cataste di impegni arretrati, sogna come ogni ergastolano la sua ora d’aria: le Maldive, Sharm el Sheik, l’Eremo di Camaldoli, o Rimini, sogna New York o la Cina, il Tibet, l’Amazzonia o il deserto sahariano.

Sogna e si avvia. Ad ogni week-end emigra in massa. Milioni di italiani si mettono in autostrada e incolonnati per ore, sottoponendosi a stress e a pericoli di vita che fanno rimpiangere perfino la scrivania del Ministero dei Lavori Pubblici, cercano l’Eldorado, un solo momento di riposo. Che però purtroppo il più delle volte non trovano. La vacanza, sia quella lampo e mordi-e-fuggi di fine settimana che quella (ormai poco) più ampia delle ferie estive diventa spesso a sua volta un lavoro faticosissimo, fatto di agenzie-viaggio e imprevisti, litigi furibondi con moglie/figli/suoceri/amici/vicini di tenda/stanza/caravan/residence/villa/bungalow, e così via. Dall’inferno all’inferno, verrebbe da dire, fino a quando esausti non torniamo al nostro lavoro, quasi contenti, per riposarci finalmente dopo lo stress della vacanza.

Può far sorridere tutto questo, ma in realtà, come dicevamo, nasconde e al contempo manifesta una vera tragedia epocale, una soglia terminale, un limite di sopravvivenza, e la necessità di ideare un nuovo equilibrio personale e sociale tra velocità e lentezza, tra riposo e azione, tra pieno e vuoto, e più in generale tra la funzionalità fulminea della mente (ora spesso telematica-mente attivata), e la temporalità organica e molto più lenta della crescita umana, corporea, culturale, e spirituale. Questo tempo di radicale riformulazione culturale e sociale sarà inevitabilmente lungo e richiederà purtroppo fasi critiche di imprevedibile durata e gravità. Già da subito però possiamo incominciare ad apprendere alcune piccole nozioni, che appartengono d’altronde alla sapienza di ogni tradizione spirituale, e che possono predisporci e prepararci alla ineluttabile transizione, fare di noi cioè dei piccoli esperimenti di nuova umanità post-frenetica.


La vacanza come stato interiore di presenza gioiosa

Dobbiamo subito ricordarci che è del tutto illusorio presumere che un qualunque spostamento di luogo possa modificare in modo significativo il nostro stato interiore. Sì, certo, ogni cambiamento può offrirci qualche minuto di ebbrezza, ma dopo uno o al massimo due o tre giorni, anche sdraiati ai margini dell’agognata piscina di Barcellona, torneremo al nostro abituale clima interiore. Anche sull’Himalaya torneranno ad affollare la nostra mente gli antichi rancori non sanati, le preoccupazioni di sempre, le ferite sanguinanti, i morsi della nostra insoddisfazione lacerante, e così via. Ecco perché i così detti viaggiatori di professione, come certi romanzieri, non possono fermarsi mai, debbono continuare a fuggire da sé, e dallo specchio interiore che li insegue. Ed ecco perché i loro racconti sono sempre più ripetitivi e noiosi.

Per cui se cerchiamo per davvero una vacanza dovremmo prima di tutto imparare a svuotarci, a liberarci, a fare il vuoto dentro di noi (cosa che appunto evoca il verbo latino vacare), a conquistare cioè quel silenzio interiore in cui per davvero ci riposiamo. La vacanza cioè è prima di tutto uno stato della mente, quello stato che sia la tradizione ebraico-cristiana che quella asiatica (sia hindu che buddista) hanno sempre ricercato come presupposto non solo per il nostro rapporto con l’Assoluto, ma anche più semplicemente per una vita ordinata.
Lo stato mentale della vacanza non è cioè la condizione di passività, di sbraco, e di disperata “nullafacenza” che associamo ordinariamente alle ferie, ma tutto al contrario la condizione interiore della giusta azione, quella che è al contempo impegno e riposo, fatica e gioco, lavoro appunto e vacanza.

La donna e l’uomo occidentali dovrebbero imparare a coltivare questo stato di concentrazione e di quiete mentali, questa autentica vacanza, in primo luogo per risanare la propria vita psico-fisica. Sono infatti ormai infinite le ricerche scientifiche che ci attestano gli effetti prodigiosamente curativi della meditazione . Da qui poi, da questa ritrovata maggiore armonia interiore potremo cercare anche diversi modi per organizzare in modo più umano i nostri mondi sia lavorativi che affettivi, e avviare i processi rivoluzionari cui tutti in realtà aspiriamo.
Quando vedremo sfilare per le strade di Milano o di New York cortei di studenti e di lavoratori reclamare a gran voce il diritto alla meditazione, allora vorrà dire che siamo per davvero entrati in una nuova era, come sognava lo psichiatra buddhista Jean-Pierre Schnetzler: “Si può sognare: a quando le manifestazioni rivendicative dei lavoratori frustrati, sventolanti bandiere su cui leggeremo:’La preghiera e la meditazione per tutti, sempre’, e altri slogans così autenticamente rivoluzionari?”

La pratica meditativa ci insegna ad essere qui e adesso, a lasciare andare le nostre preoccupazioni, a comprendere che molti dei nostri pensieri sono come ventose che si attaccano alla nostra anima per toglierle vita, sono come rampini del passato, pregiudizi e paure e ricordi che vogliono trattenerci indietro o proiettarci in avanti, verso un futuro fatto anch’esso a immagine e somiglianza del nostro passato, e ci impediscono perciò di essere qui, adesso, freschi, per godere di ciò che c’è.
Perché questo è il punto: non possiamo godere di niente, non possiamo più in generale fare esperienza di niente, se non siamo adesso aperti e recettivi rispetto a ciò che viviamo.
Ma è proprio questa attitudine di presenza che normalmente non possediamo, e che possiamo riscoprire, come cristiani, facendoci aiutare anche dalle grandi tradizioni orientali.

La vera vacanza dunque comincia così: imparando ad essere presenti con tutto il nostro essere, pienamente vivi, adesso, senza ventose mentali, senza attese né pretese, dimentichi del passato e perciò liberi e gioiosi, e quindi capaci di godere, di respirare e di godere del semplice respiro, di guardare e di godere della magnolia davanti alla finestra e della sua luce dorata.
Questa è la vacanza: essere qui e ora, sazi di ciò che c’è, di esistere, di respirare, colmi a tal punto dell’esistenza presente da sentire con chiarezza: sì, io sono felice, piena-mente felice, ho tutto ciò che desidero, non manco proprio di nulla.
Poi, se vorrò, potrò anche andare alle Maldive o semplicemente a Ladispoli, ma sarò in grado di andarvi per davvero, portandovi la mia capacità di ricevere, la mia vacuità, la mia ricettività, e quindi la mia apertura all’esperienza che mi si offre.
In sostanza o si è già in vacanza oppure non ci si arriva mai.


La vacanza come apertura all’amore

Questo vacare poi non ci chiude affatto in una interiorità autoreferenziale. Tutt’altro, ci apre anzi alla vera relazionalità, ci fa scoprire che siamo da sempre in relazione con tutto e con tutti, e quindi ci dona quell’altro immenso godimento che è la relazione stessa, l’uscita dalla nostra prigionia mentale autarchica e disperata.
Un verso del mio primo libro di poesie diceva:
“Andrò in vacanza per esserti fedele”.
Andare in vacanza, infatti, è la precondizione della nostra apertura all’alterità, e innanzitutto a quel Assoluto che ci sostanzia, la relazione con il quale ci rende uomini.
Ma come posso aprirmi al mistero dell’Assoluto che è in me e in tutto, se non imparo a spegnere, e cioè a svuotare (vacare) la mia mente piena di agganci troppo vincolanti a ciò che è relativo? Come posso essere fedele al Dio Vivente, che è presente adesso in me, se non vado prima in vacanza, nello spazio vuoto dell’ascolto e del riposo?
Perciò “andrò in vacanza per esserti fedele”.
André Louf, abate di Mont-des-Cats, scrive a tal proposito, parlando della quiete spirituale: “Ogni attività (negotium) cessa, per godere il riposo (otium). Si è liberi da occupazioni e da vincoli, e si è così leggeri, vuoti (vacans) nel senso letterale della parola: in vacanza. In vacanza, ma per dedicarsi a Dio (vacare Deo)”.

Andare in vacanza significa dunque entrare in un’esperienza spirituale in cui l’Infinito, come Intelligenza e Amore e Gioia senza fine, gorgoglia dentro di me e mi pulisce gli occhi, affinché io veda le meraviglie che mi circondano: un garofano rosso sul terrazzino, la luce più aurea sui pini di Roma al tramonto, il volto di mia figlia o di mia moglie che ride, il disegno straordinario di una mano.
Essere in vacanza significa cioè essere presenti al Dio Presente, al suo Adesso eterno - perché Dio è ora o non è mai, come diceva Agostino - al fine di essere presenti in tutte le nostre relazioni. Solo in questo essere-presente io stesso divento un presente, un dono cioè, per le sorelle e i fratelli che adesso incontro.
E questa gioia è la vera vacanza.

La vacanza è perciò essenzialmente un luogo di amore, uno stato della mente e del cuore, una specie di campo magnetico in cui o entriamo o ne restiamo fuori, ovunque andiamo e qualsiasi cosa facciamo, come dicono questi versi: “Entravo nel campo del perdono/ Quando esso entrava in me”.
Benedetto XVI usa proprio questa metafora del “campo” per parlare di quello stato di apertura del cuore, che stiamo chiamando vacanza, e cioè l’uscita gioiosa e stupefatta dalla prigione del nostro vecchio io: “nel mondo segnato dal peccato il baricentro intorno a cui gravita la nostra vita è caratterizzato dall’attaccamento all’io e al ‘si’ impersonale. Questo legame deve essere spezzato per schiudersi a un nuovo amore che ci trasferisca in un altro campo gravitazionale e ci faccia così vivere in modo nuovo”.

Se non amiamo, in definitiva, e non godiamo di ciò che amiamo non siamo in vacanza, ma in prigione.
Potremo anche fuggire ai Caraibi, ma tutta la terra rimarrà sempre e comunque la nostra orribile galera, se il nostro cuore non ospita l’amore, se non siamo cioè beati.
Essere in vacanza significa infatti apprendere ad essere beati, e quindi imparare a lodare, a celebrare la vita, a cantare, perché la vita in noi straripa. A quel punto ogni luogo è uguale, ogni tempo è uguale, perché Tutto diventa Uno: una vera e propria vacanza premio, la gioia, l’eternità, la salvezza.



Pubblicato nella Rivista della Conferenza Italiana Superiori Maggiori "Religiosi in Italia", n.373, Luglio/Agosto 2009

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri