20 Oct 2017
Conferenze



Per scrivermi:
Marco Guzzi
Via G. Valmarana 71
00139 - Roma
marcoguzzi@surf.it
 

Nuove Visioni



12 ottobre 2009

Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

Dal desiderio di una perfetta salute alla speranza della salvezza

Uno dei fenomeni più vistosi del nostro tempo è l’amplificarsi progressivo dell’interesse per la salute. Si può dire anzi che la difesa della salute stia diventando l’unico principio davvero assoluto in base al quale si vanno determinando tutti gli ambiti della vita. Non solo ormai ci nutriamo chiedendoci ad ogni istante se i fritti o le arance, il cioccolato o il cavolo aumentino il colesterolo o abbassino il rischio di tumori; ma facciamo sport e facciamo l’amore, compriamo un auto o andiamo in bicicletta, fumiamo o pratichiamo uno sport, preghiamo o meditiamo, scegliamo un lavoro o un viaggio o una casa, sempre più consapevoli che ogni nostra scelta avrà conseguenze ben precise sul nostro stato di salute.

Il concetto stesso di salute inoltre si va dilatando di decennio in decennio, e ormai non significa più soltanto assenza di malattie, ma uno stato complessivo di pienezza vitale e di armonia psichica, di ricchezza relazionale e di forza creativa e spirituale. Per cui avere cura della propria salute significa certamente stare attenti a che cosa mangiamo a colazione, ma anche vigilare sui propri stati d’animo e quindi sulla propria vita relazionale e lavorativa. Ci stiamo cioè rendendo conto che la pressione del nostro sangue è un dato significativo dello stato della nostra salute non più dei nostri stati depressivi e malinconici o dell’assenza di un apparato simbolico che sappia dare un significato alla nostra esistenza. La nostra disperazione metropolitana, cioè, come d’altronde una vita sregolata e nutrita con i cibi più o meno rancidi del “Grande Fratello” o di “Ballarò”, possono abbassare gravemente il nostro sistema immunitario e farci ammalare. Sappiamo poi che la salute del nostro corpo non dipende soltanto dai nostri comportamenti personali, ma anche dalla struttura delle nostre città, dal traffico, dagli orari contronatura del nostro lavoro, dall’inquinamento acustico, dal livello pietoso della comunicazione di massa, dai mille e mille veleni chimici e psichici che ci aggrediscono da tutte le parti.

Questo fenomeno di dilatazione del concetto di salute verso tutto l’essere (biologico, psicologico, e spirituale) dell’uomo e verso tutta la complessità cosmica del pianeta può dirigerci in due direzioni del tutto opposte. Da una parte può rinchiuderci in una forma di salutismo nevrotico e paralizzante, in un egoismo sempre più angosciato dagli infiniti pericoli che la medicina e l’ecologia ci illustrano ogni giorno. Ma dall’altra può riaprirci ad un concetto di salute globale e quindi propriamente alla speranza della salvezza. Che cosa è infatti la salvezza, in senso cristiano, se non la speranza di una restaurazione definitiva del corpo e del cosmo? Di una guarigione da ogni forma di male e di imperfezione, di morte e di maledizione? E infatti il concetto di salute e quello di salvezza sono originariamente sinonimi, derivando dalla stessa parola latina salus, che a sua volta deriva da un’antica radice greca (solfos) che ha dato vita al vocabolo holon, da cui poi sgorgano anche le radici di heilig, health, whole etc.. La vera salvezza cioè è una sorta di integrazione totale, kat’holon, se vogliamo, e cioè “cattolica”, di tutto l’essere dell’uomo e del creato. Il salvato è l’uomo divenuto integro, sano e salvo, intero, non più scisso e ferito, e perciò, potremmo dire, finalmente e veramente in perfetta salute, entro un cosmo a sua volta sanato da tutti gli elementi di corruzione e di morte.


Primo passo: tornare a sperare in una salute/salvezza globale

L’uomo e la donna contemporanei possono dunque riaprirsi alla speranza di una salute/salvezza definitive, riconoscere che questo è il loro più acuto e più profondo desiderio, proprio partendo da questa crescente attenzione alla propria salute corporea. Dovremmo però radicalizzare il nostro pensiero e renderci conto che in quanto esseri mortali in realtà siamo tutti malati, siamo tutti affetti da una malattia appunto mortale, e prendere atto che l’idea di poterci salvare da questo stato con le sole nostre forze risulta del tutto illusoria.

Le due grandi ideologie moderne, infatti, quella scientistico-materialistica e quella materialistico-storica, che appunto pretendevano di produrre una salvezza universale con le sole forze della ragione e della volontà umane, sono tragicamente tramontate lungo il XX secolo. Nessuno più si illude che la scienza e la tecnica possano “salvarci” in via definitiva, o che la rivoluzione politica possa risolvere tutti i problemi dell’umanità. Anzi ci siamo resi conto che, accanto ai grandi progressi che la ricerca scientifica e le lotte di liberazione hanno senz’altro prodotto nella storia, enormi ombre distruttive sono state liberate, e scatenati effetti collaterali a volte più micidiali degli stessi vantaggi sperati.
Cadute queste due grossolane ideologie che erano divenute anche durissime censure nei confronti di ogni ricerca spirituale o religiosa, oggi l’uomo si ritrova da solo di fronte alle domande ultime di senso e al proprio straziante bisogno di salvezza. E torna a chiedersi con rinnovata semplicità: ma che cosa posso realmente sperare? Quale salvezza è possibile, è disponibile per l’essere umano?

Credo che innanzitutto dovremmo rieducarci a dare ascolto alle nostre più intime aspirazioni. Ci siamo troppo abituati a bollare come folli desideri infantili i nostri sogni di immortalità o di vita eterna. Generazioni di intellettuali, educati al pensiero astratto e quindi a pensare in superficie, hanno convinto i nostri popoli occidentali che l’anelito all’infinito che regna nel cuore umano e che in realtà connota la nostra stessa natura, non sarebbe altro che un vano delirare di cui liberarci per tornare ai giusti limiti del nostro essere povere “scimmie nude”. No. E’ tempo di tornare a delirare libera-mente, e cioè a superare i limiti di ciò che i nostri sensi ci fanno vedere, è tempo di tornare a rivendicare la follia del nostro cuore umano, i nostri sogni di eternità e di salvezza. E’ tempo di tornare a dirci con chiarezza che ogni uomo e ogni donna vogliono una vita senza fine, una gioia senza confini, una conoscenza piena, un amore finalmente integro, e cioè propriamente vogliamo Dio, siamo Deiformi e Teoforici, prima di qualsiasi scelta di fede o di non fede, portiamo comunque Dio, l’Assoluto, la Pienezza della Vita dentro di noi come l’impronta della nostra stessa sostanza, come ha precisato il Papa nell’enciclica Spe salvi: “La vita nel senso vero non la si ha in sé da soli e neppure solo da sé: essa è una relazione. E la vita nella sua totalità è relazione con Colui che è la sorgente della vita. Se siamo in relazione con Colui che non muore, che è la Vita stessa e lo stesso Amore, allora siamo nella vita”(27).


Secondo passo: riconoscere la nostra malattia mortale

L’uomo e la donna del XXI secolo dovrebbero dunque essere innanzitutto rieducati a comprendere che il loro anelito alla salute integrale possiede una profondissima ragione, un fondamento di realtà, e quindi una concreta possibilità di realizzazione, ma che nessuna tecnica e nessuna riforma politica potranno mai soddisfare in pienezza questo desiderio: la salute integrale che cerchiamo trascende infatti questo piano di realtà, anche se è già operante in esso, come una direzione, una guarigione progressiva, e una speranza incrollabile.

Dopo aver dato nuovamente credito al nostro desiderio di eternità e di vita illimitata, dovremmo perciò chiederci come mai l’essere umano viva questo bisogno entro una struttura mortale, deficitaria, e così soggetta alla malattia e ad ogni forma di infermità. Ed è qui, in questo confronto con la nostra difficile e ambigua condizione umana, che può inserirsi la riflessione sul mistero del peccato originario, e della caduta. Dobbiamo cioè interrogarci, anche qui con rinnovata semplicità, sulla alienazione strutturale che connota l’esistenza umana su questa terra.

Lungo il XX secolo sia la pratica psicoanalitica che la filosofia più radicale, semplicemente analizzando i fenomeni esistenziali, si sono dovute confrontare con il mistero di una alienazione, di una perdizione, di una distorsione, che sembrano strutturare l’esistenza umana come tale, come precisa, ad esempio Martin Heidegger, in Essere e tempo: “L’Esserci è, innanzi tutto, sempre de-caduto da se stesso come autentico poter-essere, e deietto nel mondo”. Oggi l’interrogazione sull’alienazione umana sembra quasi scomparsa dal dibattito culturale, forse perché l’alienazione è giunta ad una tale gravità da cancellare la stessa memoria di se stessa: siamo talmente alienati da esserci dimenticati di esserlo. Ma ancora nel 1967 lo psichiatra inglese Ronald Laing gridava con furore apocalittico: “Nessuno oggi, uomo o donna, può mettersi a pensare, sentire o agire, se non partendo dalla propria alienazione. Siamo tutti assassini e prostitute, quale che sia la cultura, la società, la classe, la nazione a cui apparteniamo, e per quanto normali, morali o maturi ci riteniamo. L’umanità è estraniata dalle sue possibilità autentiche… La nostra alienazione giunge alle radici. Il rendersi conto di ciò costituisce l’indispensabile base di ogni seria riflessione su qualsiasi aspetto dell’odierna vita umana di relazione”.


Terzo passo: entrare nel processo messianico della guarigione definitiva

Nessuna prospettiva di guarigione globale può prescindere da questo dato di fatto: l’essere umano deve sempre combattere con uno stato di partenza alienato, e quindi profondamente malato. Una condizione de-caduta che, come ricorda Benedetto XVI nel suo libro su Gesù, dipende da una duplice alienazione che il Papa riassume così, riprendendo la terminologia della teologia medioevale: “spoliatus supernaturalibus e vulneratus in naturalibus: spogliato dello splendore della grazia soprannaturale, ricevuta in dono, e ferito nella sua natura”.

Data questa nostra condizione di malattia mortale è chiaro che la nostra speranza di guarire in modo integrale e definitivo può poggiarsi solo su una potenza infinitamente superiore alle forze vulnerate dell’uomo, una potenza perciò “divina” che possa restituirci la nostra integrità, e ridonarci quella vita piena, che in noi resta solo un desiderio, un anelito straziante. Per cui il desiderio contemporaneo di salute, se portato fino alle sue estreme conseguenze e se ricollegato alle sue più proprie radici interiori, si manifesta propriamente come fame di salvezza, cui può corrispondere in pieno soltanto l’annuncio della bella notizia: il Medico è arrivato, il Medico che guarisce fino in fondo la nostra natura ferita è qui tra di noi, il Soter è ormai dentro la nostra carne umana, l’opera della perfetta guarigione è in corso, dobbiamo soltanto accordarci ad essa, farci assimilare, perdonare, guarire, liberare.

La salvezza messianica, avviata sulla terra mediante l’Incarnazione di Gesù Cristo, si differenzia dalle altre soteriologie proprio in quanto è una salvezza del corpo e non dal corpo, della terra e non dalla terra, del tempo e non dal tempo, dell’Io umano e non dall’Io umano. Anche questa differenza va oggi ricompresa e predicata rispetto alle salvezze precristiane, specialmente di origine asiatica. La salvezza (e quindi l’autentica spiritualità) cristiana non ci salva dalla storia, ma penetra nelle nostre esistenze per trans-figurarle da dentro: ed è perciò per sua natura terapeutica e rivoluzionaria (rispetto ai poteri oppressivi di questo mondo): vince cioè il male in ogni sua manifestazione: fisica, psichica, relazionale, politica. Qui sta la straordinaria modernità del cristianesimo e del suo ideale di salute/salvezza. La nostra salute integrale non implica solo la pulizia “intimistica” della nostra anima, ma anche la piena vitalità del nostro corpo, la ricchezza delle nostre relazioni, la verità della nostra religione, la giustizia delle nostre città, la santificazione di tutto il cosmo. La nostra salute sta nel Corpo/Cosmo risorto di Cristo, nel suo Regno di unità e di pace, e penetra già adesso in questa carcassa di mondo guarendo e distruggendo, sanando i corpi e smantellando i sepolcri imbiancati della storia, come ha fatto il Cristo e come continua a fare in ogni essere umano che si faccia tramite della sua Nuova Umanità.

Questa riscoperta della potenza terapeutica e di liberazione storica, propria della salvezza che si sta operando tramite il Cristo, può dunque riconiugare la tradizione cristiana con le migliori direttrici evolutive della modernità, dando ad esse il loro giusto orientamento: lavoriamo pure qui sulla terra con tutte le nostre forze per la guarigione fisica e per la liberazione politica di ogni persona, sapendo però che il compimento dei nostri desideri trascende questo piano di realtà, e consapevoli che la più potente forza di guarigione/liberazione ci viene sempre dall’alto, dall’Uomo-Dio perfettamente sano, che ci assimila a sé.

Questo orientamento escatologico dell’anelito contemporaneo verso una salute sempre più piena credo che richieda anche la formulazione di itinerari nuovi che possano far sperimentare all’uomo e alla donna disincantati e scettici del XXI secolo la concretezza e l’efficacia operative di queste parole, di queste promesse. Credo che l’annuncio della salus in Cristo non potrà che radicarsi sempre di più in esperienze personali e condivise di guarigione/liberazione, come il Cristo ha sempre insegnato inviando i suoi apostoli, ora come allora, ad annunciare la buona notizia e a guarire contemporaneamente e indissolubilmente “ogni sorta di malattie e d’infermità” (Mt 10,1).



Pubblicato nella Rivista "Via Verità e Vita - Comunicare la fede" - n. 4, luglio/agosto 2009, anno LVIII

marcoguzzi@surf.it


Archivio

Il tempo del tramonto
Un'epoca apocalittica da reinterpretare

leggi tutto

13 aprile 2016


L'Insurrezione
dell'umanità nascente

leggi tutto

21 settembre 2015


Papa Francesco e la nuova contestazione globale del XXI secolo
Il pensiero cristiano custodisce l'ultima critica radicale al pensiero unico?

leggi tutto

22 luglio 2015


Diventare sempre più Cristo
Una nuova stagione di fede vissuta

leggi tutto

28 maggio 2015


Parole per nascere - Poesie di un nuovo inizio
Introduzione al nuovo libro di Marco Guzzi

leggi tutto

15 settembre 2014


La Nuova Evangelizzazione
Un tempo nuovo per la chiesa e per il mondo

leggi tutto

19 maggio 2014


Alla ricerca del continente della gioia
Passi, passaggi, pratiche, e grazie

leggi tutto

7 dicembre 2013


Imparare ad amare: il destino dell'uomo
Introduzione al volume "Imparare ad amare"

leggi tutto

31 ottobre 2013


La fede richiede pensiero


leggi tutto

2 settembre 2013


Il tempo di ricominciare
Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

leggi tutto

13 ottobre 2012


Il tempo della nuova coscienza
La rigenerazione in atto del cuore dell'uomo

leggi tutto

4 giugno 2012


Il cuore a nudo (Premessa)
Guarire in dialogo con Dio

leggi tutto

10 marzo 2012


Il nuovo potere dell'uomo nuovo
Dal dominio alla donazione

leggi tutto

19 gennaio 2012


Nuovi esercizi per un tempo nuovo
La spiritualità cristiana alla svolta dei tempi

leggi tutto

29 ottobre 2011


L'educazione dell'umanità nascente
Pedagogia umana e iniziazione cristiana
nel vortice di una svolta antropologica

leggi tutto

21 giugno 2011


Lettera ai miei figli sulla bellezza del matrimonio
In occasione dei 25 anni di unione coniugale con Paola

leggi tutto

16 maggio 2011


Lo stato della cultura a Occidente
Uno sguardo apocalittico

leggi tutto

28 febbraio 2011


Mancano le parole e manca il pane
Miseria dei ricchi e strage dei poveri

leggi tutto

14 dicembre 2010


Amare è trasformare
Lo sguardo messianico che ama e trasfigura il mondo

leggi tutto

23 ottobre 2010


Essere creativi, divenire cristiani
Scoprire l'intima unione tra creatività radicale ed esperienza cristiana

leggi tutto

24 agosto 2010


La vocazione di tutti
Un amore che libera e sovverte

leggi tutto

3 giugno 2010


Ringiovanire il mondo
Chi sono i giovani in un mondo decrepito?

leggi tutto

3 maggio 2010


Il potere di diventare santi


leggi tutto

7 febbraio 2010


Liberare l'azione ad Occidente
Dal senso di impotenza ad un nuovo slancio del cuore

leggi tutto

13 gennaio 2010


Salute/Salvezza
Il nuovo bisogno primario

leggi tutto

12 ottobre 2009


La vera e la falsa vacanza
Dal turismo di massa alla gioia del cuore

leggi tutto

4 agosto 2009


Spiritualità contemporanea ed esistenza cristiana


leggi tutto

6 luglio 2009


Gli ultimi tempi
L'identità umana rimessa in gioco

leggi tutto

6 maggio 2009


Yoga e preghiera cristiana (Introduzione)
Percorsi di liberazione interiore

leggi tutto

13 aprile 2009


San Paolo ad Atene
Ora come allora: l'umanità a un bivio

leggi tutto

4 marzo 2009


Radicati nella trasformazione
Essere cristiani dentro il travaglio della storia

leggi tutto

16 gennaio 2009


La donna nel fuoco
vivo della trasformazione

leggi tutto

17 dicembre 2008


Accogliere gli affaticati e gli oppressi
L’educazione alla fede come processo di liberazione e di guarigione

leggi tutto

16 ottobre 2008


Sperare nell'Eterno per trasformare la storia
Un commento all'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI

leggi tutto

25 agosto 2008


Essere davvero mariti per essere padri
nel tempo della trans-figurazione

leggi tutto

15 luglio 2008


Questo è un momento cruciale
Il nulla che vedi è la sorgente del tuo significato

leggi tutto

18 giugno 2008


Tornano le domande di senso
Lo spirito umano nei tempi estremi

leggi tutto

21 maggio 2008


La conversione della chiesa
Essere cristiani nel tempo del ricominciamento

leggi tutto

3 aprile 2008


Perdonarsi
L'alienazione, la colpa, e la nuova integrità

leggi tutto

12 marzo 2008


Poesia e Rivoluzione
Lo stato della poesia in Italia

leggi tutto

20 febbraio 2008


Un tempo di grazia, per ricominciare
Interpretare il tempo presente per favorire
la trans-formazione dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2008


La mia esperienza nei gruppi di Marco Guzzi
di Alessandro Iapino

leggi tutto

12 dicembre 2007


Democrazia umana
Crisi e rigenerazione del progetto democratico

leggi tutto

20 novembre 2007


Cuori surgelati?
La gabbia di ghiaccio e il vento del disgelo

leggi tutto

1 novembre 2007


Essere popolo
La laicità assoluta dell'umanità nascente

leggi tutto

11 ottobre 2007


Da via Ravenna al Nuovo Salario
La luce del giorno nel cuore di Roma

leggi tutto

20 settembre 2007


Un fuoco non visto incendia la terra
Lo Spirito ci libera dall'ego, anche da quello cristiano

leggi tutto

24 agosto 2007


Poesia come azione
La nascita dell'umanità dal silenzio e dall'ascolto

leggi tutto

23 giugno 2007


Ri-Educarsi
Alcune riflessioni sull'educazione
della nostra umanità nascente

leggi tutto

30 maggio 2007


Ma vogliamo davvero cambiare?
Le piazze urlanti e le rivoluzioni del cuore

leggi tutto

11 maggio 2007


Dico sì o Dico no
E' questo il problema?

leggi tutto

16 aprile 2007


René Char 1907/2007
La profezia dei poeti

leggi tutto

26 marzo 2007


Etty Hillesum
Un Dio da aiutare a nascere

leggi tutto

5 marzo 2007


Una parola fuori dal coro
Il rifiuto profetico di questo mondo
nell'esperienza poetica contemporanea

leggi tutto

12 febbraio 2007


Poeti dell'inizio e della fine
La confessione del poeta

leggi tutto

28 gennaio 2007


Ritrovare un ordine delle priorità
Cosa fare? e quando e come farlo?

leggi tutto

5 gennaio 2007


Verso l'uomo inedito
omaggio a Ernesto Balducci

leggi tutto

22 dicembre 2006


Lo Spartiacque
Ciò che nasce e ciò che muore
a Occidente

leggi tutto

1 dicembre 2006


Tornare a respirare
Il tempo che ci manca

leggi tutto

13 novembre 2006


Terzo Millennio
La fede cristiana all'alba di un'era nuova

leggi tutto

29 ottobre 2006


Il matrimonio come opera d'arte
Sfide e opportunità di una crisi

leggi tutto

14 settembre 2006


Fragilissimi
La fragilità estrema dell'umanità contemporanea
come condizione propizia alla trasformazione

leggi tutto

31 agosto 2006


Al di là dell'io, al di là dell'Occidente
Leggere i segni dei tempi
nel travaglio della poesia contemporanea

leggi tutto

12 agosto 2006


La liquidazione dell'uomo vecchio
Intervista del quotidiano Avvenire a MG

leggi tutto

27 luglio 2006


Darsi pace
Urgenza psicologica e necessità storica

leggi tutto

15 luglio 2006


Rinascere
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 giugno 2006


RINASCERE (2a parte)
Tre lezioni sul rapporto
tra esperienza cristiana e pratica dello Yoga
alla svolta dei tempi

leggi tutto

28 GIUGNO 2006


In my end is my beginning
Comprendere e vivere
il tempo della trans-figurazione

leggi tutto

7 giugno 2006


Emily Dickinson: poesia come visione e nascita
Concepire l'Eterno come tempo presente

leggi tutto

19 maggio 2006


Amore e Incarnazione
Un commento all'enciclica sull'amore
di Benedetto XVI

leggi tutto

1 maggio 2006


Dialoghi oltre la soglia
ricordando Giovanna Sicari

leggi tutto

15 aprile 2006


Perché i poeti alla fine di un mondo?
Per Martin Heidegger a trenta anni dalla morte

leggi tutto

3 aprile 2006


L'ultima lezione


leggi tutto

3 aprile 2006


Inaugurare l'umano
Introduzione al pensiero
di Maurice Bellet

leggi tutto

15 marzo 2006


In che cosa posso sperare?
Forme e contenuti della speranza
alla fine di un mondo

leggi tutto

2 marzo 2006


Lo splendore del volto
Alcune riflessioni sull'arte contemporanea

leggi tutto

1 febbraio 2006


Passaggio cruciale
La fine di un mondo
e la nascita dell'uomo

leggi tutto

9 gennaio 2006


Beati i puri di cuore
perché vedranno Dio

leggi tutto

5 dicembre 2005


Fede e politica nel XXI secolo
La nuova integrazione
tra spiritualità e prassi trasformative

leggi tutto

15 novembre 2005


Il forte vento della trasformazione
L'esigenza contemporanea e la ricerca
di nuovi itinerari di liberazione interiore

leggi tutto

22 ottobre 2005


Chi parla a chi?
L'autoreferenzialità della cultura dominante
e il balbettio dell'umanità nascente

leggi tutto

6 ottobre 2005


Testimoniare la speranza nel tempo dell'agonia delle civiltà
Alcune riflessioni in vista del Convegno ecclesiale del 2006

leggi tutto

25 agosto 2005


Perdono e Rivoluzione
Intorno ad alcuni contenuti messianici di una conferenza di Jacques Derrida

leggi tutto

15 giugno 2005


Un'umanità che si autocrea?
Alcune riflessioni sulla fecondazione artificiale

leggi tutto

21 maggio


La nuova umanità: di pace
La riconiugazione tra la visione escatologica cristiana e la speranza laica alla svolta dei tempi

leggi tutto

5 maggio 2005


Il tempo più propizio
per un rinnovamento della vita e della cultura cristiane

leggi tutto

5 aprile 2005


Perché e come scrivo poesia
in attesa di un pubblico, in attesa di un mondo

leggi tutto

5 aprile 2005


Mario Luzi: omaggio alla memoria
Dai nostri frammenti l'annuncio di un battesimo

leggi tutto

1 marzo


Per una poetica della gioia
L'eredità poetica del XX secolo

leggi tutto

1 marzo 2005


Tsunami
Il male del mondo e la nostra speranza

leggi tutto

3 febbraio 2005


Lamento con Dio per lo tsunami e risposta


leggi tutto

3 febbraio 2005


Nuove Visioni
Incarnare la verità che si esprime

leggi tutto

10 gennaio 2005


   webmaster: Giulio Balestreri